Speciale Pubblicato il 02/01/2013

Tassazione polizze assicurative estere: chiarimenti dalle Entrate

di Dott. Raffaele Pellino

168x126 polizze assicurative estere

Per l’applicazione dell’imposta sostitutiva sulle polizze estere basta l’accredito dell’importo corrispondente al riscatto della polizza, anche in assenza di un mandato per la riscossione

Con la CM 41/2012 l’Agenzia interviene sul tema della tassazione delle polizze assicurative estere apportando alcuni chiarimenti alle modifiche previste dall’art. 68 del DL 83/2012. In particolare, i rendimenti finanziari derivanti da contratti di assicurazione sulla vita nonché di capitalizzazione sono soggetti all’imposta sostitutiva prevista dall’articolo 26-ter del DPR 600/73 anche se corrisposti da soggetti esteri a persone fisiche residenti nel territorio dello Stato non esercenti attività d’impresa.

Per un ulteriore approfondimento scarica la Circolare del Giorno n. 260 del 28.12.2012

Consulta le nostre proposte in materia di Iva: E-book e fogli di calcolo  per aiutarti nella tua attività quotidiana



Regole di tassazione

L’imposta è dovuta, dal 2012, nella misura del 20%, ridotta al 12,50% per la parte di reddito riferita al periodo intercorrente tra la data di sottoscrizione/ acquisto ed il 31/12/2011.
All’applicazione e al versamento di tale imposizione sono tenute sia le assicurazione estere con stabile organizzazione in Italia che le assicurazioni estere che operano in Italia in regime di libera prestazioni di servizi e che hanno optato per l’imposta sostitutiva sui redditi, direttamente o tramite un rappresentante fiscale. Tale opzione va comunicata al contraente e all’Amministrazione finanziaria nella prima dichiarazione dei sostituti di imposta e degli intermediari che l’impresa è obbligata a presentare in relazione alle imposte sostitutive trattenute e versate.
Il comma 1 del citato art. 68 introducendo un nuovo periodo all’articolo 26-ter, co.3 del DPR 600/73 stabilisce l’obbligo di sostituzione tributaria anche per gli intermediari attraverso i quali sono riscossi i redditi di capitale derivanti dai contratti stipulati con compagnie estere di assicurazione.
Tale disposizione, in sostanza:

  • amplia l’ambito soggettivo di applicazione della imposta sostitutiva prevista per tali contratti;
  • trova applicazione anche per i contratti stipulati da soggetti residenti (non esercenti attività d’impresa) con assicurazioni estere operanti in Italia in regime di libera prestazione di servizi

sempreché l’imposizione non sia già stata applicata, previa opzione, dalla compagnia estera o dal rappresentante fiscale della stessa residente in Italia che risponde in solido con l’impresa estera per gli obblighi di determinazione e versamento dell’imposta.
I sostituti d’imposta (per lo più, banche e società fiduciarie) applicano la predetta imposta sostitutiva sui redditi di capitale di natura assicurativa qualora:

  • intervengano nella loro riscossione in qualità di intermediari ai quali è stato affidato il relativo mandato dal contribuente o dall’impresa estera;
  • per il loro tramite avvenga l’accredito dell’importo corrispondente al riscatto della polizza (anche in assenza di un mandato per la riscossione) e, quando gli stessi hanno in gestione o in amministrazione la polizza assicurativa curando il trattamento fiscale dei relativi flussi.

Il comma 2 del citato articolo 68 ha introdotto il comma 2-sexies nell’art. 1 del DL 209/2002, che prevede l’applicazione dell’imposta dovuta dalle compagnie di assicuratrici sulle riserve matematiche dei rami vita anche da parte dei soggetti attraverso i quali sono riscossi i redditi derivanti dai contratti di assicurazione esteri e che operano quali sostituti di imposta su incarico del contribuente o della compagnia estera, nel caso in cui la compagnia non si avvalga della facoltà di provvedere agli adempimenti di sostituzione tributaria. Tale disposizione prevede a carico degli intermediari l’obbligo di versamento dell’imposta nella misura dello 0,35%, considerando quale base imponibile il valore del contratto assicurativo “intermediato”.
Nel caso in cui gli intermediari non ricevano dal contraente la provvista per effettuare il versamento delle imposte, questi ultimi devono comunicarlo nel modello 770 all’Amministrazione finanziaria, che provvederà a iscrivere a ruolo gli importi dovuti.
 

Sanzioni

Nel caso in cui l’intermediario, pur disponendo della provvista non effettui (in tutto o in parte) il versamento ovvero, effettui il versamento ma oltre il termine previste per le relative sanzioni si applicano le disposizioni previste in materia di imposte sui redditi pari al 30% (DLgs 471/97) così come le consuete diposizioni relative all’istituto del “ravvedimento operoso” (DLgs 472/97).




Prodotti consigliati per te

12,90 € + IVA
11,90 € + IVA
28,00 € + IVA
23,80 € + IVA

Commenti

Buongiorno, circa 13 anni fa quando abitavo in Olanda ho stipulato una polizza Vita. Da 10 anni sono ritornato in Italia, ed ora l'assicurazione, DeltaLloyd, scade e mi verrà pagata. Quali sono gli obblighi fiscali a cui devo attenermi? Devo pagarli qui in italia o in Olanda? E di quale percentuale di detrazione si tratta? Vi ringrazio gentilmente dell'aiuto.

Cordiali saluti, Roberto Luchino

Commento di Roberto Luchino (17:03 del 17/01/2014)

Ciao Roberto, cercavo una risposta a una situazione simile (Germania nel mio caso). Ormai avrai risolto. Potrei sapere come è stato per la tassazione? Spero di non essere impertinente. Grazie

Risposta di Monika Schmidt (13:42 del 12/11/2015) al commento di Roberto Luchino

Buongiorno a tutti voi,anche la mia situazione (Germania) é la medesima,scaduta nel 2014.Sarei grato degli eventuali consigli.Grazie Stefano

Commento di Stefano (17:10 del 17/07/2016)

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)