Redditometro: gli incrementi patrimoniali vanno specificati

Commento alla sentenza della Corte di Cassazione sezione Tributaria n. 23740 del 21 Ottobre 2013

Il prodotto è in formato pdf

3,20 € + 22% IVA
(3,90 € IVA Compresa)
Data: 09/12/2013
Tipologia: Altro

Dettagli prodotto

La Suprema Corte evidenzia l’illegittimità della pretesa impositiva, fondata sul redditometro, laddove l’Amministrazione finanziaria non specifichi il dettaglio degli incrementi patrimoniali , violado l'art. 38, comma 4, del TUIR - il quale richiede l'esistenza di "elementi di fatto certi" da porre a base dell'accertamento sintetico che rendano possibile al  fornire la prova richiesta dal sesto comma del citato art. 38 ,  al fine di sottrarre dette spese dal computo del reddito complessivo accertabile. Questa la conclusione della Corte di Cassazione sezione tributaria VI,  nel commento n. 23740 del 21 Ottobre 2013.

SKU FT-20562 - Ulteriori informazioni: cat1archivio / cat2i_commenti_archivio-pubblicazioni