Scopri il nostro network Home Business Center Blog Site Center

stock options: natura del reddito

  • Creatore Discussione Vincenzo Cucco
  • Data di Inizio
V

Vincenzo Cucco

Ospite
<HTML>un dipendente di una filiale italiana di azienda americana riceve nel 2000 un numero di 100 azioni della società, in ossequio ad un piano di stock options.
Nel 2001 vende le azioni, lucrando 2000 Euro
In sede di compilazione di mod. 730 il responsabile del personale gli dice di compilare il quadro RM dell'Unico 2002 ed applicare l'imposta sostitutiva alla cifra guadagnata.
Io non sono d'accordo perchè secondo me il lucro dalla cessione va tassato come compenso in natura e quindi reddito di lavoro dipendente (che, se fosse stato realizzato dopo tre anni, non sarebbe soggetto a tassazione a norma del 2° comma lettera g
dell'art. 48 TUIR)
VOI COSA NE PENSATE ? COME VANNO TASSATI QUESTI 2000 EURO ?
Grazie per i contributi
Vincenzo Cucco</HTML>
 
R

Roberto Cattivelli

Ospite
<HTML>Il nuovo regime fiscale delle azioni assegnate ai dipendenti é strutturato
in due previsioni normative contenute rispettivamente nella lettera g) e
g-bis), dell'art. 48 TUIR, dove vengono disciplinate, nell'ordine, le
assegnazioni di azioni offerte alla generalità dei dipendenti nonché,
l'assegnazione di azioni offerte a categorie o singoli lavoratori
dipendenti.
Pertanto l'art. 48 del TUIR disciplina il trattamento fiscale delle
assegnazioni ai dipendenti delle azioni (con regole diverse, se
l'assegnazione avviene in base a stock "c.d. popolari" oppure in base a
stock option "c.d. individuali".
Il trattamento fiscale della successiva cessione delle azioni assegnate é da
ricercare nell'art. 82 del TUIR e per rispondere al suo quesito occorre
sapere se:
* le azioni sono state assegnate in base ad un piano "popolare" o
"individuale";
* quale é stata all'atto dell'assegnazione, la franchigia ( uguale a 4MLI o
inferiore);
* quale il valore che ha costituito reddito di lavoro dipendente.
.Comunque quando le azioni assegnate per un piano di stock option, vengono
cedute prima dei tre anni all'atto della cessione:
* la differenza tra il prezzo di cessione delle azioni ed il prezzo pagato
dal collaboratore, é tassato in capo al dipendente come segue:
1) come reddito di lavoro dipendente l'importo che al momento
dell'assegnazione non é stato tassato come reddito di lavoro dipendente, per
via della "franchigia";
2) a titolo di capital gain, con imposta sostitutiva del 12,5%, il residuo
plusvalore.</HTML>
 
Alto