IN PRIMO PIANO:

Speciale Pubblicato il 19/11/2019

Forfettari: controlli di fine anno

di Dott. Simone Dimitri - Dott.ssa Clara Pollet

Tempo di lettura: 4 minuti
contabilità

Verso fine anno è utile che i contribuenti monitorino le situazioni che potrebbero farli decadere dal regime

Commenta Stampa

I soggetti che usufruiscono del regime forfettario, prima della fine del periodo d’imposta, devono  “monitorare” le situazioni che potrebbero farli ricadere nelle cause ostative al regime agevolato, con riferimento:

  • al limite di reddito;
  • al possesso diretto o indiretto di partecipazioni di controllo;
  • e alla prevalenza rispetto al totale annuo di fatture emesse verso un precedente datore di lavoro o altro soggetto ad esso collegato.

In alcuni casi è possibile evitare la fuoriuscita eliminando la causa ostativa.

Per un calcolo della convenienza ti potrebbe interessare il Pacchetto "Regime forfetario 2020 e convenienza (eBook + excel)

Ti segnaliamo anche la Fattura Professionista regime forfettario (excel) Foglio di calcolo che consente di produrre la fattura del professionista in regime forfettario, pronta per essere stampata su carta intestata

1) Forfettari: controlli di fine anno

I soggetti che usufruiscono del regime forfettario devono verificare gli elementi che potrebbero determinare l’uscita dal regime agevolato.
Fuoriescono dal regime forfettario a partire dal 2020 i contribuenti che nell’anno 2019:

  • percepiscono compensi superiori a 65.000 euro;
  • rientrano nelle cause ostative (possesso di partecipazioni di controllo diretto o indiretto, fatturano prevalentemente verso ex datori di lavoro);
  • a seguito di accertamento divenuto definitivo perdono la condizione del limite dei compensi.

2) Limiti di reddito

Chi applica il regime forfetario determina il reddito imponibile applicando all’ammontare dei ricavi o dei compensi percepiti il coefficiente di redditività nella misura indicata nell’allegato n. 4 alla legge 190/2014, diversificata a seconda del codice ATECO che contraddistingue l’attività esercitata.
Si fa riferimento al limite di 65.000 euro, ragguagliato ad anno, di ricavi conseguiti e ai compensi percepiti nel periodo di imposta, calcolati in base al criterio di cassa.
Dal momento che si tratta di un limite ragguagliato ad anno, per le attività iniziate nel corso dell’anno 2019 occorre verificare il limite relativo.

Ad esempio, nel caso di inizio attività il 1° ottobre 2019, il limite di reddito da non superare è 3/12 di 65.000 euro cioè pari a 16.250 euro:

  • se il contribuente percepisce 16.300 euro entro il 31 dicembre 2019 fuoriesce dal regime nell’anno 2020;
  • se il contribuente percepisce 16.200 euro rimane nel regime forfettario anche nell’anno 2020.

Il superamento dei ricavi o dei compensi massimi su base annua, non causa l’immediata decadenza dal regime, ma solo dal periodo di imposta successivo.

3) Controllo diretto di srl

Tra le cause ostative introdotte nell’attuale versione del regime forfettario, analizziamo quella di cui alla lettera d) del comma 57 dell'articolo 1 della legge n. 190/2014. Tale disposizione prevede che non possono applicare il regime forfetario gli esercenti attività d'impresa, arti o professioni che controllano direttamente o indirettamente società a responsabilità limitata, le quali esercitano attività economiche direttamente o indirettamente riconducibili a quelle svolte dagli esercenti attività d'impresa, arti o professioni.

La circolare n. 9/E del 10 aprile 2019 ha chiarito che affinché operi tale causa ostativa è necessaria la compresenza:
1) del controllo diretto o indiretto di società a responsabilità limitata e
2) dell'esercizio da parte della stessa di attività economiche direttamente o indirettamente riconducibili a quelle svolte dagli esercenti attività d'impresa, arti o professioni.

Sul punto, la circolare n. 9/E/2019 ha chiarito che occorre avere in ogni caso riguardo alle attività effettivamente svolte in concreto dal contribuente e dalla società a responsabilità limitata controllata, indipendentemente dai codici ATECO 2007 dichiarati, per valutarne la correlazione. 

In assenza di una delle predette condizioni, la causa ostativa non opera e il contribuente può applicare o permanere nel regime forfetario.

Riguardo alla decorrenza della causa ostativa, la medesima circolare precisa che ai fini della verifica delle stessa assume rilevanza l'anno di applicazione del regime e non l'anno precedente, dal momento che solo nell'anno di applicazione del regime può essere verificata la riconducibilità diretta o indiretta delle attività economiche svolte dalla s.r.l. a quelle esercitate dal contribuente in regime forfetario.

Pertanto, in linea generale il contribuente può aderire per il 2019 al regime forfetario in quanto la presenza della causa ostativa va valutata in detto anno e - ove ne sia accertata l'esistenza - decadrà dal regime nel 2020.

4) Rapporti prevalenti con precedenti datori di lavoro

In base alla lettera d-bis) del comma 57 non possono applicare il regime forfetario le persone fisiche la cui attività sia esercitata prevalentemente nei confronti di datori di lavoro con i quali sono in corso rapporti di lavoro, o erano intercorsi rapporti di lavoro nei due precedenti periodi d'imposta, ovvero nei confronti di soggetti direttamente o indirettamente riconducibili ai suddetti datori di lavoro.
Ai fini della verifica assume rilevanza l'anno di applicazione del regime e non l'anno precedente, dal momento che il requisito della prevalenza può essere verificato solo al termine del periodo d'imposta di applicazione del regime forfetario. Pertanto, in linea generale il contribuente può applicare per il 2019 il regime forfetario, in quanto la presenza della causa ostativa va valutata alla fine di detto anno e - ove ne sia accertata l'esistenza - decadrà dal regime nel 2020.
Rimane inteso che se manca la prevalenza, ossia il fatturato nei confronti del precedente datore di lavoro (degli ultimi due anni) o soggetto riconducibile collegato direttamente o indirettamente è inferiore al 50%, manca la causa ostativa e non c’è fuoriuscita dal regime agevolato.
La causa ostativa non si applica qualora la cessazione del rapporto di lavoro sia intervenuta anteriormente ai due periodi d’imposta precedenti a quello di applicazione del regime forfetario.


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra
 kate kate - 04/01/2020
Fatture cartacee per prestazioni professionali mediche emesse nel 2019 in regime forfettario ma NON compensate nel 2019 (fine anno) slittano obbligatoriamente come ricavi nel regime ordinario 2020 (obbligatorio per superamento tetto 30000€) e quindi verranno tassate con aliquota maggiorata? Grazie
Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Affrancamento terreni 2020 (excel)
Scaricalo a 39,90 € + IVA
Valutazione d'azienda e Affrancamento: Pacchetto
In PROMOZIONE a 119,90 € + IVA invece di 159,96 € + IVA fino al 2030-12-31
Superbonus 110 per cento: calcolo del beneficio (Excel)
In PROMOZIONE a 89,90 € + IVA invece di 99,90 € + IVA fino al 2020-11-10
Busta Paga Colf 2020 - Foglio di calcolo (excel)
In PROMOZIONE a 29,90 € + IVA invece di 34,90 € + IVA fino al 2021-03-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE