Buoni pasto elettronici: dal 1.7 esentasse fino a 7 €

Buoni pasto elettronici: dal 1° luglio esentasse se fino a 7 euro La Circolare del Giorno n. 132 del 02.07.2015

Il prodotto è in formato pdf

4,02 € + 22% IVA
(4,90 € IVA Compresa)
Data: 02/07/2015
Tipologia: Circolari

Dettagli prodotto

Dal 1° luglio 2015 la soglia di valore dei “buoni pasto” non sottoposta a tassazione in capo al dipendente è passata da 5,29 euro a 7 euro, se essi sono in formato elettronico. L'importo dei buoni pasto che supera detto limite concorre, invece, a formare reddito di lavoro dipendente. A stabilirlo è stata la Legge di Stabilità 2015.

Resta ferma a 5,29 euro la soglia di detassazione per i buoni pasto cartacei, non in formato elettronico, così come resta ferma la totale deducibilità del costo e l'integrale detraibilità dell'IVA in capo all'azienda-datore di lavoro.

Nella presente circolare offriremo un riepilogo generale sul trattamento fiscale dei buoni pasto in capo al dipendente e in capo all'azienda, illustrando anche la novità sui buoni pasto elettronici.

Indice

  1. Il buono pasto
  2. Cos'è il buono pasto elettronico
  3. Il trattamento fiscale dei buoni pasto in capo al dipendente
  4. Il trattamento fiscale dei buoni pasto in capo all'azienda-datore di lavoro

Ulteriori informazioni: cat1circolare_del_giorno / cat2circolare_del_giorno_2015