HOME

/

LAVORO

/

LA BUSTA PAGA 2021

/

DPI E LAVORO DIPENDENTE: IL TEMPO PER INDOSSARLI DEVE ESSERE RETRIBUITO

DPI e lavoro dipendente: il tempo per indossarli deve essere retribuito

Il tempo impiegato per indossare i Dispositivi di Protezione Individuale deve essere retribuito se il loro uso è imposto dal datore di lavoro

Ci sono eventi talmente rilevanti da riuscire a modificare le più normali abitudini quotidiane, anche in campo lavorativo. Con l’arrivo della pandemia, e poi con le conseguenti misure di contenimento, parole come DPI, acronimo di Dispositivi di Protezione Individuale, prima relegate all’interesse limitato di alcuni settori, sono divenute di uso comune.

Ormai chiunque è a conoscenza dell’obbligatorietà, oltre che della necessità, dell’utilizzo di questi dispositivi per tutti coloro che lavorano in contatto con il pubblico, per la propria e l’altrui tutela.

A seconda delle mansioni e del lavoro svolto dal lavoratore, il tempo richiesto per indossare i DPI previsti dalla normativa nazionale può anche non essere indifferente.

Se per il lavoro autonomo questo è un problema naturalmente a carico di chi è datore di lavoro di se stesso, nel contesto del lavoro dipendente, quando la retribuzione diventa funzionale al tempo, se il tempo impiegato per indossare tali dispositivi debba essere retribuito oppure no, e se si, in che misura, è questione di viva attuali.

La recente ordinanza della Corte di Cassazione sezione civile numero 21168 del 23 luglio 2021, occupandosi della questione, stabilisce un punto sull’eventuale contendere.

L’ordinanza non si occupa nello specifico dei DPI per la tutela sanitaria previsti ai fini della prevenzione della diffusione del coronavirus Covid-19, ma prende in esame, più genericamente e universalmente, il problema dell’eventuale computabilità nell’orario di lavoro del tempo dedicato “alle operazioni di vestizione e svestizione conseguenti all’uso di divise aziendali e dispositivi di protezione individuale da indossare prima dell’inizio dell’orario di lavoro e da lasciare in sede al termine”.

Si comprenderà come la fattispecie in esame non rappresenti un caso specifico, ma un insieme di situazioni, all’interno delle quali ricadono anche i DPI pandemici, in relazione alle quali la Corte stabilisce delle linee guida applicative.

Secondo la Corte di Cassazione non sono di per sé stesse le caratteristiche del vestiario o dei dispositivi utilizzati a inquadrare la remunerabilità del tempo impiegato, quanto “la condizione data dall’essere le modalità esecutive di quelle operazioni imposte dal datore di lavoro”, fatto che, però, a seconda delle situazioni, può essere “implicitamente desumibile […] dalla natura degli indumenti da indossare o dalla specifica funzione che essi devono assolvere nello svolgimento della prestazione”.

Quindi, per potersi il tempo di vestizione considerare tempo di lavoro, da doversi retribuire, il lavoratore in questa operazione deve essere eterodiretto dal datore di lavoro, attraverso l’imposizione di specifiche modalità operative da parte sua. La natura degli indumenti indossati e dei DPI adoperati, a seconda della specifica funzione che essi svolgono, per le loro caratteristiche intrinseche possono da soli essere in grado di dimostrare implicitamente che il loro utilizzo non rappresenti una libera scelta del lavoratore, ma una imposizione del datore di lavoro.

Semplificando per chiarezza, il datore di lavoro che richieda al lavoratore di indossare uno specifico vestiario e specifici dispositivi di protezione individuale, per scelta aziendale o per imposizione legale (possibilmente prevista per la specifica attività lavorativa espletata), dovrà anche retribuire il lavoratore per il tempo che questo impieghi per l’operazione.

Tornando ai DPI e al vestiario funzionale alla tutela dal Covid-19, e osservandoli attraverso le lenti interpretative dell’ordinanza in trattazione, si evidenzierà come il tempo necessario per indossarli dovrà essere retribuito in tutti i casi in cui l’operazione è richiesta dal datore di lavoro con  modalità dallo stesso indicate, a prescindere che questi risponda a una scelta aziendale o alla Legge.

In relazione alla quantificazione del tempo dedicato alle operazioni in questione, da retribuirsi, la Corte, basandosi su “un dato di comune esperienza”, ha ritenuto plausibile un arco temporale di 30 minuti; ma questo dipenderà anche dalle specifiche situazioni e dalle richieste del datore di lavoro.

Ti possono interessare sul tema Vestizione e tempo di lavoro Commento alla sentenza 7738/2018  e "Differenza tra tuta da lavoro e DPI - Sent Cass 5176/2014

Per approfondire   vedi Paghe e contributi di A. Gerbaldi ( libro di carta  408 pagine  2021)

e l'ebook La busta paga 2021 lettura e compilazione di M.C. Prudente (PDF 108 pagine)

Tag: LA BUSTA PAGA 2021 LA BUSTA PAGA 2021 LA RUBRICA DEL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LA BUSTA PAGA 2021 · 19/10/2021 TFR: cos'è, come si calcola. Coefficenti fino a settembre 2021

Coefficienti di rivalutazione TFR, regole per il trattamento di fine rapporto, modalità di calcolo e tassazione. Tabella coefficienti da gennaio 2017 a settembre 2021 Esempi

TFR: cos'è, come si calcola. Coefficenti fino a settembre 2021

Coefficienti di rivalutazione TFR, regole per il trattamento di fine rapporto, modalità di calcolo e tassazione. Tabella coefficienti da gennaio 2017 a settembre 2021 Esempi

Riduzione del  cuneo fiscale: a chi spetta e quanto

Tutte le regole sull'applicazione del taglio del cuneo fiscale in busta paga (ex bonus Renzi) anche nel 2021 . Si torna a parlarne nella riforma fiscale in corso di approvazione

Licenziamento ed emolumenti fuori busta: testimonianza valida

Licenziamento di un dirigente demansionamento , la cassazione ammette le testimonianze ai fini del calcolo del TFR dovuto che provano emolumenti fuori busta paga

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.