Lavoro autonomo e subordinato - Cass. n 4346/2015

Commento alla sentenza della Corte di Cassazione n. 4346 del 4 Marzo 2015 "Criteri per la distinzione tra lavoro autonomo e subordinato"

Il prodotto è in formato pdf

3,20 € + 22% IVA
(3,90 € IVA Compresa)
Data: 07/04/2015
Tipologia: Approfondimento

Dettagli prodotto

Ai fini della qualificazione di un rapporto di lavoro come autonomo o subordinato occorre far riferimento ai dati fattuali emergenti dal concreto svolgimento della prestazione, piuttosto che alla volontà espressa dalle parti al momento della stipula del contratto di lavoro . Nella sentenza 4346 del 4 Marzo 2015 viene riconosciuta la natura subordinata delle prestazioni rese da ex lavoratori, ormai in pensione, inseriti nell'organizzazione di lavoro e che svolgevano la stessa attività lavorativa posta in essere in precedenza, addestrando i colleghi meno esperti di nuova assunzione; in particolare, gli "ex dipendenti" non avevano strumenti di lavoro di loro proprietà, non assumevano alcun rischio relativamente all'attività svolta, essendo retribuiti con compenso fisso e senza riferimento ai risultati conseguiti, e la società dava loro direttive indicando il personale da istruire ed il lavoro da svolgere, mettendo a disposizione gli strumenti di lavoro e i locali.

Indice

IL CASO

IL COMMENTO

La posizione dell’azienda e il giudicato della Corte d’Appello

Sulla distinzione tra lavoro autonomo e subordinato: gli indici presuntivi

IL TESTO INTEGRALE DELLA SENTENZA


Ulteriori informazioni: cat1archivio / cat2i_commenti_archivio-pubblicazioni