HOME

/

LAVORO

/

LA RUBRICA DEL LAVORO

/

LA REVISIONE DELLE RENDITE INAIL

La revisione delle rendite INAIL

La revisione delle rendite INAIL per infortuni e malattie professionali adegua l'importo dell'indennizzo all'inabilità effettiva. La tempistica:

L’istituto della revisione delle rendite INAIL ha, come è noto, lo scopo di adeguare il grado di inabilità derivante da infortunio o malattia professionale alle variazioni, peggiorative o migliorative, dell’integrità psico-fisica dell’assicurato, intervenute nel corso del tempo, in modo da far corrispondere costantemente l’importo dell’indennizzo economico all’entità del danno.
La misura della rendita può essere riveduta:

  1.  sia su domanda del titolare della rendita (revisione passiva) ; in questo caso il richiedente deve accompagnare la domanda con un certificato medico contenente un motivato giudizio di aggravamento e una valutazione del danno;
  2. sia per disposizione dell’Istituto assicuratore (revisione attiva) a scadenze temporali diverse a seconda che si tratti di rendita da infortunio o da malattia professionale.  In questo caso l’assicurato non può rifiutare di sottoporsi a visita medica pena la sospensione del pagamento della rendita.


In base alle disposizioni del Testo Unico di cui al DPR n.1124/65 ,  i termini revisionali si computano dalla data di costituzione della rendita, da intendersi come data di decorrenza. Quest’ultima coincide con il giorno successivo alla cessazione dell’inabilità temporanea assoluta al lavoro, oppure, per le malattie professionali che non determinano astensione dal lavoro, con la data di ricezione , da parte dell’INAIL, della denuncia o del primo certificato medico. 
Le norme del T.U. che disciplinano i termini revisionali si applicano anche alle rendite costituite in regime di “danno biologico” per effetto del richiamo disposto dall’art.13 comma 7 del Dlgs n. 38/2000.

L'articolo continua dopo la pubblicità

Leggi l'articolo completo "Il processo revisionale delle rendite INAIL"  di N. Negri (direttore INAIL Abruzzo ) -  fa parte della Circolare del lavoro n. 42 del 11.11.2016

1) Revisione rendita da infortunio

La revisione delle rendite derivanti da infortunio è disciplinata dall’art. 83 del T.U..  Tale norma dispone che:

  •  nei primi quattro anni dalla decorrenza della rendita, la prima revisione può essere richiesta o disposta solo trascorso un anno dalla data dell’infortunio e almeno sei mesi dalla data di decorrenza della rendita stessa  e ciascuna delle successive revisioni non può essere richiesta o disposta a distanza inferiore ad un anno dalla precedente.  Il termine annuale si computa dalla data dalla quale ha effetto il provvedimento relativo alla precedente revisione.
  •   Trascorso il quarto anno, la revisione può essere richiesta o disposta solo due volte: la prima alla fine di un triennio (cioè al settennio) e la seconda alla fine del successivo triennio (cioè al decennio).
  •  Il diritto alla revisione al quarto e al settimo anno è suscettibile di essere esercitato entro il triennio prescrizionale dalle scadenze medesime. Al suddetto termine prescrizionale va aggiunto quello sospensivo di 210 giorni fissato dall’art. 111 T.U. per l’espletamento del procedimento revisionale.
  •  La revisione al decimo anno, invece, in analogia a quanto previsto dall’art.137 T.U. per le malattie professionali, è soggetta al termine di decadenza di una anno dal compimento del decennio. Essa va pertanto richiesta o disposta entro 10 anni + 1 dalla data di decorrenza della rendita. Questa estensione analogica dell’art 137 T.U. alle rendite derivanti da infortunio è frutto dell’elaborazione giurisprudenziale della Corte di Cassazione, fatta propria dall’Istituto e motivata dal rispetto del principio costituzionale di  eguaglianza (Cass. Civ., Sez. Lav. n. 21387 del 2004 e n. 16056 del 2004).

Il termine prescrizionale triennale e quello di decadenza annuale riguardano solo l’esercizio del diritto. La valutazione medico – legale dei postumi deve essere sempre riferita alla situazione di fatto esistente alla data di maturazione del diritto alla revisione.
 

2) Revisione rendita da malattia professionale

Per le rendite derivanti da malattia professionale, l’art. 137 del T.U. prevede che la prima revisione può essere promossa dopo che siano trascorsi sei mesi dalla data di cessazione del periodo di inabilità temporanea assoluta o, qualora non sussista tale inabilità, dopo che sia trascorso un anno dalla data di manifestazione della malattia, ossia dalla data in cui la malattia stessa viene segnalata all’INAIL con la denuncia o il primo certificato medico.
Ciascuna delle successive revisioni non può essere richiesta o disposta a distanza inferiore ad un anno dalla precedente; mentre l’ultima può aversi soltanto per modificazioni avvenute entro il termine di quindici anni dalla data di decorrenza della rendita.
L’ultima revisione va richiesta o disposta entro il termine di decadenza di un anno dalla scadenza del quindicennio.
Fanno eccezione le rendite dei medici esposti a rischio di malattie e lesioni causate dall'azione dei raggi X e delle sostanze radioattive, nonché dei Tecnici di Radiologia medica (sia autonomi che dipendenti), che non sono soggette al termine ultimo di revisionabilità di 15 anni previsto dall'art. 137 T.U..

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA
Commenti

Marco - 17/05/2018

Il 15 marzo del 2010 ho avuto un infortunio sul lavoro,tutto il 2010 sono stato sotto infortunio dal 2011 mi hanno assegnato un punteggio e una rendita mensile,di cui sia questo punteggio e sia la rendita mi e stata sempre aumentata ,il 30 ottobre del 2014 mi hanno chiamato di nuovo a visita di controllo dove anno riscontrato con esami che sono stato sottoposto a perdita funzionale della mano destra di cui invalidità mi e stata portata al 50% il massimo che mi anno dato e giustamente mi e stata aumentata anche la pensione,il 30 ottobre sono stato di nuovo chiamato a visita di cui mo stata nuovamente confermata,per quando mi possono ancora chiamare a visita di controllo,volevo sapere anche ma se nel 2014 mi hanno dato esito di perdita funzionale della mano destra e giusto che mi mandano a chiamare a visita di controllo .

Gianni Tubaro - 17/09/2017

Ciao, vorrei sapere se la revisione INAIL è retroattiva, premetto che ho una piccola rendita dal 2015, a marzo 2016, ho fatto la visita del medico legale dal'INAIL 15/09/2017, vorrei sapere se de retroattiva visto che la visita da parte da INAIL è avvenuta cosi tardiva.

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LA RUBRICA DEL LAVORO · 19/08/2022 Artigiani e Commercianti, doppio versamento il 22 agosto

Aliquote minimali e massimali Artigiani e Commercianti 2022. Novità sull'Indennizzo per cessazione attività . Scadenza in arrivo per 2^ rata del minimale e saldo 2021...

Artigiani e Commercianti, doppio versamento il 22 agosto

Aliquote minimali e massimali Artigiani e Commercianti 2022. Novità sull'Indennizzo per cessazione attività . Scadenza in arrivo per 2^ rata del minimale e saldo 2021...

Fringe benefits 2022, nuova soglia 600 euro

Decreto Aiuti bis: franchigia piu alta e inserimento di erogazioni per le utenze domestiche dei dipendenti. Con il bonus 200 euro benzina si arriva ad 800 euro esenti

Bonus sociali  bollette:  regole e novità per tutto il 2022

Guida ai bonus sociali per acqua, luce e gas: nuova soglia ISEE e stop ai rincari fino al 31 dicembre 2022 con il decreto Aiuti bis. Come si richiedono

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.