Rientro dei Capitali dall'estero e Voluntary Disclosure

E-Book PDF di 163 pag. aggiornato con le Circolari 30/E, 31/E dell'11 e 28 Agosto 2015 e il D.L. 153 del 30 settembre 2015

Il prodotto è in formato pdf - ISBN 9788868051785

10,48 € + 4% IVA
(10,90 € IVA Compresa)
Data: 08/10/2015
Tipologia: E-Book

Dettagli prodotto

Aggiornato con:

  • la Circolare n. 30/E dell’11 Agosto 2015
  • la Circolare n. 31/E del 28 Agosto 2015
  • il decreto di proroga D.L. n. 153 del 30 Settembre 2015

La Voluntary Disclosure italiana ricalca lo schema che hanno adottato gli Stati Uniti nel 2008 e prevede sconti sulle sanzioni oltre che un regime di favore sul piano penale. Non sarà uno scudo fiscale perché i titolari di capitali non rimarranno anonimi e non sarà un condono perché le imposte saranno pagate per intero.
La Voluntary Disclosure regolarizzerà le violazioni effettuate fino al 30 settembre 2014 sul monitoraggio fiscale e le violazioni degli obblighi dichiarativi ai fini delle imposte sui redditi e relative addizionali, delle imposte sostitutive delle imposte sui redditi, dell’Irap, dell'Iva e delle dichiarazioni dei sostituti d’imposta.

Non sono incluse nella sanatoria, invece, le imposte di successione e donazione.

La disclosure è volontaria, irrevocabile e riguarda l’intero patrimonio del contribuente. Il termine inizialmente fissato per la presentazione dell’istanza era il 30 settembre 2015, poi prorogato il 28 settembre 2015 al 30 novembre 2015, con possibilità di invio dei documenti allegati e della relazione entro il 30 dicembre 2015.
La domanda si presenta con un modello apparentemente semplice, disponibile sul sito dell'Agenzia delle Entrate.


Accedervi potrà non convenire ugualmente a tutti.

Indice

PREMESSA
1. COME SI È GIUNTI ALL’ATTUALE SCENARIO E ALLA VOLUNTARY DISCLOSURE
2. IL QUADRO RW OGGI
2.1 I SOGGETTI OBBLIGATI E I SOGGETTI ESONERATI. IL TITOLARE EFFETTIVO
2.2 LE ATTIVITÀ OGGETTO DI MONITORAGGIO FISCALE
2.3 LE SANZIONI
3. LA LEGGE N° 186 DEL 4 DICEMBRE 2014 “VOLUNTARY DISCLOSURE”
3.1 CONDIZIONI E PROCEDURA
3.2 GLI ANNI ACCERTABILI
3.3 LO SCONTO SULLE SANZIONI
3.4 LE ATTIVITÀ FINANZIARIE E I PRELEVAMENTI
3.5 LE ATTIVITÀ FINANZIARIE E I RENDIMENTI
3.6 LE ATTIVITÀ FINANZIARIE. I DELEGATI AD OPERARE SU UN RAPPORTO BANCARIO ESTERO
3.7 LE CASSETTE DI SICUREZZA
3.8 LA VOLUNTARY NAZIONALE
3.9 IL RAVVEDIMENTO OPEROSO E LA VOLUNTARY DISCLOSURE
3.10 I REATI TRIBUTARI E I REATI NON TRIBUTARI (RICICLAGGIO E AUTORICICLAGGIO)
3.11 I PROFESSIONISTI E L’ADEGUATA VERIFICA DELLA CLIENTELA PREVISTA DALLA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO
4. ALCUNE CONSIDERAZIONI FINALI
RIFERIMENTI NORMATIVI
APPENDICE

Isbn: 9788868051785


Ulteriori informazioni: cat1fiscalita_estera_ebook / cat2fiscalita_estera_ebook_approfondimento