Scopri il nostro network Home Business Center Blog Site Center

eredità giacente

flipflop

Utente
Grazie Guido.
Quindi se ho capito bene il curatore/esecutore riscuoterà i canoni per conto del chiamato ma in sede di UNICO (per dichiarare detti canoni) il dichiarante risulterà essere il de cuius o il chiamato che non ha ancora accettato? Così a naso, credo che come dichiarante vada indicato ancora il de cuius (barrando la casella opportuna per i soggetti diversi dal contribuente) in quanto il chiamato potrebbe anche non accettare. Se non ricordo male, infatti, si applicano (in caso di eredità giacente) le stesse regole del sequestro giudiziario e quindi i redditi derivanti dai canoni subirebbero si la normale tassazione IRPEF ma mi pare che la tassazione viene fatta secondo l'aliquota più bassa per poi effettuare il conguaglio (in sede di UNICO del chiamato) nel momento in cui il chiamato accetta. Mi confermi quanto sopra?
Naturalmente l'invito vale anche per gli altri utenti del forum. Grazie ancora e buon lavoro. :cool:

P.S. ma l'esecutore testamentario può cominciare da subito a riscuotere i canoni anche senza rivolgersi al Tribunale per farsi fissare un termine per l'accettazione? In caso affermativo è tenuto a comunicarlo al chiamato all'eredità?
 

flipflop

Utente
l'esecutore testamentario accettando l'incarico ha preso possesso dei beni appartenenti all'eredita e DEVE amministrarli!
Pluto io questo l'ho capito, ma sai dirmi qualcosa in merito alla questione dei redditi derivanti dall'incasso dei canoni da dichiarare in UNICO? Chi risulta il dichiarante (nell' UNICO che presenterà l'esecutore): il de cuius o il chiamato che ancora non ha accettato? La tassazione IRPEF avviene come per il sequestro giudiziario, cioè con l'aliquota più bassa e poi in seguito con conguaglio in UNICO del chiamato quando accetta? E per le imposte locali (IMU e TASI) le pagherà l'esecutore ma a nome di chi, il de cuius o il chiamato che ancora non ha accettato? Spero di essere stato chiaro. Buona notte.:dead:
 

pluto

Utente
... La tassazione IRPEF avviene come per il sequestro giudiziario?...
considera che è il sequestro giudiziario che ha "adottato" per analogia i modi di tassazione e dichiarazione redditi dell'eredità giacente..quindi...

vedi circolare ministeriale 156/e del 07/08/2000
art. 187 tuir
 

flipflop

Utente
Pluto innanzi tutto grazie della tua cortesia e pazienza, ma essendo un po "de coccio" io continuo a non capire. Faccio un esempio:
A= de cuius (terstatore)
B e C= chiamati all'eredità che tardano ad accettare gli immobili a loro destinati e sui quali vi è un contratto di locazione tuttora in corso.
D= altro chiamato all'eredità nominato, dal testatore, anche esecutore testamentario.
D, in attesa che B e C accettano la loro quota di eredità, provvede quindi a riscuotere i canoni sugli immobili .
A giugno D dovrà redigere Unico per dichiarare i redditi relativi ai canoni riscossi che spetterebbero però a B e C.
A nome di chi, D, presenterà la dichiarazione dei redditi: nel rigo contribuente dovrà riportare i dati di A (io sono per questa ipotesi) o i dati di B e C? Allo stesso modo quando si dovranno pagare IMU/TASI, nel campo contribuente dell'F24 vanno inseriti i dati di A o di B e C?
Infine, se ho capito bene anche l'esecutore testamentario dovrà comunicare entro 60 giorni all' AdE mediante raccomandata l'assunzione e la cessazione del suo compito, ma i dati del soggetto cui l'esecutore si sostituisce devono essere quelli di A o di B e C? E questi 60 giorni da quando partono: dall'apertura del testamento o dalla nomina ufficiale fatta dal Tribunale?
Pluto ti sarei grato se mi chiarissi tali dubbi. Ovviamente l'invito vale anche per tutti gli altri utenti del forum. Grazie e buon lavoro.
 

pluto

Utente
secondo me, fintanto non c'è accettazione dell'eredità, le dichiarazioni, versamenti o altro va fatto dall'esecutore testamentario a suo nome...
per uscirne da sta situazione ti conviene andare all'AdE e chiedere a loro..tanto ci devi andare comunque e le cose devo andar bene a loro....
 

flipflop

Utente
secondo me, fintanto non c'è accettazione dell'eredità, le dichiarazioni, versamenti o altro va fatto dall'esecutore testamentario a suo nome...
per uscirne da sta situazione ti conviene andare all'AdE e chiedere a loro..tanto ci devi andare comunque e le cose devo andar bene a loro....
Secondo te, Pluto, l'esecutore dovrebbe quindi farsi carico, nella propria dichiarazione dei redditi, anche dei canoni riscossi per conto dei chiamati all'eredità che non hanno ancora accettato, cumulando detti canoni con i propri redditi personali e pagando (visto l'aumento dello scaglione) più tasse di quanto pagherebbe con i suoi "soli" redditi personali? E lo stesso dicasi con le imposte locali (IMU e TASI)? :whoo:
 

sberla

Utente
ciao a tutti riapro la discussione poichè sto impazzendo per capire cosa debba fare l'erede una volta accettata l'eredità.

Una volta che l'erede/i accetta, il reddito dei cespiti ereditari concorre a formare il complessivo reddito dell'erede per ciascun periodo d'imposta, compreso quello in cui si è aperta la successione, e si procede alla liquidazione definitiva delle relative imposte (per ciascun erede), per effetto di quanto disposto dall’art. 187 del Tuir.

Mi pare di capire che l’erede non debba procedere alla ripresentazione di tutte le dichiarazioni ma alla liquidazione definitiva delle imposte dovute in riferimento ai periodi di imposta riferibili all’eredità giacente.

Detto questo non riesco a trovare nessuna indicazione su come OPERATIVAMENTE debba essere effettuato tale calcolo. Mi spiego meglio: ammettiamo che l'erede accetti il 1° ottobre 2016. Cosa deve fare concretamente? ravvedere la sua dichiarazione Unico 2016 integrandola dei cespiti ereditari? devo diminuire quanto già versato dal curatore a titolo provvisorio?
a qualcuno è mai capitato?
grazie
 
Mobile app for XenForo 2 by Appify
Alto