Demansionamento e consenso - Cass. n. 19930/2015

Demansionamento e consenso - Cass. n. 19930/2015

Commento alla sentenza della Corte di Cassazione lavoro n. 19930 del 6 ottobre 2015 "Patto di demansionamento e consenso del lavoratore"

Il prodotto è in formato pdf

3,20 € + 22% IVA
(3,90 € IVA Compresa)
Data: 15/10/2015
Tipologia: Approfondimento

Dettagli prodotto

È legittimo il patto di demansionamento che, sottoscritto dal lavoratore con consenso non affetto da vizi della volontà, gli attribuisca mansioni inferiori a quelle per le quali era stato assunto o che aveva successivamente acquisito, in mancanza di diverse soluzioni alternative all'estinzione del rapporto di lavoro: a tale condizione essendo equiparabile la fattispecie integrata da presupposti fattuali prodromici al licenziamento (quali, nel caso di specie, il rifiuto di trasferimento a sede di lavoro diversa, distante oltre centocinquanta chilometri da quella di precedente prestazione dell'attività lavorativa, non più ivi esercitabile nelle mansioni medesime o corrispondenti, per soppressione della relativa unità). Questo il principio espresso dalla Corte di Cassazione lavoro nella sentenza n. 19930 del 6 Ottobre 2015.

Indice

"Patto di demansionamento e consenso del lavoratore" Cass.lavoro  n.19930/2015 (PDF - 12 pagine)

IL CASO

IL COMMENTO

1. Art. 2103 c.c. (pre-riforma JOBS ACT) e dequalificazione professionale

2. Soppressione del posto di lavoro e dequalificazione lecita

IL TESTO INTEGRALE DELLA SENTENZA



SKU FT-27031 - Ulteriori informazioni: cat1archivio / cat2i_commenti_archivio-pubblicazioni