HOME

/

LAVORO

/

LAVORO ESTERO 2022

/

I BENEFICI FISCALI PER DOCENTI E RICERCATORI

I benefici fiscali per docenti e ricercatori

Docenti e ricercatori che rientrano in Italia: guida al regime agevolativo.

L’art. 1, comma 763, della “Legge di Bilancio 2022” introduce anche per docenti e ricercatori rientrati in Italia fino al 2019 la possibilità di optare per l’estensione dell’ambito di applicazione del regime agevolativo a 8, 11 o 13 periodi di imposta complessivi, previo versamento di un’imposta forfettaria. In proposito, il Provvedimento dell’Agenzia delle entrate, prot. n. 102028 del 31.03.2022, indica le modalità di esercizio di tale opzione

Riepiloghiamo le caratteristiche del regime speciale previsto per queste categorie di contribuenti e vediamo come procedere con l’opzione. 

Questo articolo è un estratto della Circolare del Giorno 178 del 23 giugno 2022 "I benefici fiscali per docenti e ricercatori" disponibile anche nell'abbonamento alla circolare del Giorno di Fiscoetasse.
Dello stesso autore segnaliamo

Ti potrebbero interessare gli ebook:

1) Benefici per il "Rientro dei cervelli"

Come noto, relativamente ai docenti e ai ricercatori che trasferiscono la propria residenza fiscale in Italia per esercitarvi la propria attività lavorativa, il Legislatore ha previsto un particolare regime fiscale di favore, in base al quale, fatta salva la sussistenza di determinati requisiti oggettivi e soggettivi, i compensi percepiti concorrono alla formazione del reddito di lavoro dipendente o autonomo nella misura solamente del 10% del loro ammontare, oltre a essere esclusi dal valore della produzione netta ai fini dell’IRAP. 

Approssimandosi la scadenza del 30 giugno (data limite entro la quale gli interessati provvedono al pagamento degli importi – 10% ovvero 5% – necessari al fine di esercitare l’opzione prevista dal regime in parola), l’Agenzia delle entrate ha emanato il provvedimento n. 102128 del 31.03.2022

Tramite tale provvedimento vengono fornite le indispensabili indicazioni operative, e con successiva risoluzione (di cui si dirà in seguito) è stato istituito il codice tributo da indicare in fase di versamento, impartendo le istruzioni per la compilazione del modello F24, con il quale – giova ricordarlo – non è possibile avvalersi dell’istituto della compensazione.. 

Subito dopo il provvedimento in questione, l’Agenzia ha altresì provveduto a emanare la circolare n. 9/E del 01.04.2022, la quale, al paragrafo 9, espone gli effetti della novella introdotta nell’ultima Legge di Bilancio, proprio al fine di poter optare per l’estensione dell’ambito di applicazione del regime agevolativo. 

Prima, però, di andare a verificare tali aspetti di carattere prettamente operativo, pare doveroso ricordare l’intera normativa di riferimento, non senza un indispensabile richiamo alle varie disposizioni che si sono succedute da quando è stato istituito il regime speciale in argomento sino a oggi.

Questo articolo è un estratto della Circolare del Giorno 178 del 23 giugno 2022 "I benefici fiscali per docenti e ricercatori" disponibile anche nell'abbonamento alla circolare del Giorno di Fiscoetasse.
Dello stesso autore segnaliamo

2) La normativa di riferimento

Con l’obiettivo di favorire gli investimenti, i consumi e il radicamento in Italia di nuclei familiari e individui non residenti e ad alto potenziale, il Legislatore nazionale ha introdotto incentivi per chi si trasferisce in Italia a svolgere attività lavorativa. Tali soggetti, in alternativa alla disciplina ordinaria, hanno la possibilità di godere di una tassazione agevolata consistente, in sostanza, nella drastica riduzione del reddito imponibile rispetto a quello effettivamente conseguito. 

Tutte le agevolazioni presuppongono il trasferimento della residenza fiscale in Italia da parte della persona che intende usufruirne. Viene inoltre richiesto che, prima del trasferimento nel territorio dello Stato, la persona fisica interessata sia rimasta all’estero per un periodo di tempo minimo, variabile a seconda dell’agevolazione interessata. 

L’art. 2 del Tuir (comma 2) considera residenti in Italia le persone fisiche che per la maggior parte del periodo d’imposta, cioè per almeno 183 giorni (o 184 giorni in caso di anno bisestile), sono iscritte nelle anagrafi della popolazione residente o hanno nel territorio dello Stato il domicilio o la residenza. Queste condizioni sono alternative: la sussistenza anche di una sola di esse è sufficiente a far ritenere che un soggetto sia qualificato, ai fini fiscali, residente in Italia. 

Gli incentivi di regola si applicano a decorrere dal periodo d’imposta in cui la persona diviene fiscalmente residente in Italia, avendo riguardo al periodo di vigenza dei singoli regimi e alla durata degli stessi. Ora, considerato che per le persone fisiche il periodo di imposta coincide con l’anno solare, un contribuente che si sia trasferito in Italia dopo il 2 luglio (dopo il 1° luglio nel caso di anno bisestile) non può essere considerato fiscalmente residente per quell’anno, in quanto risulterà residente per un tempo inferiore alla maggior parte del periodo d’imposta. 

Esempio 

Chi si iscrive nell’anagrafe della popolazione residente a partire dal 03.07.2021 non è considerato fiscalmente residente nel 2021 e, pertanto, non può accedere alle agevolazioni per quell’anno d’imposta, a meno che non abbia effettivamente trasferito il domicilio o la residenza prima di tale data

Riepilogando, dunque, l’agevolazione consiste in un abbattimento della tassazione del 90% del reddito (lavoro autonomo o dipendente), cosicché le imposte rimangono dovute solo sulla residua parte del 10% di quanto percepito. Gli incentivi spettano ai docenti e ai ricercatori che svolgono in Italia la loro attività, per i redditi di tale qualità qui prodotti, e che possiedono determinati requisiti.

Questo articolo è un estratto della Circolare del Giorno 178 del 23 giugno 2022 "I benefici fiscali per docenti e ricercatori" disponibile anche nell'abbonamento alla circolare del Giorno di Fiscoetasse.
Dello stesso autore segnaliamo

3) Requisiti per il rientro di docenti e ricercatori

  1. TITOLO DI STUDIO UNIVERSITARIO O EQUIPARATO: Sono validi tutti i titoli accademici universitari o equiparati. Attenzione, però, che i titoli di studio conseguiti all’estero non sono automaticamente riconosciuti in Italia. Pertanto, l’interessato deve richiedere la “dichiarazione di valore” alla competente autorità consolare, cioè un documento che attesta il valore del titolo di studio nel Paese in cui è stato conseguito. La dichiarazione va redatta in lingua italiana e rilasciata dalle Rappresentanze Diplomatiche italiane all’estero (Ambasciate/Consolati) competenti per zona. 
  2. RESIDENZA ESTERA NON OCCASIONALE : La legge non specifica la durata della permanenza all’estero ma si limita a richiedere che si tratti di una permanenza stabile e non occasionale. Considerato che la durata dell’attività di ricerca o docenza all’estero deve essersi protratta per almeno 2 anni consecutivi, tale periodo può ritenersi il tempo minimo necessario per avere le agevolazioni. 
  3. DOCUMENTATA ATTIVITÀ ESTERA DI RICERCA O DOCENZA PER ALMENO 2 ANNI CONTINUATIVI, PRESSO CENTRI DI RICERCA PUBBLICI O PRIVATI O UNIVERSITÀ : L’attività di ricerca può essere individuata nell’attività destinata alla ricerca di base, alla ricerca industriale, di sviluppo sperimentale e a studi di fattibilità. L’attività di docenza, invece, può essere individuata nell’attività di insegnamento svolta presso istituzioni universitarie, pubbliche e private.  L’effettivo svolgimento dell’attività di ricerca o di docenza all’estero deve risultare da idonea documentazione rilasciata dagli stessi centri di ricerca o dalle università presso i quali l’attività è stata svolta. L’attività di docenza e ricerca non necessariamente deve essere stata svolta nei 2 anni immediatamente precedenti il rientro.  Per il calcolo del biennio di attività è possibile sommare il periodo di svolgimento dell’attività di docenza e dell’attività di ricerca (per esempio, può essere stata svolta per un anno attività di ricerca e nel successivo anno accademico attività di docenza). 
  4. ATTIVITÀ DI DOCENZA E RICERCA SVOLTA IN ITALIA: Non assume rilievo la natura del datore di lavoro o del soggetto committente, che, per l’attività di ricerca, può essere un’università, pubblica o privata, o un centro di ricerca pubblico o privato, o un’impresa o un ente che, in ragione della peculiarità del settore economico in cui opera, disponga di strutture organizzative finalizzate alla ricerca. Per quanto riguarda l’attività di docenza possono ritenersi agevolabili tutte le attività finalizzate all’insegnamento e quelle finalizzate alla formazione, svolte presso università, scuole, uffici o aziende, pubblici o privati. 
  5. ACQUISIZIONE DELLA RESIDENZA FISCALE NEL TERRITORIO DELLO STATO. L’agevolazione spetta: 
    • sia nel caso in cui il docente o il ricercatore abbia iniziato a svolgere l’attività in Italia prima di trasferirvi la residenza
    • sia nel caso in cui abbia trasferito la residenza in Italia e abbia poi iniziato a svolgervi l’attività
  6. LA DURATA DELL’AGEVOLAZIONE VARIA  La durata ordinaria dell’agevolazione è di 6 anni, a condizione che il contribuente rimanga residente in Italia.  L’agevolazione sale a 8 anni nel caso in cui i cui i docenti o ricercatori abbiano un figlio minorenne, o a carico, anche in affido preadottivo. Ancora 8 anni di durata sono previsti per l’agevolazione nel caso in cui il docente o ricercatore diventi proprietario di almeno un’unità immobiliare di tipo residenziale in Italia, successivamente al trasferimento in Italia della residenza, o nei 12 mesi precedenti al trasferimento, sempre a patto che rimanga residente in Italia. L’unità immobiliare può essere acquistata direttamente dal docente o ricercatore, oppure dal coniuge, dal convivente, o dai figli, anche in comproprietà.  Infine, l’agevolazione sale a ben 13 anni per i docenti e ricercatori che abbiano almeno 3 figli minorenni, o a carico, anche in affido preadottivo, successivamente al trasferimento della residenza in Italia, e sempre a condizione che permanga la residenza fiscale in Italia. 
  7. BENEFICI ANCHE PER GLI STRANIERI  Come ha avuto modo di precisare l’Agenzia delle Entrate (Risposta interpello 307 del 3 settembre 2020) , la disposizione non si rivolge soltanto ai cittadini italiani che intendono rientrare in Italia, ma interessa in linea generale tutti i ricercatori residenti all'estero, i quali, trasferendosi nel territorio nazionale, possono favorire lo sviluppo della ricerca in Italia in virtù delle loro particolari conoscenze scientifiche.  La norma infatti risponde alla duplice esigenza di porre rimedio al c.d. fenomeno della "fuga dei cervelli" e di favorire lo sviluppo tecnologico e scientifico del Paese. 
Questo articolo è un estratto della Circolare del Giorno 178 del 23 giugno 2022 "I benefici fiscali per docenti e ricercatori" disponibile anche nell'abbonamento alla circolare del Giorno di Fiscoetasse.
Dello stesso autore segnaliamo

4) Novità nella Legge di bilancio

In modo analogo a quanto stabilito per i lavoratori impatriati nella precedente “Legge di Bilancio 2021”, quella attuale (Legge 234/2021) ha previsto che i docenti e i ricercatori, che siano stati iscritti all’AIRE o che siano cittadini di Stati membri dell’Unione europea, che: 

  • hanno già trasferito in Italia la residenza prima dell’anno 2020 e che
  • alla data del 31.12.2019 risultano beneficiari del relativo regime fiscale agevolato

possono optare – previo versamento di una sorta “di imposta di ingresso” – per l’applicazione dell’estensione degli incentivi fiscali in presenza di un figlio minorenne, o a carico (anche in affido preadottivo), o in caso di acquisto di almeno un’unità immobiliare di tipo residenziale in Italia al momento del loro rientro nel territorio italiano. 

La novella normativa nella sostanza offre la possibilità di optare per l’estensione dell’ambito di applicazione del regime agevolativo a 8, 11 o 13 periodi di imposta complessivi, previo versamento di un’imposta forfetaria

Per meglio dire, i docenti e i ricercatori trasferiti in Italia a partire dal 2020 possono optare per estendere la detassazione a: 

  • 8 periodi di imposta, in caso di contribuenti con un figlio minorenne, o a carico (anche in affido preadottivo), oppure divenuti proprietari di almeno un’unità immobiliare residenziale in Italia dopo il trasferimento (entro 18 mesi), o nei 12 mesi precedenti 
  • 11 periodi di imposta, in caso di contribuenti con almeno 2 figli minorenni, o a carico (anche in affido preadottivo) 
  • 13 periodi di imposta, in caso di contribuenti con almeno 3 figli minorenni, o a carico (anche in affido preadottivo) 

Restano ovviamente impregiudicati i requisiti per quei docenti e ricercatori che, svolgendo la loro attività in Italia (sia essa come lavoro dipendente o autonomo), desiderino accedere ai benefici: 

  • avere un titolo di studio universitario o a esso equiparato;
  • essere stati residenti all’estero non in maniera occasionale
  • avere svolto all’estero documentata attività di ricerca o docenza per almeno 2 anni continuativi, presso centri di ricerca pubblici o privati, oppure università; 
  • acquisire la residenza fiscale in Italia, mantenendola per tutto il periodo di fruizione dell’agevolazione (in caso di nuovo trasferimento all’estero, il beneficio viene meno dal periodo di imposta in cui si perde la residenza fiscale in Italia). 

Prima, peraltro, di andare ad analizzare le modalità operative concernenti l’esercizio dell’opzione, corre l’obbligo di evidenziare quanto segue. 

Stando al tenore letterale della norma, parrebbe esserci un’incomprensibile eliminazione (dai benefici previsti con l’opzione in discorso), dei cittadini italiani che non risultavano iscritti all’AIRE nel periodo trascorso all’estero: ciò appare tanto più illogico se si considera che invece la disposizione si applica ai cittadini UE. 

L’unica ragionevole interpretazione del disposto normativo – seppure alquanto forzata, bisogna riconoscerlo – è che, con la proposizione “siano cittadini di Stati membri dell'Unione europea”, in realtà il Legislatore abbia inteso includere anche i cittadini italiani, i quali, in quanto tali, sono appunto “cittadini di Stati membri dell’Unione europea”. 

Qualunque sia l’interpretazione che vorrà cortesemente precisare a tutti l’Agenzia delle entrate (speriamo in tempi brevi, viste le scadenze oramai incombenti), si reputa che la normativa nel suo complesso imponga una necessaria maggiore attenzione in capo ai docenti e ricercatori interessati, ai quali si raccomanda altresì di analizzare sempre le regole della Convenzione internazionale di rispettivo interesse, onde poter comunque dimostrare una loro eventuale residenza all’estero.

Questo articolo è un estratto della Circolare del Giorno 178 del 23 giugno 2022 "I benefici fiscali per docenti e ricercatori" disponibile anche nell'abbonamento alla circolare del Giorno di Fiscoetasse.
Dello stesso autore segnaliamo
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LAVORO ESTERO 2022 · 03/11/2022 Agevolazione Rientro cervelli: un esempio di dichiarazione dei redditi

Agevolazione fiscale rientro dei cervelli in Italia e dichiarazione dei redditi in caso di cu estera e cu italiana: riepilogo dei requisiti per beneficiarne

Agevolazione Rientro cervelli: un esempio di dichiarazione dei redditi

Agevolazione fiscale rientro dei cervelli in Italia e dichiarazione dei redditi in caso di cu estera e cu italiana: riepilogo dei requisiti per beneficiarne

Regime impatriati ok anche con  cariche amministrative nel Gruppo

Risposta ad interpello n. 524 del 25 ottobre 2022: regime applicabile anche in gruppo multinazionale mantenendo cariche amministrative in aziende controllate

Il regime fiscale degli impatriati 2022: ultimi chiarimenti

Il regime fiscale degli impatriati alla luce delle ultime risposte dell’Agenzia delle Entrate

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.