Processo tributario telematico (eBook)

Costituzione in giudizio: le nuove regole, la nuova procedura facoltativa del processo tributario telematico. eBook di pag. 88 di cui 27 norme a confronto

Il prodotto è in formato pdf - ISBN 9788868057374

In Promozione fino al 28/02/2019
12,40 € + 4% IVA
11,44 € + 4% IVA
(11,90 € IVA Compresa)
Data: 16/01/2019
Tipologia: E-Book

Dettagli prodotto

Aggiornato con le novità del Decreto fiscale (D.L. n. 119/2018).

  • Ambito di applicazione
  • Regole tecniche ed operative
  • Procedure
  • Controlli
  • Comunicazioni
  • Pagamenti
  • Norme processuali a confronto

Con il decreto del Direttore generale delle finanze del Ministero dell’economia e delle finanze del 4 agosto 2015 è data attuazione al “processo tributario telematico”: Non si tratta di una speciale disciplina ma soltanto di una particolare procedura, non obbligatoria. Tuttavia, trattandosi non di obbligo ma di una facoltà, il contribuente deve prestare attenzione al fatto che la via telematica, una volta prescelta ed attivata, costituisce un obbligo per l’intero grado di giudizio.

L’unica deroga ammessa è rappresentata dalla sostituzione del difensore, circostanza che ripropone la scelta tra la procedura cartacea e quella telematica.

La disciplina del processo tributario telematico ha per oggetto “gli atti e i provvedimenti del processo tributario, nonché quelli relativi al procedimento attivato con l’istanza di reclamo e mediazione, con la conseguenza che “la trasmissione, la comunicazione, la notificazione e il deposito di atti e provvedimenti del processo tributario, nonché di quelli relativi al procedimento attivato con l’istanza di reclamo e mediazione, avvengono osservando le modalità informatiche”.

Tutta la procedura ha come cardine la posta elettronica certificata che rappresenta il “domicilio digitale” del contribuente: da qui vengono depositati tutti gli atti processuali a prescindere dalla sede della commissione tributaria, con il vantaggio di non essere vincolati all’orario di apertura della segreteria della commissione tributaria per la consegna degli atti, ovvero di dover predisporre plichi raccomandati con avvisi di ricevimento.

Il fulcro dell’attività processuale è rappresentato dal fascicolo informatico (che sostituisce il fascicolo d’ufficio) nel quale vengono raccolti atti, documenti, allegati, ricevute di posta elettronica certificata, messaggi di sistema e dati del procedimento. Il fascicolo informatico consente alle persone abilitate di consultare direttamente gli atti esonerando la segreteria dal rilasciarne copia cartacea.
Le regole di funzionamento non sono semplici poiché oltre ad osservare la disciplina specifica e sostanziale del processo tributario, di cui al d.lgs. 31.12.1992, n. 546, chi si avvale della facoltà concessa di avvalersi del processo tributario telematico deve considerare anche le regole procedurali indicate nel d.m. 23.12.2013, n. 163, e nel d.d. 4.8.2015.

Dal 1°.12.2015 il processo tributario telematico è operante presso le Commissioni tributarie provinciali e regionali dell’Umbria e della Toscana.

Con il d.d. 30.6.2016 la procedura è stata allargata alle regioni dell’Abruzzo e del Molise dal 15.10.2016, del Piemonte e della Liguria dal 15.11.2016, del Molise, del Piemonte, della Liguria, dell’Emilia-Romagna e del Veneto e con il d.d. 15.12.2016 alle restanti regioni.

Per i giudizi instaurati, in primo e secondo grado, con ricorso notificato fino al 30.6.2018 la modalità di utilizzazione del processo tributario telematico è una facoltà della parte ma, per effetto dell’art. 16, comma 5, del d.l. 23.10.2018, n. 119, a decorrere dal 1°.7.2019 sussiste l’obbligo di utilizzare le modalità telematiche.

Il d.d. 15.12.2016 ha completato la disciplina disponendo l’entrata in vigore presso le Commissioni tributarie provinciali e regionali delle regioni:

a) Basilicata, Campania e Puglia dal 15.2.22017;
b) Friuli-Venezia Giulia, Lazio e Lombardia dal 15.4.2017;
c) Calabria, Sardegna e Sicilia dal 15.6.2017;
d) Marche e Val d’Aosta, nonché per le provincie autonome di Trento e Bolzano dal 15.7.2017.

Indice

Processo tributario telematico
1. L’ambito di applicazione delle regole tecniche ed operative del processo tributario telematico
2. Il Portale della Giustizia Tributaria2
3. Il S.I.Gi.T
4. La registrazione dei soggetti al S.I.Gi.T
5. I servizi resi dal S.I.Gi.T
6. La procura alle liti e il conferimento dell’incarico di assistenza e difesa
7. La difesa personale del contribuente
8. La notificazione del ricorso
9. Gli standard degli atti processuali e dei documenti informatici allegati
10. La preparazione degli atti da depositare
11. La trasmissione degli atti e dei documenti al momento della costituzione in giudizio del ricorrente
12. La costituzione telematica in giudizio del ricorrente/appellante
12.1. La procedura
12.2. La ricevuta di accettazione
12.3. I controlli del S.I.Gi.T
12.4. L’iscrizione a ruolo
12.5. Le “anomalie bloccanti”
12.6. Le “anomalie non bloccanti”
13. La trasmissione degli atti e dei documenti della parte resistente
14. La costituzione telematica in giudizio del resistente
14.1. La procedura
14.2. La ricevuta di accettazione
14.3. I controlli del S.I.Gi.T
14.4. L’iscrizione a ruolo
14.5. Le “anomalie bloccanti” il deposito delle controdeduzioni
14.6. Le “anomalie non bloccanti"
15. I codici delle anomalie di trasmissione
16. La trasmissione degli atti successivi alla costituzione in giudizio
17. Le ricevute
18. L’attestazione temporale degli atti processuali
18.1. Le notifiche e le comunicazioni
18.2. Il deposito degli atti
19. Il deposito di atti e documenti non informatici
19.1. La formazione e la consultazione
19.2 La certificazione di conformità
19.3 La prova della notificazione o della comunicazione
19.4 La discussione della causa in videoconferenza
19.5. L’attività degli uffici di segreteria
20. Il fascicolo informatico
21. Le comunicazioni della segreteria
22. La compilazione della nota di iscrizione a ruolo (“NIR via web”)
23. I pagamenti

Le norme processuali a confronto
Entrata in vigore del processo tributario telematico
1. Art. 16, comma 1, Decreto direttoriale 4 agosto 2015: Entrata in vigore e individuazione delle Commissioni Tributarie
2. Art. 2, Decreto direttoriale 30 giugno 2016: Entrata in vigore
3. Art. 2, Decreto direttoriale 15 dicembre 2016: Entrata in vigore

Isbn: 9788868057374


Ulteriori informazioni: cat1e-book_pratici / cat2collana_e-book