HOME

/

DIRITTO

/

CODICE DELLA CRISI D'IMPRESA E DELL'INSOLVENZA 2022

/

DEBITI ERARIALI E CONTRIBUTIVI NEL CODICE DELLA CRISI D'IMPRESA

Debiti erariali e contributivi nel codice della crisi d'impresa

Accordo di ristrutturazione e concordato preventivo: la riduzione dei debiti nei confronti dell'erario e degli enti previdenziali

Il nuovo Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza (D.Lgs. 14/2019, in acronimo CCII) mette a disposizione dell’imprenditore in difficoltà un ampio ventaglio di strumenti per cercare di fronteggiare la crisi ed evitare la “liquidazione giudiziale” (nuova denominazione del fallimento).

Tra tali strumenti, tuttavia, solo due consentono di ottenere una riduzione dei debiti erariali e contributivi, anche in assenza di adesione dell’amministrazione finanziaria, ovvero il cosiddetto “cram down fiscale e contributivo”; essi sono:

  • gli accordi di ristrutturazione dei debiti (artt. 57 ss CCII)
  • il concordato preventivo (artt. 84 ss CCII).

L'articolo continua dopo la pubblicità

Ti consigliamo:

Degli stessi autori dell'articolo ti consigliamo il libro edito da Maggioli a novembre 2022:

1) Accordi di ristrutturazione

Con gli accordi di ristrutturazione l’imprenditore in stato di crisi può sistemare la propria situazione debitoria chiedendo al tribunale l’omologazione di accordi stipulati con tanti creditori che rappresentino almeno il 60% dei crediti totali.

Trattandosi di accordi, le pattuizioni in essi contenute sono vincolanti solamente per i creditori aderenti e non per quelli estranei ai quali deve essere assicurato il pagamento integrale entro 120 giorni che decorrono:

  • dall'omologazione, se i crediti sono già scaduti a quella data;
  • dalla scadenza, se i crediti non sono ancora scaduti alla data dell'omologazione.

Se, tuttavia, l’imprenditore rinuncia alla moratoria di 120 giorni (impegnandosi quindi a pagare i creditori estranei alle scadenze contrattualmente previste) la percentuale di adesione scende al 30% (c.d. “accordi di ristrutturazione agevolati” – art. 60 CCII).

Con riferimento ai debiti erariali e contributivi, l’art. 63 prevede che, nell’ambito delle trattative che precedono la stipulazione degli accordi di ristrutturazione, il debitore può proporre il pagamento, parziale o anche dilazionato, dei tributi e dei relativi accessori amministrati dalle agenzie fiscali, nonché dei contributi amministrati dagli enti gestori di forme di previdenza, assistenza e assicurazione per l’invalidità, la vecchiaia e i superstiti obbligatorie e dei relativi accessori.

In tal caso, il tribunale può procedere all’omologazione degli accordi anche in assenza di adesione dell’amministrazione finanziaria o degli enti previdenziali (cram down fiscale e contributivo) a condizione che:

i) la loro adesione sia determinante per il raggiungimento delle maggioranze;

ii) un professionista indipendente attesti che il trattamento riservato ai creditori pubblici è più conveniente rispetto a quanto otterrebbero da un’eventuale liquidazione giudiziale.

Per il monitoraggio e la prevenzione della crisi d'impresa ti suggeriamo il software online Finalyst. Semplice ed intuitivo permette l'analisi consuntiva dei dati aziendali, i piani previsionali per adempiere ai requisiti di verifica della sostenibilità prospettica prevista dal nuovo Codice della Crisi. Il collegamento con Infocamere permette di scaricare e analizzare in automatico i dati di bilancio depositati dalle aziende clienti e dai competitor. Richiedi ulteriori informazioni.


2) Concordato preventivo

A differenza degli accordi di ristrutturazione il concordato preventivo prevede, anziché una serie di accordi, un’unica proposta di regolazione della crisi, indirizzata alla generalità dei creditori che, se approvata dalla maggioranza, estende i suoi effetti a tutti i creditori, compresi i dissenzienti e quelli che non hanno votato la proposta.

Per quanto riguarda i debiti tributari e contributivi, il concordato preventivo consente:

i) il pagamento parziale o dilazionato dei debiti tributari e contributivi a condizione che il piano ne preveda la soddisfazione in misura non inferiore a quella realizzabile in caso di liquidazione giudiziale, come indicato nella relazione di un professionista indipendente (art. 88 CCII);

ii) il cram down fiscale e contributivo a condizione che: il voto favorevole dei creditori pubblici sia determinante per il raggiungimento della maggioranza richieste e la proposta sia giudicata conveniente rispetto all’alternativa liquidatoria (art. 88, co. 2-bis, CCII).

L’utilizzo degli strumenti sopra illustrati deve tuttavia essere attentamente valutato in considerazione dei rischi potenziali che possono derivarne sia in termini di immagine (i ricorsi per omologazione degli accordi di ristrutturazione e per accesso al concordato preventivo sono oggetto di pubblicazione nel registro delle imprese) sia in termini di possibili conseguenze giudiziarie.

In caso di mancata omologazione, infatti, qualora il tribunale rilevi lo stato di insolvenza (e non di semplice crisi) ne fa segnalazione al pubblico ministero per la richiesta di apertura della liquidazione giudiziale.

Degli stessi autori dell'articolo ti consigliamo il libro Gli adeguati assetti organizzativi amministrativi e contabili (Per la gestione dell’impresa e la prevenzione della crisi) edito da Maggioli a novembre 2022.


La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

CODICE DELLA CRISI D'IMPRESA E DELL'INSOLVENZA 2022 · 27/01/2023 Albo gestori crisi: la formazione degli esperti

La circolare del Ministero della Giustizia del 19 gennaio 2023: crisi di impresa, i requisiti per l’iscrizione all’albo di cui all’articolo 356

Albo gestori crisi: la formazione degli esperti

La circolare del Ministero della Giustizia del 19 gennaio 2023: crisi di impresa, i requisiti per l’iscrizione all’albo di cui all’articolo 356

Debiti erariali e contributivi  nel codice della crisi d'impresa

Accordo di ristrutturazione e concordato preventivo: la riduzione dei debiti nei confronti dell'erario e degli enti previdenziali

Albo gestori della crisi: gli obblighi formativi per gli esperti

Con Circolare n 14359 il Ministero della Giustizia chiarisce gli obblighi formativi per gli iscritti all'abo dei soggetti gestori della crisi: durata e aggiornamenti

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.