IN PRIMO PIANO:

Speciale Pubblicato il 21/04/2020

Guida Gratuita: Costruire un piano di stress analizzando i dati dell'impresa

di Staff di Fiscoetasse

Tempo di lettura: 3 minuti
copertina-finalyst

Crisi Coronavirus: un pdf gratuito su come costruire un piano di stress quantificando il fabbisogno finanziario dell’impresa.

Commenta Stampa

Il lockdown provocato dal COVID-19 sta determinando una decisa contrazione del giro d’affari per il sistema produttivo. Al medesimo tempo era inevitabile che innescasse un circolo vizioso nel ciclo degli incassi e pagamenti determinando per molte imprese difficoltà finanziarie ed una tensione di liquidità.

L'articolo continua dopo la pubblicità

Scarica la Guida gratuita

Scopri il Software Finalyst per l’analisi finanziaria, il monitoraggio e la previsione dei dati aziendali, dedicati a imprese e professionisti

e prova la licenza base per due mesi a 1 euro Finalyst Licenza Basic 2 mesi

1) L’importanza della pianificazione finanziaria nell’attuale contesto

La gravità della crisi ha portato il Governo ad individuare alcune azioni immediate che potessero dare ossigeno alle imprese. Il crollo dei ricavi e l’assenza di una prospettiva di ripresa della domanda nel breve termine, ha portato l’attenzione in primo luogo alla preservazione delle disponibilità di cassa mettendo in campo la possibilità per le imprese di ritardare alcuni pagamenti tributari, attivare moratorie verso il sistema bancario, accedere alla CIG.

A queste azioni se ne aggiungono altre con l’obiettivo di far arrivare, tramite il sistema bancario e con la garanzia dello Stato, la liquidità necessaria al sistema produttivo. Infatti, dopo i 350 miliardi contenuti nel pacchetto di norme del decreto Cura Italia, il Governo ha mobilitato ulteriori 400 miliardi con l’obiettivo di  garantire prestiti alle aziende italiane.

Nonostante le azioni governative, per le imprese rimane elevato il rischio di ritrovarsi nei prossimi mesi nella situazione di deficit finanziario e di non riuscire ad onorare i propri debiti. 

Per questo motivo, proprio in questo momento così incerto, appare fondamentale per l’imprenditore valutare se le azioni messe in atto o pianificate per i prossimi mesi possano consentire di mettere in sicurezza la propria azienda.

2) Presupposti e step per la corretta predisposizione di un business plan

Il Business Plan rappresenta lo strumento cardine che definisce gli obiettivi strategici dell’impresa e le conseguenti azioni che si intende porre in atto al fine di conseguirli. Come specificato dal CNDCEC[1], esso è da intendersi come l’insieme delle tecniche e strumenti impiegati dalle organizzazioni aziendali per:

  • pianificare le strategie, le tattiche e le operazioni future;
  • ottimizzare l’uso delle risorse;
  • misurare e valutare le prestazioni;
  • ridurre, per quanto possibile, la soggettività del processo decisionale.

Il business plan, pertanto, prevede tipicamente sia una parte qualitativa e descrittiva, sia un’altra quantitativa che riporta i bilanci prospettici: conto economico, stato patrimoniale e rendiconto finanziario del periodo previsionale preso in esame. A seconda delle ipotesi potranno essere costruiti molteplici scenari previsionali capaci di mettere in luce la relazione tra ipotesi ed i possibili risultati.

A seconda del ciclo di vita dell’azienda e delle esigenze dell’imprenditore, il business plan è uno strumento indispensabile per diverse finalità. È infatti necessario per valutare, a seconda della situazione in esame:

  1. la convenienza e la sostenibilità di un nuovo progetto imprenditoriale (start up) e, più in generale, di un nuovo investimento;
  2. la possibile evoluzione del bilancio dell’impresa, frutto del diverso contesto di mercato ovvero dei piani di crescita definiti. La dinamica mette in luce la capacità dell’impresa di trarre valore dagli investimenti fatti, e quindi di remunerare le diverse fonti di finanziamento (capitale proprio degli azionisti e capitale di terzi);
  3. le azioni da mettere in campo, sia finanziarie che gestionali, che l’azienda in crisi dovrebbe effettuare per ritornare a garantire l’equilibrio reddituale e patrimoniale.

Una volta elaborato, il business plan rappresenta la bussola che guida l’operatività d’impresa ed al contempo un cruscotto per il controllo di gestione al fine di far emergere prontamente eventuali scostamenti che richiedono l’attivazione delle necessarie azioni correttive.


[1] Linee Guida alla Redazione del Business Plan, CNDCEC.

3) Scarica la Guida Gratuita

FISCOeTASSE, in collaborazione di Finalyst, ti propone in omaggio gratuitamente la seguente miniguida

"Crisi Coronavirus come costruire un piano di stress quantificando il fabbisogno finanziario dell’impresa".

La guida, realizzata da Giuseppe Pelliccioni - Managing Director Scouting capital advisors - Coautore Finalyst - si propone come un utile strumento per analizzare le fasi di costruzione di un piano di stress tramite l'ausilio di Finalyst, software cloud per l’analisi finanziaria, il monitoraggio e la previsione dei dati aziendali, dedicati a imprese e professionisti

> Scarica la guida gratuita <


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Partita Doppia 3: Casi pratici
In PROMOZIONE a 18,90 € + IVA invece di 19,90 € + IVA fino al 2020-12-19
La significativita' di revisione (Excel)
In PROMOZIONE a 12,90 € + IVA invece di 16,90 € + IVA fino al 2020-12-15
Calcolo Credito imposta Ricerca e Sviluppo 2020 (excel)
In PROMOZIONE a 54,90 € + IVA invece di 64,90 € + IVA fino al 2020-12-15

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE