Pubblicato il 20/11/2012

Contributi IVS e Gestione Separata Inps: alla cassa per la seconda rata d’acconto entro il 30 novembre

Erario Anna Eleonora

Entro il prossimo 30 novembre i soggetti iscritti alla Gestione IVS ovvero alla Gestione separata INPS sono tenuti al versamento della seconda rata d’acconto dei contributi previdenziali dovuti per il 2012

168x126 inps telematico

Scade il prossimo 30 novembre il termine per il versamento della seconda rata d’acconto dei contributi previdenziali dovuti per il 2012 da parte dei soggetti iscritti alla Gestione IVS ovvero alla Gestione separata INPS. Il versamento dell’acconto di tali contributi segue, infatti, le scadenze del versamento delle imposte derivanti da UNICO.
Per il calcolo dei contributi in base al metodo storico, si deve fare riferimento ai dati indicati nel modello UNICO PF 2012 relativo ai redditi 2011.
 

L’acconto dei contributi IVS per Artigiani e Commercianti

Gli Artigiani e Commercianti iscritti alle alle gestioni dei contributi previdenziali IVS (Invalidità, Vecchiaia e Superstiti) devono versare, per ogni periodo d’imposta, i contributi propri, nonché a favore dei loro collaboratori (coadiuvanti e coadiutori).

Fino al minimale di reddito, che per il 2012 è pari a € 14.930, i contributi IVS sono dovuti in misura fissa, applicando a tale importo minimale le seguenti aliquote contributive:

  • per gli artigiani:
    • 21,30% per i titolari di qualunque età ed i collaboratori di età superiore a 21 anni;
    • 18,30% per i collaboratori fino a 21 anni di età;
  • per i commercianti:
    • 21,39% per i titolari di qualunque età ed i collaboratori di età superiore a 21 anni;
    • 18,39% per i collaboratori fino a 21 anni di età.

Tali “contributi fissi” devono essere versati in 4 rate annuali (16 maggio 2012, 16 agosto 2012, 16 novembre 2012 e 16 febbraio 2013).

Sulla quota di reddito eccedente il minimale di € 14.930 (e fino al massimale di € 73.673 frazionabile a mese, ovvero, per i soggetti privi di anzianità contributiva al 31.12.1995 iscritti dal 1996, di € 96.149 non frazionabile a mese), invece, i contributi da versare sono calcolati in modo proporzionale applicando le suddette aliquote a tale quota di reddito eccedente (si tenga conto, comunque, che sull’eventuale parte di reddito eccedente € 44.204 le aliquote vanno aumentate di 1 punto percentuale).
L’acconto dei contributi 2012 eventualmente dovuto sulla quota di reddito eccedente il minimale deve essere versato in due rate di pari importo entro i termini previsti per il pagamento delle imposte sui redditi delle persone fisiche, pertanto:

  • entro il 9 luglio 2012 (o 20 agosto 2012 con maggiorazione dello 0,40%) a titolo di 1° acconto 2012 (50% dell’acconto totale);
  • entro il 30 novembre 2012, a titolo di 2° acconto 2012 (restante 50% dell’acconto totale).

L’importo derivante dalla somma del contributo calcolato sul minimale di reddito e del contributo calcolato sul reddito eccedente il minimale costituisce l’acconto delle somme dovute sulla totalità dei redditi d’impresa prodotti nel 2012 (non solo sul reddito derivante dall’attività che dà titolo all’iscrizione nella gestione di appartenenza) sulla base del dato storico del 2011.
Se tale somma risulterà poi, in sede di UNICO PF 2013, inferiore a quanto dovuto sulla totalità dei redditi d'impresa effettivamente realizzati nel 2012, sarà dovuto un ulteriore contributo a saldo 2012 da corrispondere entro i termini di pagamento delle imposte sui redditi delle persone fisiche derivanti da UNICO PF 2013 e, quindi, entro il 16 giugno 2013 (o 16 luglio 2013 con maggiorazione dello 0,40%).

I righi di UNICO PF 2012 fa prendere in considerazione per individuare il reddito utile ai fini del calcolo dei contributi sono:

  • RF51 ed RG34 per il titolare;
  • RH14 per il socio di società di persone, il socio di Srl trasparente ed il collaboratore di impresa familiare;
  • RG29 per i soggetti che adottano il regime delle nuove iniziative produttive;
  • CM6 (eventualmente ridotto delle perdite pregresse, CM9) per i contribuenti minimi.

Resta salva la facoltà del contribuente di utilizzare il metodo previsionale in luogo di quello storico.
 

L’acconto dei contributi per gli iscritti alla Gestione Separata

Il versamento dell’acconto di novembre dei contributi è dovuto anche dai soggetti iscritti alla Gestione Separata Inps (quali i c.d. “professionisti senza cassa”). Per tali soggetti, le aliquote contributive applicabili per il 2012 sono pari a:

  • 27,72% per i soggetti privi di altra copertura previdenziale;
  • 18% per gli altri soggetti (titolari di pensione o provvisti di altra tutela pensionistica obbligatoria);

con un minimale di reddito pari € 14.930 ed un massimale di € 96.149.

L’acconto per il 2012 è pari all’80% del contributo dovuto sul reddito così come dichiarato nel modello UNICO PF 2012 al rigo RE25 o al rigo RE21 (nuove iniziative produttive), ovvero al rigo CM6 ridotto delle eventuali perdite pregresse (regime dei minimi). A tale reddito si applica l’aliquota contributiva di cui sopra.
L’acconto (80%) dovrà essere versato in due rate di pari importo (40% ciascuna) entro i termini dell’acconto IRPEF, ovvero:

  • la prima rata andava versata entro il 09.07.2012, ovvero il 20.08.2012 con la maggiorazione dello 0,40%;
  • la seconda rata va versata entro il 30.11.2012.

Resta salva, anche in questo caso, la facoltà del contribuente di utilizzare il metodo previsionale in luogo di quello storico.

 

Su questo argomento ti possono interessare anche questi prodotti:
Scaricalo in PROMOZIONE a 13,90 € invece di 18,90 € fino al 31/12/2014
Utile E-Book di 149 pagine che affronta il tema di essere imprenditore oggi con un approccio decisamente singolare. Gli aspetti affrontati: requisiti e autorizzazioni per l’apertura • scelte e decisioni fondamentali • pianificazione e controllo • finanziamenti • essere online: una scelta obbligata • analisi del mercato e monitoraggio dei concorrenti
Scaricalo subito a 16,90 €
Tutte le novità dopo la Legge delega approvata il 3 dicembre 2014, E-book + 4 Circolari del lavoro di approfondimento sulla jobs act
Scaricalo subito a 14,90 €
Inquadramento - Retribuzione - Scatti di anzianità - Periodo di prova - Festività e riposi - Straordinari - Ferie - Malattie, infortuni e maternità - Lavoratori extracomunitari - Comunicazioni all' INPS - Stipendio e busta paga - Contributi: calcolo e modalità di versamento - Conclusione del rapporto e TFR - Agevolazioni e deduzioni fiscali - Contratti di lavoro alla pari - Voucher - Badanti condominiali
Scaricalo subito a 6,10 €
Utile Guida in pdf sui conguagli fiscali (irpef e addizionali) e contributivi di fine anno, tenendo conto delle novità fiscali e contributive del 2014
Scaricalo subito a 5,90 €
Foglio di calcolo per la predisposizione della certificazione dei compensi assoggettati a ritenuta d'acconto, con calcolo automatico
Gratis
Modulo Fax da inviare alle sedi Inps per la prenotazione di Buoni di Lavoro cartacei
Gratis
Commento alla sentenza della Corte di Cassazione Sezioni Unite civili n. 23676 del 6 Novembre 2014

Commenti

MICHELE . vediamo se ho capito. CONTRIBUZIONE OBBLIGATORIA INPS (IVS) -fino a 14.930 euro pago 3200 e.ca; (21,39 %) -da 14930 fino a 44.000 (diff:29.000 ca) pago ancora il 21,39% cioe'altri 6380 euro; -da 44.000 fino a 73673 (diff.30.000 e.) pago il 22,39% cioe' 6720.euro Quindi su 74.000 euro di reddito, pago di INPS ,ogni anno, 16.300 euro.E' una follia ! e se sono pensionato INPDAP, ultrasessantacinquenne, non avro' nessuna pensione, e' giusto?grazie

- Commento di Michele (08:49 del 25/02/2013)
Scrivi un commento
I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)

CHIUDI E CONTINUA LA NAVIGAZIONE