HOME

/

CONTABILITÀ

/

FATTURAZIONE ELETTRONICA 2022

/

FORFETTARI E MINIMI: COME EMETTERE FATTURA ELETTRONICA OBBLIGATORIA DAL 1° LUGLIO 2022

Forfettari e minimi: come emettere fattura elettronica obbligatoria dal 1° luglio 2022

Contribuente in regime forfettario: come fare per emettere fattura elettronica? Esempio pratico di compilazione con il servizio Fatture e corrispettivi dell'Agenzia delle Entrate

Ancora pochi giorni e, a partire dal 1° luglio 2022, anche i soggetti IVA in regime forfettario dovranno emettere fattura elettronica. E' quanto prevede la bozza del nuovo Decreto PNRR 2 (decreto-legge del 30 aprile 2022 n. 33) all’art. 18, commi 2-3.

In sede di prima applicazione, l’obbligo riguarderà solo i soggetti che nel 2021 hanno conseguito ricavi o percepito compensi superiori a 25.000 euro.

In particolare, l’art. 18 del Decreto PNRR 2 (DL 36/2022) modificando l’articolo 1, comma 3, del D.lgs 127/2015, ha soppresso l'esonero per i contribuenti che utilizzano il regime forfettario, ovvero stabilendo:

  • a partire dal 1° luglio 2022 per i soggetti che nell'anno precedente abbiano conseguito ricavi ovvero percepito compensi, ragguagliati ad anno, superiori a euro 25.000, 
  • e a partire dal 1° gennaio 2024 per i restanti soggetti,

l’obbligo di emissione della fattura elettronica via SdI anche per:

  • i soggetti che rientrano nel “regime di vantaggio” (articolo 27, commi 1 e 2, Dl 98/2011), 
  • i soggetti che applicano il regime forfettario (articolo 1, commi da 54 a 89, legge 190/2014) 
  • e le associazioni sportive dilettantistiche ed enti del terzo settore che hanno esercitato l’opzione per l’applicazione del regime speciale ai fini dell’Iva e delle imposte sui redditi (articoli 1 e 2, legge 398/1991) e che nel periodo d’imposta precedente hanno conseguito proventi dall’esercizio di attività commerciali, per un importo non superiore a 65mila euro (con proventi oltre tale limite, la fattura andava emessa per loro conto dal cessionario o committente soggetto passivo d’imposta).

Per rendere il processo di fatturazione elettronica più semplice, l’Agenzia delle entrate ha predisposto una serie di servizi gratuiti per gli utenti, per predisporre, trasmettere, consultare e conservare le fatture elettroniche, in particolare tre sono gli strumenti disponibili:

  • Una procedura web accessibile sul sito dell’Agenzia delle Entrate nella sezione "Fatture e Corrispettivi" (tale procedura consente di predisporre e trasmettere le fatture elettroniche);
  • Un’App per dispositivi mobili denominata “FATTURAe” (questa procedura consente anche di trasmettere le fatture elettroniche);
  • Un software “stand alone” rilasciato dall’Agenzia delle Entrate e installabile su PC (tale procedura consente solo di predisporre e salvare i file delle fatture elettroniche).

Dal portale "Fatture e Corrispettivi" sono inoltre disponibili il servizio di conservazione e quello di consultazione delle fatture. Vediamo brevemente come deve fare, un soggetto Iva in regime forfetario, per predisporre una fattura elettronica utilizzando il servizio "Fatture e corrispettivi" messo a disposizione dall’Agenzia delle Entrate.

1) Fattura elettronica forfettario: come accedere al servizio Fatture e corrispettivi

I contribuenti che durante l’anno emettono un numero di fatture esiguo, potrebbere considerare conveniente utilizzare il servizio gratuito dell’Agenzia delle Entrate "Fatture e Corrispettivi" che consente di gestire l’intero processo di fatturazione elettronica (dalla creazione alla conservazione). 

Il portale è un’area web riservata e, quindi, accessibile ai singoli utenti mediante delle credenziali personali:

  • SPID ("Sistema Pubblico dell'Identità Digitale") 
  • Carta Nazionale dei Servizi (CNS) 
  • credenziali Fisconline/Entratel rilasciate dall’Agenzia delle entrate.

Una volta effettuato l’accesso selezionare il servizio “Fatturazione elettronica” e successivamente entrare nell’area “Fatture Corrispettivi”.

Successivamente sarà necessario cliccare sul link “Fatturazione elettronica” dal quale si accederà ad una pagina all'interno della quale sono presenti ulteriori sezioni di lavoro: nella sezione “CREA NUOVO FILE”, è possibile scegliere la tipologia di fattura da predisporre: 

  • se si sta predisponendo una fattura per una Pubblica Amministrazione, si sceglierà il link Fattura PA,
  • se la fattura è destinata ad un cliente diverso dalla PA, si sceglierà uno dei due link:
    • Fattura ordinaria 
    • oppure Fattura semplificata (si ricorda che la fattura semplificata può essere utilizzata solo per importi complessivi di imponibile e Iva non superiori a 100 euro.

In breve sintesi, i passaggi da seguire per la compilazione e l'invio della fattura elettronica sono:

  1. Compilazione dei propri dati (mittente)
  2. Inserimento dati cliente (destinatario)
  3. Compilazione dei dati della fattura
    • Nel caso di forfettari, indicazione dell’imposta di bollo per fatture di importo superiore a 77,47 euro,
    • Indicazione delle diciture obbligatorie.
  4. Firma e invio

2) Fattura elettronica forfettario: esempio pratico di emissione con il servizio Fatture e Corrispettivi

Facciamo un esempio pratico di compilazione di una fattura elettronica di un professionista con propria cassa di previdenza.

Ipotizziamo il caso di un contribuente in regime forfettario, un architetto, che abbia iniziato la propria attività nel 2021, in particolare nel mese di giugno (quindi per 7 mesi) conseguendo ricavi nel 2021 pari a 21.000 euro. Tale importo ragguagliato ad anno (21.000 / 7 * 12 mesi), ammonterebbe a 36.000 euro, di conseguenza il contribuente sarà obbligato ad emettere fattura elettronica già a partire dal 1° luglio 2022. 

Le fatture dovranno innanzitutto contenere i seguenti dati: 

  • nome e cognome di chi effettua la prestazione e relativa partita IVA; 
  • dati del cliente
  • data e numero della fattura e importo del compenso; 
  • importo degli eventuali contributi previdenziali dovuti a titolo di rivalsa dal cliente;
  • dichiarazione che la prestazione è esclusa dall’IVA in quanto soggetta ad imposta sostitutiva.
    In riferimento a quest'ultimo punto la dicitura da riportare sarà:
  • “Operazione effettuata ai sensi dell’articolo 1, commi da 54 a 89, della Legge n. 190/2014 e successive modificazioni”
    A questa dicitura, poi, i professionisti e i lavoratori autonomi dovranno aggiungere la dichiarazione che la prestazione è esclusa anche dalla ritenuta d’acconto, ovvero:
  • “Si richiede la non applicazione della ritenuta alla fonte a titolo d’acconto ai sensi dell’articolo 1 comma 67 della Legge numero 190/2014”.

Attenzione va prestata al fatto che trattandosi di operazioni escluse dall’IVA, comunque, sulle fatture da consegnare al cliente è necessario applicare il bollo di 2,00 euro in tutti i casi in cui la prestazione sia di importo superiore a 77,47 euro. In questo caso dovrà essere aggiunta la dicitura:

  • “Imposta di bollo da 2 euro assolta sull’originale per importi maggiori di 77,47 euro”.

Esempio di compilazione di una fattura elettronica

  • FATTURA Numero: 1 
  • Data: 01/07/2022 
  • Compenso professionale € 2.725,00 
  • IVA € 0,00 
  • contributo integrativo INARCASSA (4%) € 109,00 
  • totale documento € 2.834,00 + imposta di bollo € 2,00 netto a pagare € 2.834,00.

Vediamo come deve essere compilata tramite la procedura web “Fatture e Corrispettivi”.

I miei dati

La prima volta che si utilizza la procedura occorre verificare I MIEI DATI che la procedura riporta in automatico recuperandoli dall’Anagrafe Tributaria: 

  • il campo della Partita Iva non è modificabile, 
  • gli altri dati possono essere variati.

nel menù a destra dello schermo è possibile utilizzare comandi per integrare la fattura nel caso occorra inserire, ad esempio, i riferimenti all’albo professionale oppure il numero di iscrizione al REA, eccetera. 

Importante che sia selezionato il Regime fiscale prevalente al quale abbiamo aderito, ad esempio per i nuovi obbligati sarà:

  • per i contribuenti che rientrano nel regime forfetario si dovrà selezionare il codice:
    RF19 Forfettario (art.1, c. 54-89, L. 190/2014)

  • oppure per coloro che rientrano ancora nel regime dei minimi (abrogato), avendone ancora i requisiti e fino al momento della sua naturale scadenza, dovranno selezionare il codice:
    RF02 Contribuenti minimi (art. 1, c.96-117, L. 244/2007)

Dati Cliente

Nell’inserire i dati del Cliente (cessionario/committente) è fondamentale compilare correttamente il numero di partita Iva ovvero il codice fiscale, ricordandosi di compilare sempre il campo “Codice Destinatario”, che potrà essere compilato con il codice di 7 cifre alfanumerico che avrà comunicato il cliente e rappresenta l’indirizzo telematico dove recapitare le fatture.

  • Se il cliente dovesse aver comunicato un indirizzo PEC (quale indirizzo telematico dove intende ricevere la fattura) e quindi sprovvisto del codice alfanumerico, il campo “Codice Destinatario” dovrà essere compilato con il valore “0000000” e, nel campo “PEC destinatario”, andrà riportato l’indirizzo PEC comunicato dal cliente
  • Se il cliente non comunica alcun indirizzo telematico (nel caso di un consumatore finale oppure un operatore in regime di vantaggio o forfettario, non ancora obbligato ad emettere fattura elettronica dal 1° luglio), sarà sufficiente compilare solo il campo “CodiceDestinatario” con il valore “0000000”. In questo caso, il SdI non riuscirà a consegnare la fattura elettronica al cliente, ma la metterà a disposizione di quest’ultimo in un’apposita area di consultazione riservata del sito dell’Agenzia. Quindi, sarà importante che il fornitore consegni al cliente una copia, anche su carta, ricordandogli che la fattura originale è quella elettronica e che potrà consultarla e scaricarla dalla sua area riservata del sito dell’Agenzia delle Entrate.

Dati Fattura

Dopo aver selezionato il cliente, andremo a compilare i dati della fattura con tutte le informazioni che la identificano, quali il suo numero e la sua data di emissione

Prima di tutto è necessario, selezionare il “Tipo di documento” (fattura, autofattura, nota di credito, ecc. …) che si sta generando. 

Il servizio web dell’Agenzia consente di selezionare la tipologia del documento da un menù a tendina; tuttavia, è utile ricordare che i codici utilizzabili obbligatoriamente dal 1° gennaio 2021 sono i seguenti:

Codice

Tipo documento

TD01

Fattura

TD02

Acconto / Anticipo su fattura

TD03

Acconto / Anticipo su parcella

TD04

Nota di credito

TD05

Nota di debito

TD06

Parcella

TD16 

Integrazione fattura reverse charge interno

TD17 

Integrazione / autofattura per acquisto servizi dall’estero

TD18 

Integrazione per acquisto di beni intraUE

TD19 

Integrazione / autofattura per acquisto di beni ex art. 17, comma 2, D.P.R. n. 633/72

TD20

Autofattura per regolarizzazione e integrazione delle fatture (art. 6, comma 8, D.lgs. n. 471/97 o art. 46, comma 5 D.L. n. 331/93).

TD21 

Autofattura per splafonamento

TD22 

Estrazione beni da un deposito IVA

TD23 

Estrazione beni da un deposito IVA con versamento dell’IVA (tramite mod. F24)

TD24 

Fattura differita di cui all’art. 21, comma 4, lett. a)

TD25 

Fattura differita di cui all’art. 21, comma 4, terzo periodo, lett. b)

TD26 

Cessione beni ammortizzabili e passaggi interni (ex art. 36, D.P.R. n. 633/72)

TD27 

Fattura per autoconsumo (ex art. 2, comma 2, n. 5, D.P.R. n. 633/72) / cessioni gratuite senza rivalsa (ex art. 2, comma 2, n. 4, D.P.R. n. 633/72

Successivamente si dovrà compilare la sezione “Beni e Servizi” cliccando su Aggiungi, comprendente le seguenti informazioni:

  • la natura
  • quantità e qualità del bene ceduto o del servizio prestato, 
  • i valori dell’imponibile
  • aliquota Iva e imposta: qualora l’operazione dovesse essere esente, non imponibile, in reverse charge, ecc., al posto dell’aliquota Iva si selezionerà l’apposita “natura” dell’operazione ai fini Iva.

Le operazioni senza applicazione dell’IVA effettuate dai contribuenti minimi / forfetari sono contraddistinte dal codice natura “N2.2 – Operazioni non soggette – altri casi”.

La procedura web dell’Agenzia, tuttavia, consente anche di inserire ulteriori dati a seconda dell’esigenza dell’operatore che deve emettere la fattura: ad esempio, se l’operatore è un professionista e deve inserire la voce relativa alla cassa previdenziale, sarà possibile selezionare l’apposita casella nella sezione “Altri dati” presente nella schermata relativa alla compilazione dei dati caratteristici del documento.

Nel caso in cui la l’importo della fattura dovesse essere superiore a 77,47 euro, i soggetti in regime forfettario, dovranno applicare l’imposta di bollo. Dal pannello laterale di destra “Altri dati” sopra menzionato, si dovrà selezionare “Dati bollo”

Dopo aver selezionato la cassa di appartenenza e impostato l’aliquota, l’importo contributo cassa è da indicare manualmente, calcolando il 4% sul totale imponibile di 2725,00, si dovranno inserire manualmente gli ultimi dati, sempre dal pannello laterale di destra “Altri dati”, ovvero le “Causali” relative alle diciture obbligatorie da inserire in fattura, che per i soggetti in regime forfettario sono:

  • “Operazione effettuata ai sensi dell’articolo 1, commi da 54 a 89, della Legge n. 190/2014, e successive modificazioni.”
  • “Si richiede la non applicazione della ritenuta alla fonte a titolo d’acconto ai sensi dell’articolo 1 comma 67 della Legge numero 190/2014”

Firma e Invio

Una volta predisposta la fattura, la procedura permette di:

  • ricontrollare tutte le informazioni inserite, 
  • salvare il file della fattura nel formato obbligatorio XML 
  • e visualizzare lo stesso file anche in formato PDF. Inoltre, la schermata propone anche il tasto “Sigilla” che consente di garantire l’integrità del file XML che si invierà al SdI. 

L’ultimo tasto presente nella schermata finale è quello di “Invia” del documento, che consente di trasmettere il file della fattura al Sistema di Interscambio che lo controllerà e lo recapiterà all’indirizzo telematico del cliente.

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA
Commenti

Rocco Zagaria - 04/08/2022

Salve, quando inserisco il bollo, oltre a selezionare "Dati bollo" e successivamente "Bollo virtuale" devo aggiungerlo anche in un nuovo campo della descrizione per farlo pagare al cliente?

Antonio - 29/07/2022

Salve, chiedo scusa se non è la sezione esatta per questa domanda. Volevo chiedere quale esatto "codice natura" iva utilizzare in caso, ad esempio, di fatture da estero (EXTRA UE) verso ditta italiana (NON forfetaria), per servizi web o telematici in genere. Ho cercato dappertutto, compreso ADE, ma ho trovato tutto molto generico e a volte contraddittorio. Grazie. Antonio.

Luigia Lumia - 04/08/2022

Ha provato questo ebook? https://www.fiscoetasse.com/BusinessCenter/scheda/45671-fatturazione-elettronica-2022-operazioni-con-l-estero.html

Francesco P. - 10/07/2022

Buongiorno, grazie per l'utile articolo. Volevo chiedere come si procede nel caso di professionista con regime forfettario con obbligo fatture el dal primo luglio 2022 che oltre a fare le fatture come sopra descritto ha necessità di fatturare anche delle spese anticipate in nome e per conto del cliente (escluse art. 15 DPR 633/1972). Grazie Francesco

Claudia Tossani - 19/07/2022

Buongiorno Francesco, le rispondo riportandole anche quanto chiarito in una Faq dell'Agenzia delle Entrate. L'esempio grafico di compilazione lo può trovare a questo link: https://www.fiscoetasse.com/files/14729/faq-spese-anticipate-forfetari.pdf. Come indicato anche da lei, ai sensi dell’art. 15 del d.P.R. n. 633/72, le spese anticipate in nome e per conto del cliente non concorrono alla formazione della base imponibile e quindi al calcolo dell’IVA, purché opportunamente documentate. Una delle modalità per riportare tali spese nella fattura elettronica può essere quella di inserire un blocco “DatiBeniServizi” riportando l’importo delle spese, la loro descrizione e, al posto dell’aliquota IVA, il codice natura “N1” (“escluse ex art. 15”). Un’altra modalità di riportare in fattura le spese può essere quella di utilizzare il blocco “Altri dati gestionali”, ricordandosi poi di aggiungere al valore del totale dell’importo del documento quello delle spese in argomento (si ricorda che il blocco “Altri dati gestionali” è selezionabile nella sezione in cui si inseriscono le descrizioni dei beni/servizi oggetto della cessione/prestazione). Spero di esserle stata di aiuto. Un saluto cordiale Claudia Tossani

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LA FATTURA ELETTRONICA NELLA PMI · 13/09/2022 Fatturazione elettronica PA: come funziona

Come fatturare nei confronti della pubblica amministrazione: la fatturazione elettronica e le sue regole

Fatturazione elettronica PA: come funziona

Come fatturare nei confronti della pubblica amministrazione: la fatturazione elettronica e le sue regole

Comunicazione dati POS alle Entrate: prorogati i termini di invio

Arriva la proroga dei termini di invio dei dati dei pagamenti POS tramite il servizio PagoPA con provvedimento del 2 settembre 2022

Fattura elettronica forfettari: il 31.08 scade la moratoria per le operazioni di luglio

Forfettari con ricavi/compensi superiori a 25mila euro dal 1 luglio obbligati alla fattura elettronica. Norma a regime dal 1 ottobre

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.