Pubblicato il 20/09/2013
HOME > DOSSIER > I dossier di Fiscoetasse > Tari (ex Tares) >

Tares, dubbi sul calendario della maggiorazione

Se un Comune ha fissato la scadenza dell'ultima rata della Tares al 30 dicembre o ai primi mesi del 2014, deve inviare ai contribuenti un altro bollettino a parte per permettere loro di pagare la maggiorazione della Tares entro il 16 dicembre

La Risoluzione n. 9/DF del Dipartimento delle Finanze relativa alla Tares ha sollevato alcuni dubbi. Il documento di prassi, infatti, ha precisato che i Comuni possono anche decidere di far slittare al 2014 l'ultima rata della Tares, prevista per dicembre, ma ha altresì affermato che la maggiorazione statale di 0,30 centesimi a metro quadrato deve comunque essere pagata entro il 16 dicembre. Ciò implica che, se un Comune ha stabilito, come scadenza dell'ultima rata della Tares, il 30 dicembre o i primi mesi del 2014, deve inviare ai contribuenti un altro bollettino a parte per permettere loro di pagare la maggiorazione della Tares entro il 16 dicembre.
 

Fonte: Il Sole 24 Ore
Leggi tutti gli articoli in Rassegna stampa
tag Tag: Tari (ex Tares)
Su questo argomento ti possono interessare anche questi prodotti:
Scaricalo in PROMOZIONE a 486,78 € invece di 730,78 € fino al 31/03/2015
Centinaia di strumenti per il lavoro pratico del Professionista, sempre al tuo fianco con tutto ciò che ti serve, dove e quando ti serve!
Scaricalo in PROMOZIONE a 181,78 € invece di 268,40 € fino al 31/03/2015
La circolare tratta le novità del momento, soprattutto fiscali, attenta alle scadenze e agli adempimenti che sono sul tavolo del professionista. In formato word consente la personalizzazione e l'invio alla propria clientela.
Scaricalo subito a 12,90 €
L’Imposta municipale unica è stata definitivamente cancellata sulla prima casa dopo la coda della mini-IMU introdotta dal decreto che ha abolito la seconda rata dell’imposta per il 2013. Cosa, come e quando pagare dopo l'abolizione sulla prima casa; Aggiornato con la conversione del D.L. 30 novembre 2013, n. 133 e la Legge di stabilità 2014

Commenti

Ma insomma, non c'è nessuno che difenda i contribuenti dalle paranoie fiscali del governo ? In Italia ci sono enti per la protezione di tutto, dalla tartaruga al cane alla pulce del circo, non c'è un Ente che ci difenda dall'accavallarsi inconsulto di norme, tasse, scadenze...? Ormai il peso dell'ansia supera quello della tassa (il che è tutto dire). Vogliono l'80 % dei nostri redditi ? e allora che lo dicano chiaramente, ne pretendano il versamento (a rate...si spera) e eliminino tutte queste sigle / aliquote / scadenze. BASTA !!!! AIUTATECI !!!!

- Commento di miky (11:54 del 20/09/2013)

hai assolutamente ragione

- Risposta di saram (13:14 del 22/09/2013) al commento di miky
Scrivi un commento
I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)

CHIUDI E CONTINUA LA NAVIGAZIONE