Voluntary disclosure ambito soggettivo e oggettivo

Voluntary disclosure, soggetti interessati e regolarizzazione delle violazioni La Circolare del Giorno n. 60 del 23.03.2015

Il prodotto è in formato pdf

4,02 € + 22% IVA
(4,90 € IVA Compresa)
Data: 23/03/2015
Tipologia: Circolari

Dettagli prodotto

Con la CM 10/2015, l'Agenzia, ha fornito i primi chiarimenti in merito alla voluntary disclosure, cioè la procedura di rientro di capitali detenuti all'estero.

In particolare, oltre a favorire l’emersione spontanea di capitali detenuti illecitamente all’estero (cd "collaborazione internazionale"), la norma  prevede la possibilità di regolarizzare violazioni “interne” che non hanno comportato il trasferimento o la costituzione di somme fuori dall’Italia.

La procedura riguarda le irregolarità commesse fino al 30/09/2014, per tutti i periodi d’imposta per i quali, alla data di presentazione dell'istanza, non sono decaduti i termini per l’accertamento o per la contestazione delle violazioni in materia di monitoraggio fiscale.

Con la presente Informativa, a  seguito dei recenti chiarimenti, si esamina l’ambito soggettivo ed oggettivo della procedura.

Indice

  1. Premessa
  2. La collaborazione volontaria internazionale
  3. La collaborazione volontaria nazionale
  4. Cause di inammissibilità  alla procedura

Ulteriori informazioni: cat1circolare_del_giorno / cat2circolare_del_giorno_2015