HOME

/

LAVORO

/

TFR E FONDI PENSIONE

/

TFR E COEFFICIENTE DI RIVALUTAZIONE PER GENNAIO 2013

TFR e coefficiente di rivalutazione per gennaio 2013

Nozione e prescrizione del Trattamento di Fine Rapporto (TFR) Il coefficiente di rivalutazione di gennaio 2013

Il diritto al trattamento di fine rapporto sorge, a norma dell’art. 2120, comma 1, c.c. (come sostituito dall’art. 1 della L. 29 maggio 1982, n. 297 recante la disciplina dei trattamento di fine rapporto), al momento della cessazione del rapporto di lavoro ed in conseguenza di essa. Ed invero l'uso del termine "quota" con riferimento all'importo della retribuzione annuale "dovuta", lungi dal dare l'idea del frazionamento annuale e dell'acquisizione periodica del diritto, richiama, invece, solo una modalità del calcolo dell'unico diritto al trattamento di fine rapporto, da adoperarsi al momento in cui questo sorge, con la cessazione del rapporto, al fine di determinarne, mediante l'utilizzazione degli altri coefficienti previsti, applicati con riferimento a tutta la durata del rapporto stesso, l'entità complessiva che è solo ed esclusivamente quella finale.
Ma oltre che dal dato letterale, questa tesi è suffragata dal rilievo che la somma da corrispondere, se pur non è costituita da una quota dell'ultima retribuzione, come per l'indennità di anzianità, è pur sempre rappresentata non già dalla somma degli accantonamenti annuali, bensì da quella delle "quote", che avrebbero dovuto essere accantonate anno per anno, di una retribuzione annua dovuta, calcolabile solo alla cessazione del rapporto come è stato già osservato.
Cosa questa che impedisce che possa parlarsi di liquidità e di certezza anno per anno essendo l'entità del diritto quantificabile solo alla fine de rapporto, sia come base retributiva che, consequenzialmente, come quota rivalutativa secondo il meccanismo previsto, anche se l'importo che ne risulta può anche, e solo eventualmente, corrispondere a quello risultante dall'accantonamento progressivo.
D'altronde, l'incertezza sulla determinazione delle quote annuali accantonate a motivo della computabilità o meno di somme corrisposte non appare eliminabile in costanza di rapporto in via autonoma, giacché ai fini di questa computabilità può essere determinante la previsione della contrattazione collettiva del tempo della cessazione del rapporto; con la conseguenza porterebbe alla incidenza, in maniera irrimediabile, degli errori e delle omissioni non fatti valere tempestivamente, sulla entità del TFR calcolata al momento in cui sorge il diritto, e cioè al momento della cessazione del rapporto lavorativo.
Ne consegue che la prescrizione del diritto al TFR non matura nel corso di svolgimento del rapporto di lavoro.

Ti potrebbero  interessare:

Visita la sezione dedicata agli E-book Lavoro e la Collana dei Pratici fiscali

1) Coefficiente per gennaio 2013

Il trattamento di fine rapporto costituisce un diritto di credito a pagamento differito (cioè al momento della cessazione del rapporto o a quello in cui si verificano i presupposti per ottenere un'anticipazione) il quale matura anno per anno in relazione al lavoro prestato e all'ammontare della retribuzione e degli accessori di natura retributiva. A ciò va aggiunto il coefficiente di valutazione che varia di mese in mese. Esso viene calcolato sulla base dell'indice ISTAT.
Per gennaio 2013 , da computare su quanto risultava accantonato al 31 dicembre 2012 a titolo di Tfr vi sarà una rivalutazione pari all' 1,00265845.
TRATTO DA:  LA CIRCOLARE SETTIMANALE DEL LAVORO N. 10 DELL'8 MARZO 2013  nella quale è disponibile la tabella dei valutazioni del TFR degli anni pregressi dal 1999.

2) Scopri l'abbonamento in promozione:

La Circolare Settimanale del Lavoro, curata da esperti nazionali in materia per aiutare concretamente i consulenti del lavoro nel quotidiano, con contenuti esaurienti, chiari e affidabili è suddivisa in diverse, ricchissime sezioni:
  • La settimana in breve: un riepilogo ragionato delle principali novità della settimana in materia giuslavoristica e previdenziale
  • Gli approfondimenti puntuali ed esaustivi su temi di attualità o di particolare rilevanza
  • Le schede informative: sintesi chiare e schematiche, in formato Word, personalizzabili, per l’invio ai clienti dello Studio
  • Le risposte dell’Esperto sugli aspetti più ampi e complessi con casi particolari ed esempi specifici
  • Documentazione nazionale e normativa contrattuale con i riferimenti degli accordi conclusi o rinnovati dalle parti sociali, scaricabili in forma integrale dal sito Fiscoetasse.com
  • Giurisprudenza e prassi: le notizie sulle più importanti sentenze della Cassazione sezione Lavoro, con le massime o brevi commenti e la segnalazione delle principali comunicazioni dell’Inps scadenzario degli adempimenti previdenziali
  • Lo Scadenzario previdenziale
La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LA BUSTA PAGA 2022 · 11/08/2022 TFR coefficente luglio 2022 - tutte le regole e tabelle dal 2017

I coefficienti di rivalutazione del TFR in vigore fino a luglio 2022 e tabelle dal 2017. Regole di calcolo con esempio . La tassazione del trattamento di fine rapporto.

TFR  coefficente luglio 2022 - tutte le regole e tabelle dal 2017

I coefficienti di rivalutazione del TFR in vigore fino a luglio 2022 e tabelle dal 2017. Regole di calcolo con esempio . La tassazione del trattamento di fine rapporto.

TFR: richiesta Fondo di garanzia online dal 2 giugno 2022

Ecco il nuovo servizio INPS per la domanda di intervento del Fondo di Garanzia da parte dei cittadini

Fondi pensione:  chiarimenti sul credito di imposta per reintegro anticipi

Credito d’imposta per il reintegro delle anticipazioni da fondi pensione solo per importi accantonati dopo il 2007. Interpello Agenzia n. 193 2022

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.