Regime speciale Iva ecommerce di servizi ai consumatori

Il regime speciale Iva del commercio elettronico che ha per oggetto le prestazioni di servizi ai consumatori recentemente riformato dal Dlgs 42/2015. 51 p.

Il prodotto è in formato pdf - ISBN 9788868053925

8,56 € + 4% IVA
(8,90 € IVA Compresa)
Data: 11/10/2016
Tipologia: E-Book

Dettagli prodotto

Questo e-book ha come oggetto la trattazione del regime speciale dell’Imposta sul valore aggiunto (IVA) del commercio elettronico, in particolare di quello che ha per oggetto le prestazioni di servizi ai consumatori, recentemente riformato dal Decreto Legislativo n° 42 del 2015, che non solo ha perfezionato la precedente riforma contenuta nel Decreto Legislativo n° 18 del 2010, ma ha terminato il lungo cammino per arrivare ad una disciplina completa, in primo luogo dal punto di vista dell’attuazione delle Direttive europee sull’IVA per l’e-commerce, iniziato parecchio tempo fa col Decreto Legislativo n° 273 del 2003, oggi abrogato.

Questo cammino è anche quello dell’affermazione del principio che le prestazioni di servizi resi mediante mezzi elettronici (comprese quelle di tele radiodiffusione e di telecomunicazione) ad un committente che non sia un soggetto passivo dell’IVA (per esempio, un consumatore), domiciliato o residente in Italia, sono sempre considerate come effettuate nel territorio dello Stato, anche se l’impresa od il lavoratore autonomo che le eroga è stabilito fuori d’Italia in un paese aderente all’Unione Europea od anche in un paese al di fuori dall’Unione Europea. Parallelamente a questo principio sono state costruite le procedure perché gli erogatori dei servizi citati possano adempiere nel nostro paese i loro obblighi fiscali relativi all’IVA.

Da un punto di vista economico il “commercio elettronico” (o e-commerce) comprende sia l’attività imprenditoriale di scambio di beni e di servizi (quale che sia il titolo giuridico di essa: compravendita, locazione, permuta negli scambi tra pari o peer to peer, ecc.) che quelle di pubblicità, promozione ed informazione a fini commerciali effettuate mediante la connessione di accesso alla rete globale Internet e la presenza stabile in essa degli operatori economici per mezzo di un sito web.

Il commercio elettronico, giuridicamente, si realizza per mezzo dei “contratti a distanza” che sono tutti i contratti stipulati tra un professionista (cioè un operatore economico professionale, quindi un’impresa od un lavoratore autonomo) ed un consumatore (vale a dire la persona fisica che acquista beni o servizi per motivi non connessi all’attività lavorativa, imprenditoriale, professionale, ecc. eventualmente svolta) per mezzo di un sistema di vendita o di prestazione di servizi a distanza che impiega soltanto una o più tecniche di comunicazione a distanza fino alla conclusione e per la conclusione del contratto stesso. Tra i contratti a distanza sono oggi preminenti quelli conclusi per mezzo della rete globale Internet.

Ricordiamo, infine, che la disciplina del commercio elettronico in generale è contenuta nel Decreto Legislativo n° 70 del 2003 che ha attuato in Italia la Direttiva CE n° 31 del 2000, mentre il commercio elettronico fra le imprese ed i consumatori (detto anche commercio elettronico od e-commerce B2C – Business to consumer) è regolato principalmente dalle norme sui c.d. contratti a distanza disciplinati dagli articoli da 45 a 67 del “Codice del consumo”, il Decreto Legislativo n° 206 del 2005, così come riformati dal Decreto Legislativo n° 21 del 2014.

Indice

  1. Il problema dell’applicabilità dell’IVA alle transazioni telematiche fra imprese non stabilite nell’Unione Europea e consumatori italiani. Il concetto di “commercio elettronico” e quello di “stabile organizzazione” di un’impresa
  2. La disciplina dell’IVA per l’e-commerce B2C in generale e quella particolare dettata per la prima volta dal Decreto Legislativo n° 273 del 2003 (oggi abrogato) per le prestazioni di servizi rese tramite strumenti elettronici
  3. La riforma intervenuta col Decreto Legislativo n° 18 del 2010 e le modifiche apportate dal Decreto Legislativo n° 42 del 2015
  4. La disciplina speciale dell’IVA per i servizi prestati ai consumatori mediante strumenti elettronici da imprese non stabilite nell’Unione Europea: l’art. 74-quinquies del DPR 633/1972 modificato dal Decreto Legislativo n° 42 del 2015
  5. La disciplina speciale ed opzionale dell’IVA per i servizi prestati ai consumatori mediante strumenti elettronici da imprese domiciliate, residenti o con una stabile organizzazione in Italia: l’art. 74-sexies del DPR 633/1972 introdotto dal Decreto Legislativo n° 42 del 2015
  6. Le disposizioni su riscossione, ripartizione, rimborsi, restituzioni dell’IVA di questo regime speciale, sui controlli delle dichiarazioni e sulle sanzioni

Appendice normativa
1. Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633
2. Decreto Legislativo n° 471 del 1997
3. Decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917

Isbn: 9788868053925


SKU FT-30881 - Ulteriori informazioni: cat1e-book_di_approfondimento / cat2e-book_approfondimento