Scopri il nostro network Home Business Center Blog Site Center

IMU per casa in usufrutto

Fabripcn

Utente
Ciao a tutti,
sono nuovo del Forum e spero di trovare una risposta grazie a voi.
A Luglio io e la mia fidanzata ci sposeremo ma vorrei spiegare la nostra situazione:
La mia fidanzata attualmente abita in un comune diverso dal mio, in una casa lasciata in usufrutto da sua nonna. Lei è usufruttuaria per 1\3 insieme al fratello e a suo padre.
Dopo il matrimonio andremo a vivere nel mio comune, nella casa intestata a me, acquistata prima del matrimonio (11 anni fa) usufruendo del bonus prima casa.
Saremo nel regime di default di comunione dei beni.
La mia domanda è: in caso di decesso di sua nonna (io le voglio molto bene e le auguro ancora tanti anni di vita) risulterà comproprietaria della casa? Il fratello ci vivrà ancora come prima casa.
- A lei, visto che avrà la residenza altrove, risulterà come seconda casa, quindi si dovrà pagare IMU?


Spero di non aver confuso le idee.

Grazie a tutti
Ciao
 

Fabripcn

Utente
Grazie per la risposta!
Sì, è proprio così.
Donata alla mamma dalla nonna che ha ancora l'usufrutto.
Sono succeduti poi il padre e i due figli.
Grazie
 

catia71

Utente
alla morte della nonna i nudi proprietari saranno proprietari pieni e dunque per chi non ci abita si sarà una seconda casa con tutto ciò che ne consegue. Le alternative sono cedere la propria quota agli altri comproprietari.
 

Fabripcn

Utente
Grazie per le risposte,
Siete stati gentilissimi.
Quindi, se la mia fidanzata risiederà a casa mia (ma non è proprietaria, perché la casa è intestata a me da 12 anni, quindi prima del matrimonio), e diventerà proprietaria della casa in usufrutto (stipulato prima del matrimonio), lei oppure io risulteremo comunque proprietari di due case?
Grazie
 

catia71

Utente
La situazione in pratica è:
- tu esclusivo proprietario della casa che diventerà casa coniugale, avendola comprata prima di sposarvi la casa è un bene "personale" solo tuo...esente imu e tasi in quanto prima casa
- se tua moglie trasferisce la residenza (come normale siete sposati!) a casa tua, la sua porzione di casa posseduta diventerà una porzione di casa "a disposizione" per cui soggetta a imu e tasi alla morte della nonna,
ora conosco alcuni che mantengono le residenze separate motivandole che ne so per motivi di lavoro ecc. ed essendo le case in comuni diversi usufruiscono della doppia esenzione...chiaro che poiché per l'imu presupposto per l'esenzione non è la residenza ma la dimora in caso di controllo bisogna dimostrare che uno ci abita non solo fittiziamente, altrimenti per tagliar la testa al toro, come detto prima la tua futura moglie cede la sua quota al fratello o al padre e non ha più in capo nessuna abitazione, fino alla morte del padre per cui si ricomincia da capo...in Italia conviene non aver nulla!!!
 

Fabripcn

Utente
Grazie mille Catia,
è tutto un enorme paradosso ! costretti a cercare degli "escamotage" ..La mia futura moglie (con reddito isee bassissimo) e io normale impiegato.. non stiamo parlando di macchine di lusso o sfarzi da milionari..ma di case in cui viviamo e che stiamo pagando tra tasse, interessi ed enormi pensieri. Come si farà a creare una famiglia?
grazie ancora
Saluti!
 
Alto