1. Segui il Dossier Dichiarazioni dei Redditi Persone Fisiche 2017 troverai tanti approfondimenti e news gratuiti

    Chiudi

Italia - Austria: doppia tassazione?

Discussione in 'Unico Persone Fisiche' iniziata da Fabio_at, 27 Settembre 2012.

  1. Fabio_at

    Fabio_at Utente

    Buongiorno a tutti gli amici del forum!

    Da dicembre 2011 lavoro in Austria e pochi giorni fa ho fatto l'Unico in un Caf a Milano.
    Il mio problema é il seguente: mi sono visto inserire tra i miei redditi "italiani" del 2011 il
    mese di dicembre del 2011, nonostante questo sia già tassato in Austria.

    Questo ha portato ad un debito Irpef per l'anno scorso di quasi 1000 euro, inoltre mi chiedono
    un acconto sulle tasse dell'anno prossimo (ho un appartamento locato) del 96%!!!!

    A quanto mi risulta esiste un accordo tra Italia e Austria risalente a metà della anni 80, ma non
    capisco se il mio caso rientra tra quelli previsti dall'accordo.

    Spero qualcuno riesca a chiarire questo intricato dilemma :yes2:

    grazie a tutti
    Fabio
     
  2. Rocco

    Rocco Utente

    L'accordo a cui fai riferimento è la convenzione contro le doppie imposizioni risalente agli anni '80, appunto.
    L'art. 15 c. 1 della convenzione, denominato "Lavoro subordinato",stabilisce che se un residente in Italia riceve salari, stipendi, ecc. questi sono imponibili in Italia, a meno che l'attività lavorativa non svenga svolta in Austria, nel qual caso tali emolumenti sono imponibili in Austria.
    Detto questo, il fatto di essere residente in Italia comporta che debba dichiarare in Italia anche il reddito di lavoro percepito in Austria. Per evitare la doppia imposizione dello stesso reddito in due Stati diversi, è previsto che l'Italia attribuisca un credito d'imposta per le imposte austriache, però detto credito di imposta "non può eccedere la quota di imposta italiana attribuibile ai predetti elementi di reddito nella proporzione in cui gli stessi concorrono alla formazione del reddito complessivo" (art. 23 c. 2 della Convenzione). Nella legislazione italiana il credito di imposta de quo è disciplinato dall'art. 165 del TUIR e i relativi dati vanno inseriti nel quadro CE del mod. UNICO.
    Ciao.
     
  3. Fabio_at

    Fabio_at Utente

    Ciao Rocco,
    grazie mille per la risposta, mi chiarisci meglio questo ultimo punto con un esempio?

    un saluto
    Fabio
     
  4. Rocco

    Rocco Utente

    Nel mod. UNICO il quadro CE risulta compilato oppure no?
     
  5. Rocco

    Rocco Utente

    Mi correggo: mi riferisco al quadro CR del mod. UNICO anziché al quadro CE.
    Ciao.
     
  6. Fabio_at

    Fabio_at Utente

    No, risultano compilati i quadri:
    • Familiari a carico
    • RB
    • RC
    • RP
    • RN
    • RV
    • RX
    • RL
     
  7. Rocco

    Rocco Utente

    Il datore di lavoro è italiano o austriaco?
    Ciao.
     
  8. Fabio_at

    Fabio_at Utente

    È austriaco, non abbiamo sedi in Italia
     
  9. Fabio_at

    Fabio_at Utente

    No, nemmeno il quadro CR è compilato....
     
  10. Rocco

    Rocco Utente

    Bisogna vedere le carte...
    Ciao.
     

Condividi questa Pagina