HOME

/

PMI

/

REGIME FORFETTARIO

/

I MODELLI AA9/11 E AA7/10 PER LE COMUNICAZIONI IVA: NOVITÀ PER I MINIMI E COMPILAZIONE AI FINI VIES

I Modelli AA9/11 e AA7/10 per le comunicazioni IVA: novità per i minimi e compilazione ai fini VIES

Nuovo campo per i minimi nel modello AA9/11 per le comunicazioni IVA istituito da un provvedimento dell'Agenzia del 18 maggio 2012

L’Agenzia delle Entrate, con provvedimento n. 72479 del 18.05.2012, ha approvato il nuovo modello AA9/11, utilizzabile dalle persone fisiche per le dichiarazioni di inizio attività, variazione dati o cessazione attività ai fini Iva a partire dal 22.5.2012. Il nuovo modello AA9/11 utilizzabile, ricordiamo, a partire dal 22.05.2012, è disponibile gratuitamente sul sito dell’Agenzia delle Entrate assieme alle relative istruzioni di compilazione.

Nello stesso provvedimento l’Agenzia ha modificato le istruzioni relative al modello AA7 /2011 che è riservato ai soggetti diversi dalle persone fisiche . Inoltre, per coloro che iniziano un’attività e intendono essere iscritti nell’archivio VIES (e quindi autorizzati all’effettuazione di operazioni intracomunitarie), è necessario compilare il quadro “I” del modello, indicando il volume di acquisti e cessioni UE che si presume di effettuare.

Vediamo con ordine e più in dettaglio le novità.

1) Il nuovo modello AA9/11

L’approvazione del nuovo mod. AA9/11 e delle relative istruzioni si è reso necessario a seguito della “nuova” disciplina per i contribuenti minimi introdotta, a decorrere dal 2012, dall’art. 27, DL n. 98/2011, c.d. “Manovra correttiva”.

Il nuovo modello contiene infatti il nuovo campo dedicato al modificato regime dei minimi, che dovrà essere compilato dai soggetti in possesso dei requisiti, intendano usufruirne. Le istruzioni per la compilazione dispongono che: “la casella deve essere barrata dai contribuenti che ritengono di essere in possesso dei requisiti che comportano l’applicazione del regime previsto dall’articolo 27, commi 1 e 2, del decreto legge 6 luglio 2011, n. 98 e che intendono avvalersi dello stesso”.

 
Ricordiamo a proposito che, il “nuovo” regime dei minimi è riservato innanzitutto alle persone fisiche che intraprendono un’attività d’impresa o di lavoro autonomo dal 1° gennaio 2012 o che l’hanno intrapresa successivamente al 31.12.2007 e prevede un  regime di tassazione agevolata con imposta sositutiva dell'IRPEF del 5% e  importanti semplificazioni amministrative.

Tale regime ha una durata limitata, in quanto si applica per il periodo d’imposta in cui l’attività è iniziata e per i quattro anni successivi, a prescindere dall’età del contribuente. Vi è una deroga per i contribuenti under 35 , per i quale il regime è applicabile anche oltre il 4° periodo d’imposta ma non oltre il periodo d’imposta in cui il contribuente compie il 35° anno d’età.

2) Il quadro I del modello AA9/11 per l’archivio VIES

Come già detto , a seguito dei Provvedimenti dell’Agenzia delle Entrate del 29.12.2010, se il soggetto è intenzionato a porre in essere operazioni intracomunitarie (D.l. n. 331/1993), deve manifestare tale volontà nella dichiarazione di inizio attività:

Ora quindi nelle istruzioni del nuovo modello AA9/11 si afferma espressamente che chi inizia un’attività, deve manifestare la volontà di porre in essere operazioni intracomunitarie compilando il quadro I del mod. AA9/11, nel campo denominato “Operazioni intracomunitarie”, indicando il volume di acquisti e cessioni che presume di effettuare. La compilazione vale per l’iscrizione all’archivio VIES.

3) Le istruzioni di compilazione per il mod. AA7/2010

Il Provvedimento che ha istituito il nuovo modello AA9/11 ha aggiornato anche le istruzioni per la compilazione del mod. AA7/10 (da utilizzare per le dichiarazioni di inizio attività, variazione dati o cessazione attività ai fini Iva dei soggetti diversi dalle persone fisiche), che vanno a sostituire quelle approvate con il Provvedimento 29.12.2009. La struttura del modello stesso, invece, non ha subito modifiche.

Le modifiche apportate alle istruzioni per la compilazione del mod. AA7/10 riguardano le operazioni intracomunitarie e sono le stesse illustrate per il mod. AA9, a seguito dell’obbligo di iscrizione nel VIES da parte di soggetti che intendono effettuare operazioni UE anche per soggetti diversi dalle persone fisiche.
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

FATTURAZIONE ELETTRONICA 2022 · 16/05/2022 Contribuenti forfettari 2022 ed ex-minimi: come emettere fattura elettronica

Contribuente in regime forfettario: come fare per emettere fattura elettronica? Esempio pratico di compilazione con il servizio Fatture e corrispettivi dell'Agenzia delle Entrate

Contribuenti forfettari 2022 ed ex-minimi: come emettere fattura elettronica

Contribuente in regime forfettario: come fare per emettere fattura elettronica? Esempio pratico di compilazione con il servizio Fatture e corrispettivi dell'Agenzia delle Entrate

Forfettari: dal 1 luglio 2022 obbligo di fattura elettronica con eccezioni

Il Decreto PNRR 2 è andato in GU n 36 del 30 aprile 2022. Obbligo dal 1 luglio di fattura elettronica per i forfettari con una eccezione per le micro PIVA

Forfetari e ritenute a titolo d’acconto: rimborso o utilizzo in dichiarazione

I professionisti in regime forfetario possono emettere fatture con ritenute a titolo d’acconto del 20%, da utilizzare poi in dichiarazione o da chiedere a rimborso

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.