Guida ai finanziamenti Nazionali e Regionali

Guida ai finanziamenti Nazionali e Regionali

Come accedere ai finanziamenti nazionali e regionali Covid19, con le novità introdotte dal DL Rilancio e dal DL Liquidità, guida aggiornata in pdf. 116 pag

Leggi dettagli prodotto

Il prodotto è in formato pdf - ISBN 9788891643513

In Promozione fino al 30/06/2020

15,90 € + 4% IVA

14,90 € + 4% IVA
(15,50 € IVA Compresa)
Data: 21/05/2020
Tipologia: E-Book


Dettagli prodotto

Guida pratica per accedere ai finanziamenti nazionali e regionali previsti per le imprese e professionisti, a seguito dell'emergenza sanitaria da Covid-19.

  • Indennizzi a fondo perduto per imprese e lavoratori autonomi
  • Aiuti sotto forma di garanzie sui prestiti alle imprese
  • Riduzioni bollette elettriche
  • Sostegno occupazione
  • Agevolazioni imprese agricole

Aggiornato con le novità introdotte da:

  • Decreto liquidità - D.L. n. 23 dell'8 aprile 2020 GU n. 94
  • Decreto rilancio - 19 maggio 2020, n. 34 pubblicato sul supplemento ordinario gazzetta ufficiale
    del 19 maggio 2020, n.128

Il decreto legge cd. Rilancio contiene delle importanti misure per il settore imprenditoriale commerciale e anche agricolo. E’ previsto un contributo a fondo perduto a favore dei soggetti esercenti attività d’impresa e di lavoro autonomo, titolari di partita IVA, comprese le imprese esercenti attività agricola o commerciale, anche se svolte in forma di impresa cooperativa, con fatturato nell’ultimo periodo d’imposta inferiore a 5 milioni di euro.

Per i soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione, che abbiano subito nei mesi di marzo, aprile e maggio una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi di almeno il 50 per cento rispetto allo stesso mese del periodo d’imposta precedente, si istituisce un credito d’imposta nella misura del 60 per cento dell’ammontare mensile del canone di locazione di immobili a uso non abitativo destinati allo svolgimento dell’attività industriale, commerciale, artigianale, agricola, di interesse turistico o all’esercizio abituale e professionale dell’attività di lavoro autonomo.

Il rafforzamento patrimoniale delle piccole e medie imprese, con la previsione della detraibilità per le perone fisiche e della deducibilità per quelle giuridiche, per il 2020, del 20 per cento della somma investita dal contribuente nel capitale sociale di una o più società per azioni, in accomandita per azioni, a responsabilità limitata, anche semplificata, cooperativa, che non operino nel settore bancario, finanziario o assicurativo.

L’investimento massimo detraibile/deducibile non può eccedere l’importo di euro 2.000.000.

L’autorizzazione a Cassa depositi e prestiti S.p.a. (CDP) alla costituzione di un patrimonio destinato, denominato “Patrimonio Rilancio”, a cui sono apportati beni e rapporti giuridici dal Ministero dell’economia e delle finanze, che potrà essere articolato in comparti e le cui risorse saranno impiegate per il sostegno e il rilancio del sistema economico produttivo italiano, nel rispetto del quadro normativo dell’Unione europea sugli aiuti di Stato adottato per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19 o a condizioni di mercato.

L’istituzione del “Fondo Patrimonio PMI”, la cui gestione sarà affidata all’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo di impresa Spa – Invitalia. Il fondo sarà finalizzato a sottoscrivere, entro il 31 dicembre, strumenti finanziari partecipativi, emessi dalle società già indicate al punto precedente;

Ulteriori misure di rafforzamento dell’azione di recupero di aziende in crisi e potenziamento delle strutture di supporto per le crisi di impresa e per la politica industriale.

Le regioni e le provincie autonome, gli altri enti territoriali, le Camere di commercio possono adottare misure di aiutodirette, a valere sulle proprie risorse, fino a un importo di 800.000 euro per impresa, concesse sotto forma di sovvenzioni dirette, agevolazioni fiscali e di pagamento o in altre forme, quali anticipi rimborsabili, garanzie, prestiti e partecipazioni.

Il Decreto Legge Liquidità dell’8 aprile 2020 n. 23 ha introdotto misure urgenti per favorire l’accesso al credito di imprese, lavoratori autonomi, professionisti e sostenere la continuità aziendale, e ha ampliato le possibilità di utilizzo delle garanzie concesse dallo Stato. Le garanzie sono erogate attraverso due diversi canali:
• Il fondo centrale di garanzia;
• La garanzia SACE S.p.A.
Le garanzie dello Stato sostituiscono le tradizionali garanzie associate ai finanziamenti e si configurano come aiuti di Stato che, nel caso del Fondo Centrale di Garanzia, deve rispettare anche la congruità rispetto al calcolo del de minimis.

La garanzia è concessa anche alle imprese che hanno crediti deteriorati con le banche (in particolare inadempienze probabili o esposizioni scadute e/o sconfinanti). Anche l’ammissione a procedure concorsuali, per alcune fattispecie, non sarà più di impedimento per l’accesso alla garanzia.

Mentre il Governo continua ad aggiornare le misure di sostegno per le imprese, i lavoratori e le famiglie colpiti dall'emergenza Coronavirus, le varie Regioni sono scese in campo con incentivi e contributi per le imprese e i lavoratori. Le ultime regioni che hanno emanato strumenti di sostegno per le imprese, le famiglie e i lavoratori riguardano la regione Abruzzo, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Lazio, Liguria, Lombardia, Molise, Piemonte, Provincia di Bolzano, Puglia e Veneto.

Indice prodotto

Prefazione
Parte Prima - Decreto Rilancio n. dell' Sostegno alle imprese
1. Indenizzi a fondo perduto per le per Pmi, imprenditori agricoli e cooperative, credito d’imposta affitti commerciali, credito d’imposta per la riapertura di bar, ristoranti, alberghi, teatri e cinema, rafformento patrimoniale e sostegno occupazione
1.1 Indenizzi alle imprese
1.2 Credito d’imposta affitti commerciali
1.3 Credito d’imposta per la riapertura di bar, ristoranti, alberghi, teatri e cinema
1.4 Rafforzamento patrimoniale
1.5 Lo stato entra nel capitale delle grandi aziende
1.6 Fondo per il trasferimento tecnologico
1.7 Resto al Sud: incentivi per liquidità
1.8 Sostegno al terzo settore nelle regioni del mezzogiorno
1.9 Fondo sviluppo
1.10 Produzione di prodotti connessi
1.11 Misure di sostegno alle Pmi che gestiscono il servizio di distribuzione autostradale di carburanti
1.12 Rafforzamento di Invitalia
1.13 Riduzione degli oneri delle bollette elettriche
1.14 Aiuti sotto forma di garanzie sui prestiti alle imprese
1.15 Aiuti sotto forma di tassi d’interesse agevolati per i prestiti alle imprese
1.16 Misure di sostegno alle micro, piccole e medie imprese titolari del servizio di distribuzione di carburanti nelle autostrade per il periodo di emergenza da COVID-19
1.17 Pacchetto start up
1.18 Misure per le occupazioni realizzate dalle imprese di pubblico esercizio
1.19 Liberalizzazione e semplificazione dei procedimenti amministrativi in relazione all’emergenza COVID-19
1.20 Fondo per la salvaguardia dei livelli occupazionali e la prosecuzione dell’attività d’impresa
1.21 Misure di sostegno alle imprese per la riduzione del rischio da contagio nei luoghi di lavoro
1.22 Aiuti alle imprese per la ricerca e lo sviluppo in materia di COVID-19
2. Misure per l’agricoltura
2.1 Il sostegno alle imprese agricole
2.2 Fondo emergenziale a tutela delle filiere in crisi e fondo emergenza alimentare
2.3 Mutui consorzi di bonifica
2.4 Vino: meno produzione, più qualità
Parte Seconda - Decreto liquidità n. 23 dell'8 aprile 2020. Sostegno alle imprese e ai professionisti
3. Prestiti garantiti fino 25 mila euro per Pmi e negozianti
3.1 Fondo Pmi con copertura integrale solo fino a 25 mila euro per Pmi e professionisti
3.1.1 Specificità per i settori turismo, agricolo e start up
3.2 Richiesta finanziamento fino a 25 mila euro
3.2.1 La modulistica per richiedere la garanzia del fondo Pmi prestiti fino a 25 mila euro
3.3 Finanziamento fino a 800.000 euro
3.4 Finanziamento fino a 5.000.000 euro
3.5 Richiesta credenziali da parte delle banche, dai confidi o intermediari finanziari per presentazione domande on line al fondo di garanzia Pmi
3.5.1 Soggetti che possono richiedere garanzia diretta e riassicurazione
3.6 Domanda di registrazione alla mailing-list degli operatori di finanza agevolata
4. Credito garantito da Sace per 200 Mln per imprese, professionisti e partite Iva
4.1 Aspetti generali del credito concesso da Sace
4.2 Garanzia Sace in quattro step
4.3 Beneficiari
4.4 Le percentuali
4.5 Tipologia della garanzia
4.6 Finanziamenti ammissibili
4.7 Commissioni di garanzia
4.8 Misura “Garanzia Italia”
4.8.1 Processo per l’ottenimento della garanzia SACE
4.9 Cassa depositi e prestiti lancia un Social Bond
Parte Terza - Le diverse misure delle regioni a sostegno di imprese e lavoratori
5. Contributi delle Regioni per imprese e famiglie
5.1 Covid 19 e misure Regioni per le imprese e le famiglie
5.1.1 Abruzzo
5.1.2 Basilicata
La giunta regionale della Basilicata ha approvato cinque delibere lo corso 20 marzo per sostenere le imprese e i lavoratori colpiti dalle conseguenze economiche del diffondersi del Covid-19.
5.1.3 Calabria
5.1.4 Campania
5.1.5 Emilia Romagna
5.1.6 Friuli Venezia Giulia
5.1.7 Lazio
5.1.8 Liguria
5.1.9 Lombardia
5.1.10 Marche
5.1.11 Marche
5.1.12 Molise
5.1.13 Piemonte
5.1.14 Provincia autonoma di Bolzano
5.1.15 Provincia autonoma di Trento
5.1.16 Puglia
5.1.17 Sardegna
5.1.18 Sicilia
5.1.19 Toscana
5.1.20 Umbria
5.1.21 Valle d’Aosta
5.1.22 Veneto

Descrizione breve

Guida pratica su come accedere ai finanziamenti nazionali e regionali Covid19, aggiornata con le novità introdotte dal DL Rilancio e dal DL Liquidità; L'eBook in pdf di 116 pagine, si completa con le misure di sostegno previste ad oggi anche dalle singole Regioni.
• Indennizzi a fondo perduto per imprese e lavoratori autonomi
• Aiuti sotto forma di garanzie sui prestiti alle imprese
• Riduzioni bollette elettriche
• Sostegno occupazione
• Agevolazioni imprese agricole

Isbn: 9788891643513



SKU FT-42338 - Ulteriori informazioni: cat1focus / cat2emergenza_coronavirus