Pubblicato il 17/12/2010
HOME > PRIMO PIANO > In primo piano > Antiriciclaggio >

Tracciabilità incassi e pagamenti per i contratti con enti pubblici

Dott. Sergio Massa

La tracciabilità dei pagamenti o degli incassi relativi ai contratti con enti pubblici interessa potenzialmente tutti i contribuenti in quanto gli obblighi non si fermano al primo appaltatore o fornitore dell’Ente Pubblico, ma si ripercuotono a cascata sulla filiera delle imprese coinvolte, quindi anche sui subappaltatori e sui subfornitori.

Immagine FiscoeTasse
Il 7 settembre 2010 è entrata in vigore la legge n. 136/2010 che, al fine di prevenire infiltrazioni criminali nel settore degli appalti, ha introdotto alcune disposizioni che impongono la tracciabilità dei flussi finanziari relativi ai contratti pubblici di lavori, forniture e servizi. Successivamente con il DL n. 187 del 12.11.2010 sono state apportate alcune modifiche e sono state dettate disposizioni interpretative e attuative. Poi e’ intervenuta la Determinazione n. 8 del 18.11.2010 dell’Autorità, la quale  offre alcuni chiarimenti sull’applicazione della disciplina.
Precisiamo prima di tutto che TUTTI possono essere interessati a questa normativa in quanto gli obblighi non si fermano al primo appaltatore o fornitore dell’Ente Pubblico, ma si ripercuotono a cascata sulla filiera delle imprese coinvolte, quindi anche sui subappaltatori e sui subfornitori.  Per cui l’impresa Rossi che fornisce l’impresa Bianchi che a sua volta fornisce il tal Comune e’ comunque soggetta alla tracciabilita’ degli incassi/pagamenti.

Chi puo' essere interessato alla tracciabilità dei pagamenti: un esempio

Supponiamo che il Comune di Abbiategrasso deliberi di costruire una piscina comunale e indìca una gara, vinta dall’impresa Rossi; il Comune innanzitutto dovra’ richiedere a Roma il numero di CIG (Codice Identificativo di Gara) ovvero di CUP (Codice Unico di Progetto). Stipulera’ un contratto d’appalto con l’aggiudicatario inserendo la clausola di tracciabilita’ dei pagamenti e comunicandogli il CIG. A sua volta quest’ultimo (l’impresa Rossi) dovra’ comunicare immediatamente al Comune su quali c/c bancari effettuare i pagamenti (e questi sono definiti c/c dedicati) e le generalita’ dei soggetti abilitati alla firma. A sua volta l’impresa Rossi dovra’ riportare l’analoga clausola di tracciabilita’ nei contratti con i suoi fornitori. Tutti i pagamenti che il Comune effettuera’ all’impresa Rossi dovranno transitare sul (o sui) c/c bancari dedicati comunicati, contraddistinti dal CIG, come pure tutti i pagamenti ai fornitori dell’impresa Rossi riconducibili a quell’appalto,

Adeguamento dei contratti già stipulati ante 7.9.2010 per la tracciabilità dei flussi finanziari

Il DL 187/2010 richiede che i contratti in essere al 7 settembre 2010 siano adeguati alle nuove disposizioni entro 180 giorni; fino a questa scadenza le stazioni appaltanti (cioe’ gli Enti pubblici) possono effettuare in favore degli appaltatori tutti pagamenti richiesti in esecuzione di tali contratti, anche in mancanza della clausola relativa alla tracciabilità; dopo il 7 marzo 2011 i contratti che non riporteranno la clausola relativa alla tracciabilità saranno nulli e pertanto inidonei a produrre effetti giuridici. Si suggerisce percio’ di integrare espressamente i contratti già stipulati mediante atti aggiuntivi, magari aspettando la conversione in legge del decreto 187 perche’ non e’ detto che non ci siano altre modifiche.

 

Ambito di applicazione degli obblighi di tracciabilità dei pagamenti e incassi

Gli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari riguardano tutti i soggetti tenuti all’applicazione del Codice dei contratti pubblici e valgono per i seguenti contratti:  contratti di appalto di lavori, servizi e forniture, anche esclusi dall’ambito di applicazione del Codice ai sensi del Titolo II della Parte I; concessioni di lavori pubblici e concessioni di servizi; contratti di partenariato pubblico-privato; contratti di subappalto e subfornitura; contratti in economia, compresi gli affidamenti diretti.

Gli obblighi si applicano anche ai professionisti che concorrono all’aggiudicazione di appalti aventi ad oggetto i servizi di ingegneria e architettura, compresi i contratti di affidamento inerenti lo sviluppo di progetti (preliminari, definitivi e esecutivi) che fanno seguito a concorsi di idee o di progettazione.

Gli strumenti di pagamento ammessi per la tracciabilità dei flussi finanziari

Per assicurare la tracciabilita’ degli incassi/pagamenti l’originaria L. 136/2010 aveva previsto solo lo strumento del bonifico bancario; successivamente e’ stata ammessa anche la procedura delle ricevute bancarie elettroniche (c.d. Ri.Ba); in questo caso tuttavia sussiste un vincolo relativo alla circostanza che il CUP e il CIG devono essere inseriti sin dall’inizio dal beneficiario invece che dal pagatore: la procedura ha avvio infatti con la richiesta da parte del creditore, prosegue con un avviso al debitore e si chiude con l’eventuale pagamento che può essere abbinato alle informazioni di flusso originariamente impostate dal creditore. Attualmente, invece, il servizio di pagamento RID, di ampio utilizzo tra imprese, non consente di rispettare il requisito della piena tracciabilità poiché il flusso telematico non sembra in grado di gestire i codici identificativi.

Anche i pagamenti a favore di dipendenti, le spese generali e l’acquisto di immobilizzazioni tecniche   devono transitare sui conti correnti dedicati; se una determinata attrezzatura viene utilizzata con riferimento a più commesse pubbliche, il relativo pagamento dovrà essere effettuato e registrato per l’intero con esclusivo riferimento a una delle commesse in questione, mentre non sarà considerato per le altre. Allo stesso modo i pagamenti a favore dei dipendenti dovranno essere effettuati sul conto dedicato relativo a una singola specifica commessa, anche se i dipendenti prestano la loro opera in relazione a una pluralità di contratti. Con riferimento a tali pagamenti e’ stato precisato che non è necessaria l’indicazione del CUP e/o del CIG.

Leggi tutti gli articoli in Speciali
tag Tag: Antiriciclaggio e uso contante
Su questo argomento ti possono interessare anche questi prodotti:
Scaricalo in PROMOZIONE a 29,40 € invece di 58,80 € fino al 31/01/2015
Utile e-book sugli obblighi del professionista in tema di antiriciclaggio e utili Schede di lavoro corredate da una sintesi della procedura per lo studio
Scaricalo in PROMOZIONE a 27,90 € invece di 39,90 € fino al 30/11/2014
Utili Schede di lavoro, corredate da una sintesi della procedura per lo studio professionale, per l'adempimento degli obblighi antiriciclaggio, dall'adeguata identificazione della clientela all'eventuale segnalazione di operazioni sospette.
Scaricalo in PROMOZIONE a 17,19 € invece di 18,90 € fino al 30/11/2014
• Obblighi • Esenzioni • Verifica della clientela • Documenti • Organi di controllo • Comunicazioni. Obiettivo di questo E-Book è quello di fornire ai professionisti ed agli addetti del settore le adeguate conoscenze in presenza di situazioni legate alla tracciabilità dei pagamenti, nonché rientranti nella sfera della propria attività professionale, inoltre sono stati inseriti dei fac-simili utili per ottemperare a quelli che sono gli obblighi di legge
Scaricalo subito a 4,90 €
La Circolare del Giorno n. 224 del 07.11.2012

Commenti

con riguardo alla nuova normativa sulla tracciabilità dei flussi finanziari, è possibile sapere se per quanto riguarda il pagamento del personale si possono effettuare giroconti e compensazioni, nell'ipotesi in cui vi fossero delle difficoltà per l'azienda nella gestione di un conto dedicato per tali pagamenti?

- Commento di Chiara (10:25 del 07/03/2011)
Scrivi un commento
I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)

CHIUDI E CONTINUA LA NAVIGAZIONE