Il Trust - Guida all'istituto giuridico anglosassone

eBook PDF di 110 pagine (più collegamenti alla normativa) dedicato al Trust e a tutte le sue caratteristiche per la tutela degli interessi meritevoli

Il prodotto è in formato pdf - ISBN 9788868056926

16,25 € + 4% IVA
(16,90 € IVA Compresa)
Data: 29/08/2018
Tipologia: E-Book

Dettagli prodotto

Questo e-book vuole essere una semplice guida e un valido aiuto a capire e comprendere il Trust quale idoneo strumento giuridico per segregare, separare, destinare, il patrimonio, in tutte le sue forme e complessità, per fini meritevoli di tutela legale. Da quello famigliare, societario a quello di attività commerciale e industriale sia immobiliare che mobiliare.

Con questa guida il lettore trae il vantaggio di conoscere e comprendere quando utilizzare l’istituto segregativo del richiamato patrimonio e dunque dare inizio a un percorso di individuazione e valutazioni delle proprie posizioni meritevoli di essere tutelate in funzione delle quali individuare, per enucleare e separare da se medesimo, il patrimonio che intende destinare a tale titolo senza correre il rischio di vederlo aggredito dalle vicissitudini nefaste della vita.

La guida non ha la pretesa di essere esaustiva ma semplicemente informativa delle peculiarità intrinseche dell’Istituto, non foss’altro, per essere uno strumento talmente plasmabile e duttile da saper tutelare e proteggere meglio di ogni altro le multiformi combinazioni delle volontà del soggetto che intende istituirlo.

La guida si propone di offrire uno spunto di riflessione circa i possibili impieghi del Trust i quali spaziano dal semplice trust di garanzia per l’adempimento di un obbligo o affare alla conservazione di un bene, asset, complessi edilizi o aziende di famiglia, per uno scopo o per garantire sostentamento e cure al disponente e a chi egli intenda nelle forme e contenuti voluti fino al termine finale di durata.

La guida, infine, offre, anche, un quadro comparato e succinto degli istituti giuridici interni di separazione e tutela dei patrimoni a tali fini, al fine di far emergere le differenze sostanziali rispetto al Trust validamente istituito e preordinato ad un fine o scopo.

Concludo, ma non prima di aver rivolto al Preg.mo Prof. Maurizio Lupoi sentimenti di gratitudine per i pregevoli ed impareggiabili insegnamenti sul trust i quali hanno solcato indelebilmente l’area dei miei saperi arricchendola di nuove competenze e illuminanti conoscenze giuridico-economiche e comparatistiche senza le quali, oggi, non sarei un professionista perfezionato in tale ambito consapevole come sono di non essere all’altezza delle sue aspettative; autore egli di numerose pubblicazioni scientifiche, dottrinali e professionali, studioso tra i massimi esperti di Trust e strumenti fiduciari nel panorama internazionale, Docente Emerito di Diritto Comparato nell’Università di Genova, Presidente e Direttore scientifico dei Master sul Diritto dei Trust e i negozi fiduciari editi da Consorzio Uniforma Università degli Studi di Genova, Presidente della Corte per il Trust e i Rapporti fiduciari della Repubblica di San Marino, Presidente dell’Associazione “Il Trust in Italia” riconosciuta come maggiormente rappresentativa dal Consiglio Nazionale Forense, alla quale associazione peraltro mi onoro appartenere tanto come membro quanto come Consigliere direttivo di designazione del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili.

Indice

1.1 Dalla causa fiduciaria al trust
1.2 La Common Law
1.2.1 Le Origini della Common Law inglese
1.2.2 Le Corti Regie
1.2.2.1 La Curia Regis
1.2.2.1.2 King’s bench o Corte de Banco del Re
1.2.2.1.3 Court of common pleas
1.2.3 L’istituzione della Giustizia Itinerante
1.2.4 Il sistema dei Writs
1.2.4.1 Tipi di writs
1.2.4.1.2 Writs straordinari, detti anche “brevia de gratia”
1.2.4.2 La crisi del sistema dei writs
1.2.4.2.1 Magna Charta 1215
1.2.4.2.2 Provisions of Oxford
1.2.4.2.3 Statute of Westminster II
1.2.4.3 L’evoluzione dei writs e l’action on the case
1.3 La Giurisdizione di Equità
1.3.1 La Corte di Equity
1.3.1.1 Caratteristiche dell’Equity
1.3.1.2 Rimedi in Equity
1.3.2 La Court of Chancery
1.3.3 La Corte del Cancelliere del Re
1.4 Il Trust nell’Equity
1.4.1 L’esperienza della giurisdizione dell’Equity
2.1 La Conferenza de l’Aja di diritto internazionale privato
2.1.1 Lo Statuto della Conferenza de l’Aja di Diritto Internazionale Privato
2.1.1.1 L’Oganizzazione Regionale di Integrazione Economica
2.1.1.2 Il Consiglio Affari generali e Politica
2.1.1.3 La Commissione di Stato olandese
2.1.1.4 L’Ufficio Permanente
2.1.1.5 Le Commissioni speciali
2.2 Le convenzioni di diritto internazionale privato
2.2.1 Il diritto internazionale privato
2.2.2 Il diritto internazionale privato italiano
2.3 Convenzione de l’Aja sulla legge applicabile ai trusts e sul loro riconoscimento. Esposizione
3.1 Il trust in Italia
3.2 Il trust come strumento giuridico uninegoziale di destinazione patrimoniale
3.3 Istituzione di un Trust
3.4 Alcuni impieghi del Trust
3.5 Forma dell’atto istitutivo di Trust
3.6 Gli effetti del trust
3.7 Gli effetti del trust
3.8 I soggetti del trust
3.8.1 Il disponente
3.8.1.1 Posizione giuridica del disponente
3.8.1.2. Poteri del disponente
3.7.1.3 Prerogative del disponente
3.8.2 Il trustee
3.8.2.1 Posizione giuridica del trustee
3.8.2.2 Nomina del trustee
3.8.2.3 Revoca del trustee
3.8.2.4 Successione del trustee
3.8.2.5 Dimissioni del trustee
3.8.2.6 Decadenza del trustee
3.8.2.7 Compenso e rimborsi del trustee
3.8.2.8 Poteri, obblighi, prerogative e responsabilità del trustee
3.8.3 Il Beneficiari
3.8.3.1 Il beneficiario del trust
3.8.3.2 Il beneficiario del reddito
3.8.3.3 Il beneficiario di specifici beni
3.8.3.4 Il beneficiario vitalizio
3.8.3.5 Beneficiario decaduto
3.8.3.6 Il beneficiario finale
3.8.4 Natura tipologica delle posizioni beneficiarie
3.8.5 Il guardiano
3.8.5.1 Nomina e revoca del guardiano
3.8.5.2 Funzioni e poteri del guardiano
3.8.5.3 Successione del Guardiano
3.8.5.4 Compenso e rimborsi del guardiano
4.1 Fondo patrimoniale ex art. 167 C.C.
4.1.1 Comparazione e differenze del Fondo patrimoniale ex art. 167 C.C. rispetto all’istituto del trust
4.2. Vincolo di destinazione ex art. 2645/ter C.C.
4.2.1 Comparazione e differenze del Vincolo di destinazione ex art. 2645/ter C.C. rispetto all’istituto del trust
4.3 Patrimoni destinati ad uno specifico affare ex art. 2447/bis, Codice civile
4.3.1 Comparazione e differenze dei Patrimoni destinati ad uno specifico affare ex art. 2447/bis, C. C. rispetto all’istituto del trust
4.4 Società unipersonale a responsabilità limitata ex art. 2463 C.C.
4.4.1 Comparazione e differenze della Società unipersonale a responsabilità limitata ex art. 2463 C.C. rispetto all’istituto del trust
4.5 Società Semplice ex artt. 2251/2290 C.C.
4.5.1 Comparazione e differenze della Società Semplice ex artt. 2251/2290 C. C. rispetto all’istituto del trust
4.6 Fondazioni (Libro I, Titolo II, Capo II, C.C.)
4.6.1 Comparazione e differenze della Fondazione rispetto all’istituto del trust

Isbn: 9788868056926


SKU FT-38141 - Ulteriori informazioni: cat1e-book_di_approfondimento / cat2e-book_approfondimento