Incentivo all'esodo/Indennità

Discussione in 'Dillo a Fisco e Tasse' iniziata da informato28, 27 Settembre 2013.

  1. informato28

    informato28 Utente

    Buonasera. Nel 2009 terminai dopo 5 il rapporto da dipendente con la mia azienda. Ebbi un incentivo all'esodo. Ieri mi è arrivata una lettera dell'agenzia delle entrate sostenendo che devo pagare 3.200 euro in quanto a loro risultano delle tasse da pagare di 52 mila euro e io ne avevo pagate 49mila euro.
    Io come dipendente avevo tutto tassato alla fonte. Come si spiega questa cosa? Cosa avrei dovuto fare e cosa posso fare? Grazie
     
  2. Rocco

    Rocco Utente

    L'operato dell'ufficio mi pare sia corretto.
    L'incentivo all'esodo è soggetto a riliquidazione IRPEF e dunque anche a tali somme si applica quanto disposto dall'art. 19 del TUIR. In pratica il datore di lavoro applica una tassazione IRPEF che è da considerarsi provvisoria; successivamente l'Ade, sulla base dei dati contenuti nel mod. 770 presentato dal datore, provvede a riliquidare l'IRPEF in ossequio alla norma da me citata. La riliquidazione può portare ad una differenza di imposta (ulteriore) da versare ovvero ad un credito che poi verrà rimborsato.
    Saluti.
     
  3. informato28

    informato28 Utente

    grazie , quindi mi pare di capire che va pagato e punto.
     
  4. Rocco

    Rocco Utente

    Direi di sì.
    Ciao.
     

Condividi questa Pagina

CHIUDI E CONTINUA LA NAVIGAZIONE