HOME

/

FISCO

/

BOLLO E CONCESSIONI GOVERNATIVE

/

IMPOSTA DI BOLLO FERMO AUTO: NON È DOVUTA SE MANCA L'ISTANZA CARTACEA DI SOSPENSIONE

2 minuti, Redazione , 25/09/2020

Imposta di bollo fermo auto: non è dovuta se manca l'istanza cartacea di sospensione

L’imposta di bollo sul provvedimento di sospensione del fermo auto non è dovuta in quanto non è più richiesta l’istanza del contribuente per ottenerlo

Il provvedimento di sospensione del fermo auto, prima richiesto con istanza cartacea da parte del contribuente, con le modifiche introdotte dal DLgs n 98 del 2017 parte tramite comunicazione tra il Concessionario della Riscossione che ha concesso la sospensione e il PRA, Pubblico Registro Automobilistico. Di conseguenza non è più dovuta da parte del contribuente l’imposta di bollo prima applicata sulla richiesta della sospensione ad opera del diretto interessato.

Con Risposta a interpello n 393 del 23 settembre 2020 l’Agenzia delle entrate chiarisce che grazie alle modifiche introdotte dal DLgs n 98 del 2017 “I provvedimenti di fermo amministrativo e di revoca dello stesso sono notificati dal concessionario della riscossione al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, attraverso il collegamento telematico con il CED, che telematicamente li comunica al sistema informativo del PRA

Essa concorda perciò con il contribuente che chiedeva con interpello se fosse ancora dovuta l’imposta di bollo prospettando una soluzione interpretativa a lui favorevole.

L’istante rappresentava che a seguito delle modifiche al DPR 602 ad opera del DLgs 159/2015 in caso di accoglimento della richiesta di rateizzazione del pagamento il fermo iscritto dall’agente della riscossione non può essere cancellato fino ad integrale pagamento delle rate. È pur vero secondo quanto riferisce che per contemperare le esigenze del credito pubblico con quelle del contribuente all’utilizzo della propria auto gli agenti della riscossione consentono la sospensione degli effetti del fermo dopo il pagamento della prima rata.

L’annotazione al PRA del provvedimento di sospensione del fermo che fino ad oggi era richiesta presso gli sportelli dello stesso PRA su istanza del contribuente con pagamento di imposta di bollo secondo la nuova normativa è effettuata grazie alla comunicazione telematica tra gli uffici interessati, venendo meno la necessità della istanza da parte del contribuente.

Il contribuente ritiene per questo motivo che non sia più necessario corrispondere l’imposta di bollo relativa alla istanza cartacea prevista in precedenza.

L’Agenzia concorda con la soluzione interpretativa citando le novità introdotte dal Dlgs 98/2017 nonché la Legge di Bilancio 2020 che con il comma 809 dell'articolo recita quanto segue “Conservatori dei pubblici registri immobiliari e del pubblico registro automobilistico eseguono le iscrizioni, le trascrizioni e le cancellazioni dei pignoramenti, delle ipoteche e del fermo amministrativo richieste dal soggetto legittimato alla riscossione forzata in esenzione da ogni tributo e diritto”.

Allegato

Risposta a interpello del 23.09.2020 n. 393

Tag: BOLLO E CONCESSIONI GOVERNATIVE BOLLO E CONCESSIONI GOVERNATIVE

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

FATTURAZIONE ELETTRONICA 2022 · 13/07/2022 Imposta di bollo fatture elettroniche 2° trimestre 2022: pagamento entro il 30 settembre

Imposta di bollo e-fatture 2022: entro il 30 settembre versamento dell'imposta di bollo sulle fatture elettroniche del 2° trimestre 2022, e il punto sulle principali novità

Imposta di bollo fatture elettroniche 2° trimestre 2022: pagamento entro il 30 settembre

Imposta di bollo e-fatture 2022: entro il 30 settembre versamento dell'imposta di bollo sulle fatture elettroniche del 2° trimestre 2022, e il punto sulle principali novità

Quali sono le scadenze per la stampa dei registri contabili?

Le scadenze e le modalità per la stampa dei libri, registri contabilità e la bollatura del libro giornale e inventari

Imposta di bollo libri sociali: il pagamento entro il 30 aprile

Scade il 30 aprile il pagamento dell'imposta di bollo sui libri sociali. Le modalità di pagamento e gli importi

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.