ETS: Attività diverse e attività di interesse generale

ETS: Attività diverse e attività di interesse generale

Attività diverse e attività di interesse generale negli enti del terzo settore. Aggiornato al decreto Min. Lavoro del 19 maggio 2021. eBook PDF, 47 pagine

Leggi dettagli prodotto

Il prodotto è in formato pdf - ISBN 9788891648785

In Promozione fino al 24/10/2021

14,90 € + 4% IVA

10,10 € + 4% IVA
(10,50 € IVA Compresa)
Data: 03/08/2021
Tipologia: E-Book


Dettagli prodotto

La definizione di Ente del Terzo Settore è centrata, sotto il profilo oggettivo, sullo svolgimento in via esclusiva o principale di una o più attività di interesse generale per il perseguimento, senza scopo di lucro, di finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale.

Ciononostante, con l’entrata in vigore della Riforma, l’attenzione di operatori e professionisti si è da subito concentrata sulle attività diverse da quelle di interesse generale. Nonostante ciò, per affrontare adeguatamente il tema delle attività diverse occorre innanzitutto tracciare i confini delle attività di interesse generale. A queste è perciò dedicato l’intero primo capitolo.

Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n. 177 del 26 luglio scorso del decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali 19 maggio 2021, n. 107 - Regolamento ai sensi dell'articolo 6 del decreto legislativo n. 117 del 2017 (Codice del Terzo settore), concernente l'individuazione di criteri e limiti delle attività diverse, è stato finalmente fornito un tassello fondamentale verso il completamento della disciplina introdotta con la Riforma del Terzo Settore.

Il decreto, i cui contenuti sono illustrati ed approfonditi nel secondo capitolo, definisce i caratteri della strumentalità e della secondarietà che devono connotare le attività diverse degli Enti del Terzo Settore per la loro permanenza nel Registro Unico Nazionale.

Indice prodotto

Considerazioni introduttive 6
1. Le attività di interesse generale 7

1.1 Tassatività dell’elenco di cui all’articolo 5 del Codice del Terzo Settore. 10
1.1.1 Interventi e servizi sociali 10
1.1.2 Interventi e prestazioni sanitarie 11
1.1.3 Prestazioni socio-sanitarie 12
1.1.4 Educazione, istruzione e formazione professionale 13
1.1.5 Interventi e servizi finalizzati alla salvaguardia dell’ambiente, all’utilizzo accorto delle risorse
naturali e alla tutela degli animali 14
1.1.6 Interventi di tutela e valorizzazione del patrimonio culturale e del paesaggio 15
1.1.7 Formazione universitaria e post-universitaria 16
1.1.8 Ricerca scientifica di particolare interesse sociale 17
1.1.9 Organizzazione e gestione di attività culturali, artistiche o ricreative di interesse sociale 19
1.1.10 Radiodiffusione sonora a carattere comunitario 20
1.1.11 Organizzazione e gestione di attività turistiche di interesse sociale, culturale o religioso 20
1.1.12 Formazione extra-scolastica 22
1.1.13 Servizi strumentali ad enti del Terzo settore 22
1.1.14 Cooperazione allo sviluppo 23
1.1.15 Commercio equo e solidale 24
1.1.16 Servizi finalizzati all'inserimento o al reinserimento nel mercato del lavoro 25
1.1.17 Alloggio sociale 26
1.1.18 Accoglienza umanitaria ed integrazione sociale dei migranti 27
1.1.19 Agricoltura sociale 27
1.1.20 Organizzazione e gestione di attività sportive dilettantistiche 28
1.1.21 Beneficenza 30
1.1.22 Promozione della cultura della legalità, della pace tra i popoli, della nonviolenza e della
difesa non armata 31
1.1.23 Promozione e tutela dei diritti umani, civili, sociali e politici, nonché dei diritti dei
consumatori e degli utenti delle attività di interesse generale, promozione delle pari opportunità e
delle iniziative di aiuto reciproco, incluse le banche dei tempi e i gruppi di acquisto solidale 32
1.1.24 Cura di procedure di adozione internazionale ai sensi della legge 4 maggio 1983, n. 184 33
1.1.25 Protezione civile 34
1.1.26 Riqualificazione di beni pubblici inutilizzati o di beni confiscati alla criminalità organizzata 34
1.2 Svolgimento in via esclusiva o principale 34
2. Le attività diverse da quelle di interesse generale 35
2.1 Requisito formale: la previsione statutaria 36
2.1.1 I rami ETS degli enti religiosi civilmente riconosciuti 37
2.1.2 Esercizio di attività diverse in assenza di previsione statutaria 37
2.2 Requisito qualitativo: natura strumentale alla realizzazione delle specifiche finalità civiche,
solidaristiche e di utilità sociale 38
2.3 Requisito quantitativo: carattere secondario. Quale criterio utilizzare? 39
2.3.1 Secondarietà civilistica e secondarietà fiscale 40
2.4 Attestazione del carattere secondario e strumentale nei documenti di bilancio 41
2.5 I controlli 42
2.5.1 Le verifiche dell’organo di controllo 42
2.5.2 I controlli degli uffici del RUNTS: gli obblighi di comunicazione da parte degli ETS e le
sanzioni 42
2.5.3 I controlli della guardia di finanza 43
2.6 Casistica e rapporti con le attività di raccolta fondi di cui all’articolo 7 CTS 43
2.6.1 Attività che perseguono in via diretta la mission dell’ETS 44
2.6.2 Attività di mero supporto finanziario. Il caso delle sponsorizzazioni e i charity shop 45
2.7 Entrata in vigore del Decreto e sua effettiva operatività 47

Descrizione breve

Il presente eBook di 47 pagine analizza le attività di interesse generale e le attività diverse negli enti del terzo settore. Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n. 177 del 26 luglio scorso del decreto del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali 19 maggio 2021, n. 107 - Regolamento ai sensi dell'articolo 6 del decreto legislativo n. 117 del 2017 (Codice del Terzo settore), concernente l'individuazione di criteri e limiti delle attività diverse, è stato infatti fornito un tassello fondamentale verso il completamento della disciplina introdotta con la Riforma del Terzo Settore.

Isbn: 9788891648785



SKU FT-44745 - Ulteriori informazioni: cat1e-book_pratici / cat2collana_e-book