HOME

/

FISCO

/

SUPERBONUS 110%

/

CESSIONI BONUS EDILIZI: IL MEF CHIARISCE CHE SONO POSSIBILI PER SGR, SICAV, SIM

Cessioni bonus edilizi: il MEF chiarisce che sono possibili per SGR, SICAV, SIM

Con interrogazione a risposta immediata viene chiarito che le "ulteriori cessioni" sono consentite anche a SGR, SICAV e SIM. Riepilogo delle modalità di cessioni con Poste

Con interrogazione n 5-07901 (a firma dell'On Cantò e altri) a risposta immediata in Commissione, datata 20 aprile 2022, il MEF fornisce un utile chiarimento sulle "ulteriori cessioni" dei crediti relativi ai bonus edilizi.

In via preliminare e sintetica si riepiloga che l’articolo 29-bis del decreto-legge 1° marzo 2022, n. 171 , attualmente in corso di conversione in legge (AS 2588),  modifica la disciplina dell’utilizzo delle agevolazioni fiscali mediante sconto in fattura e cessione del credito.

I soggetti che sostengono spese per gli interventi edilizi ammessi ai bonus fiscali, in alternativa alla fruizione della detrazione in dichiarazione dei redditi, possono optare:

  • per lo sconto in fattura da parte del fornitore, il quale può, a sua volta, cedere un corrispondente credito a terzi soggetti, senza possibilità di ulteriori cessioni (salvo quanto di seguito specificato); 
  • per la cessione a terzi soggetti di un credito d’imposta corrispondente alla detrazione, senza possibilità di ulteriori cessioni (salvo quanto di seguito specificato). 

In entrambi i casi, è fatta salva la possibilità di ulteriori due cessioni del credito già oggetto di una prima cessione, a condizione che avvengano a favore dei seguenti soggetti “qualificati”: 

  • banche e intermediari finanziari iscritti all’albo di cui all’articolo 106 del testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia, di cui al decreto legislativo 1° settembre 1993, n. 385
  • di società appartenenti a un gruppo bancario iscritto all’albo di cui all'articolo 64 del predetto testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; 
  • di imprese di assicurazione autorizzate ad operare in Italia ai sensi del codice delle assicurazioni private, di cui al decreto legislativo 7 settembre 2005, n. 209.

Inoltre, per effetto delle modifiche apportate con il citato articolo 29-bis sono ampliate le possibilità di cessione dei bonus edilizi di cui all’articolo 121 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34: 

  • viene consentito solo alle banche, che non possono ulteriormente cedere il credito, in quanto hanno effettuato tutte le cessioni consentite dalla vigente normativa, di effettuare una ulteriore cessione esclusivamente nei confronti dei propri “correntisti”. 

Questi ultimi non possono, poi, ulteriormente cedere il credito. 

Si stabilisce che le nuove disposizioni si applicano a partire dalle comunicazioni di prima cessione del credito o sconto in fattura che vengono inviate all’Agenzia delle entrate a far data dal 1° maggio 2022.

1) Cessione crediti bonus edilizi: possibile per SGR, SICAV, SIM

Con interrogazione n 5-07901 a risposta immediata in commissione il MEF chiarisce che  con specifico riferimento alla richiesta degli Interroganti, si replica che le norme sulla cessione dei crediti fiscali consentono le “ulteriori cessioni” di tali crediti, inter alia, anche nei confronti di:

  • soggetti appartenenti ad un gruppo bancario di cui all’art. 64, del testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia, in cui possono essere incluse anche SGR, SIM, SICAV e SICAF


2) Cessione crediti bonus edilizi: dal 7 marzo con Poste è possibile la prima cessione

Con la stessa interrogazione n 5-07901 il MEF evidenzia che a partire dal 7 marzo scorso Poste Italiane ha riavviato il servizio di acquisto di crediti d’imposta cedibili ai sensi del Decreto Rilancio (d.l. 34/2020).

In particolare, Poste Italiane attualmente offre tale servizio unicamente ai titolari originali del credito d’imposta, ossia a quei soggetti, sia persone fisiche che giuridiche, che hanno effettivamente pagato i lavori effettuati e che intendono quindi cedere il credito d’imposta direttamente maturato (c.d. “prima cessione”). 

Alla luce dei molteplici interventi di modifica al Decreto Rilancio e sulla base di un approccio basato sulla valutazione del rischio Poste Italiane ha di tempo in tempo aggiornato il proprio processo di verifica soggettiva e documentale e, al momento della riapertura del servizio, ha pubblicato online, in maniera trasparente, tutte le indicazioni necessarie al proponente per valutare l’opportunità di cessione del credito d’imposta a Poste Italiane, con una chiara indicazione anche dei tempi associati all’istruttoria, che possono superare i 3 mesi. Il servizio è disponibile esclusivamente online e al cliente è richiesto di recarsi in Ufficio postale unicamente per l’adeguata verifica rafforzata antiriciclaggio, a valle del superamento dei controlli soggettivi e documentali previsti.

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

SUPERBONUS 110% · 09/08/2022 Superbonus e cessione dei crediti dopo il decreto Semplificazioni: una falsa ripartenza

Il decreto Semplificazioni consente di cedere i crediti fiscali derivanti da cessione/sconto in fattura ai propri correntisti, detentori di partita iva: ma restano criticità

Superbonus e cessione dei crediti dopo il decreto Semplificazioni: una falsa ripartenza

Il decreto Semplificazioni consente di cedere i crediti fiscali derivanti da cessione/sconto in fattura ai propri correntisti, detentori di partita iva: ma restano criticità

Superbonus e bonus edilizi: via alle cessioni dei crediti ante 1 maggio 2022

Approvato emendamento al Semplificazioni, ora andrà in Senato, con sblocco delle cessioni dei crediti per tutte le PIVA

Superbonus: l'elenco dei possibili documenti da controllare e conservare

La circolare n 28 del 25 luglio riepiloga i documenti per il superbonus, circa 50, da controllare. Non riguardano tutti i contribuenti, ma sono necessari a seconda dei casi

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.