Ultimi commenti

Visualizzazione 1-10 di 13239 risultati.
ArticoloUtenteCommentoCreatedRispondi
Locazioni brevi: l'Agenzia scioglie i dubbiElisabetta

Buongiorno Tina, nella Circolare 24/E/2017 l'Agenzia delle Entrate ha chiarito che gli adempimenti (comunicazione dati e ritenuta) devono essere effettuati dall'intermediario al quale il locatore ha affidato l'incarico, anche ne caso in cui quest'ultimo si avvalga a sua volta di altri intermediari. Nella circolare l'Agenzia fa l'esempio di un'agenzia immobiliare che ha ricevuto dal proprietario dell'immobile l'incarico di locarlo, e inserisce l'offerta di locazione sulla piattaforma online. E' l'agenzia tenuta a comunicare i dati del contratto, considerato che la piattaforma fornisce un servizio all'agenzia e non al locatore. L'agenzia dovrà anche effettuare la ritenuta nel caso in cui intervenga nel pagamento del contratto. L'agenzia dovrà rendere esplicito al gestore della piattaforma la veste in cui opera, in modo che questi non faccia a sua volta l'adempimento. Saluti

2017/10/19 09:50:17 AMRispondi
VideoCorso in diretta - Contratto di agenzia e procacciatori di affariTeofilo Sciarra
http://consulform.it

Pienamente d'accordo!!!... Senonchè (mi si perdoni la modalità impropria di iniziare il concetto), giusto questo concetto di introduzione "atipica" di un non meglio precisato "rapporto obbligatorio" ha generato nel comportamento delle imprese mandatarie la "possibilità" di risolvere la problematica per loro dolorosa ed onerosa di impiegare agenti non professionali, utilizzando veri e propri contratti di agenzia mascherati con un nomen iuris più o meno "tipico" (diciamo un mix che prevede appunto il termine contratto seguito dal termine procacciamento o procacciatore, con contenuto ibrido in cui, tuttavia, spiccano le caratteristiche "gradite" alla mandante appartenenti al Contratto di Agenzia tipico e l'esclusione di quegli elementi che del Contratto di Agente non piacciono alle Preponenti/Mandanti!)... E' chiaro che se per l'Avv. Santolin è possibile conferire incarico al procacciatore mediante un documento idoneo che individui un rapporto atipico "occasionale" ovvero "temporaneo" (e sul quale potrei naturalmente essere d'accordo), è pur vero che la breccia che si apre con l'avvento di un vero e proprio contratto da procacciatore fa sì che le Mandanti possano ritenere che da lì a realizzare un Contratto di Procacciamento con le caratteristiche del Contratto di Agenzia il passo sia più che breve !!...ed è quello che accade ogni giorno e su cui personalmente sono purtroppo costretto a misurarmi costantentemente !!... Per questo ritengo sia molto più corretto continuare a regolare il rapporto tra una preponente ed un procacciatore attraverso una semplice (e naturalmente chiara!) lettera d'incarico!.. Naturalmente, rispetto la professionalità e il lavoro dell'Avv. Santolin!.. Probabilmente le nostre due prospettive divergono ad iniziare dalla considerazione dei rispettivi punti di vista generati da funzioni e competenze profondamente diverse (la mia funzione ha matrice prettamente sindacale...ed è quella sulla quale vengo chiamato naturalmente ad operare dalla categoria!)... In ogni caso non mi rimane che augurare all'Avv. Santolin e a voi tutti buon lavoro!... Teofilo Sciarra

2017/10/18 08:39:17 PMRispondi
VideoCorso in diretta - Contratto di agenzia e procacciatori di affariLuigia Lumia

Gentilissimo, grazie del suo intervento che ci permette di approfondire meglio gli aspetti giuridici della materia oggetto del corso. L'avv. Santolin chiarirà senza 'altro il suo pensiero nel corso del webinar. Mi ha comunque precisato che il "modello contrattuale specifico" a cui fa riferimento è un modello base creato ad hoc di un contratto per sua natura atipico (cioè normativamente non previsto). Il modello potrà essere buono o meno e, comunque, non vincolante (ossia non è l'unico possibile proprio perchè non prefissato). Il termine "contratto" non necessariamente significa "stabilizzazione"; con il termine contratto si intende solo la base normativa del rapporto tra le parti. In senso molto più tecnico si puo' ritenere che essendo un Contratto, per definizione, solamente il risultato dell'incontro delle volontà delle parti, la c.d. "lettera di incarico" che viene accettata dal procacciatore integra di per sè un contratto (cioè appunto un incontro di volontà).

2017/10/18 06:18:44 PMRispondi
Locazioni brevi: l'Agenzia scioglie i dubbiTina

Nel caso di intermediario AIRBnB chi versa la ritenuta nel caso in cui AirBnB utilizza in Italia un suo agente?

2017/10/18 12:56:58 PMRispondi
VideoCorso in diretta - Contratto di agenzia e procacciatori di affariTeofilo Sciarra
http://consulform.it

" La materia sarà trattata in prospettiva pratica proponendo anche l’esame dei modelli contrattuali specifici dell’agente e del procacciatore di affari.." Spiegate per cortesia all'Avv. Santolin che il procacciatore d'affari, ancorchè figura di intermediario "occasionale" ovvero "temporaneo", non può essere considerato in alcun modo (anche e soprattuto dopo le naturali conseguenze dell'avvento dell'art. 74 del D. Lgs 59/10 recepimento della Dir. 2006/123/CE D.Bolkestein o Direttiva Servizi Mercato Interno) una figura professionale e quindi "stabilizzabile" con uno specifico contratto, in quanto, con la conferma della Legge 204/85 alla quale è stato "sottratto" unicamente il Ruolo, insiste l'estremo dell'illecito dell'esercizio abusivo della Professione Agente e dunque la figura del procacciatore, rimanendo un profilo di natura non professionale, è assogettabile unicamente a "lettera di incarico". Oggi più che mai, infatti, ai fini dell'attribuzione del Contratto di Agenzia, unico strumento che giustifichi un rapporto stabile per una figura professionale di intermediario commerciale con conseguente iscrizione al R.I. presso la Camera di Commercio di residenza, occorre detenere i requisiti professionali previsti dalla L. 204/85 (titolo di studio ovvero Corso Professionale istituito o riconosciuto dalle Regioni o dalle Province autonome, ovvero ancora esperienza di vendita qualificata in qualità di Responsabile delle Vendite presso una attività commerciale, praticamente un livello di qualifica dal 2° in su del Contratto Commercio) e con il possesso dei requisiti professionali (oltre che personali e morali) procedere all'iscrizione camerale.. Ergo, il "profilo" del procacciatore d'affari non è contrattualizzabile (in quanto questo prefigurerebbe una stabilizzazione del rapporto tra Preponente/mandante e Intermediario/mandatario, con pretesa legitimazione di una figura che in realtà cadrebbe nell'illecito di esercizio abusivo della Professione Agente, con corresponsabiltà della stessa Mandante!. Saluti. Teofilo Sciarra* *Direttore Nazionale UGIFAI (Unione Generale Italiana delle Federazioni degli Agenti Intermediari) *Iscritto al Ruolo Periti ed Esperti CCIAA al n. 346 per la Tabella XXII sub 12 (Commissioni e Rappresentanze) *Direttore di Organismo di Formazione Professionale Accreditato dalla Regione Abruzzo e dei Corsi Riconosciuti per Agenti e Rappresentanti di Commercio *Docente di Legislazione di Riferimento e di Contrattualistica nei Corsi riconosciuti per Agenti di Commercio *Già Responsabile FNAARC Confcommercio Pescara (1982/1990) e FIARC Confesercenti Abruzzo (1991/2000) *Già Direttore Regionale CESCOT Confesercenti (Organismo di Formazione Professionale Accreditato per i Corsi di F.P. per Agenti e Rappresentanti di Commercio (1995/2000) *Già Componente la Giunta Esecutiva Nazionale della FIARC Confesercenti (1998/2000) per la funzione tecnica.

2017/10/18 11:50:25 AMRispondi
Spesometro 2017: aggiornate dal Fisco le FAQ per la trasmissionedawnraptor

Ma non è questione di non aver niente da nascondere, è che mi sembra di avere il diritto di tenere per me cosa faccio nella giornata. Capisco che molte attività portino a profilazione, ma sono dell'idea che lo stato NON abbia il diritto di sapere cosa faccio nella mia giornata. Avere tante banche dati non interconnesse, anche per usi commerciali, è un discorso. Avere una banca dati unica in cui confluiscano tutte le tue attività è un altro. Questa spinta verso un futuro dematerializzato è anche deumanizzante. Stiamo diventando - per la verità lo siamo da un bel pezzo - solo numeri su uno schermo. La lotta all'evasione fiscale non deve passare per la schedatura del cliente. Anche perché la lotta all'evasione non è l'unico, e forse nemmeno il principale motivo per cui ci schedano. Informazione è potere, per chiunque possa avere accesso a quei dati. Ci sono vari livelli di controllo dei dati e della persona, e stiamo andando verso un futuro di controllo generico a generale finora visto soltanto in certi film di fantascienza. E non è che fossero società proprio felici - per non dire libere, che è un ossimoro. Poi, siamo tutti liberi di pensarla come vogliamo. Io, se posso, pago in contanti e chiedo lo scontrino. Faccio la mia parte. Il resto, sono affari miei.

2017/10/18 10:03:55 AMRispondi
Locazioni brevi 2017: ecco il codice tributo per il versamento delle ritenuteRoberto

Il codice 1919 è quello che utilizzeranno gli intermediari immobiliari per il versamento all'Erario della trattenuta che hanno esercitato (in qualità di sostituti di imposta) sul pagamento ai locatori privati. Ma qual'è il codice tributo da utilizzare dal privato locatore per la cedolare secca sui proventi da locazione turistica ottenuti PRIMA della trattenuta degli intermediari? 1840 (/1841/1842)?

2017/10/18 09:55:55 AMRispondi
Spesometro 2017: aggiornate dal Fisco le FAQ per la trasmissioneFulvio

Porti con te uno smartphone? Navighi col Pc? Hai una smart-tv? Un abbonamento paytv? Hai il telepass? Il comunte telefono fisso? Beh è da anni che sei monitorato su spostamenti, preferenze ecc... Se mi monitorano economicamente io non ho niente da nascondere. Paura degli hacker? Rispondendo hai usato un dispositivo internet: non hai temuto di essere spiato dalla camera frontale dall'hacker di turno? Devo davvero credere che mai hai usato un pagamento on-line o un pos? Va beh, se fosse vero continua a tenere tutti i tuoi soldi sotto il materasso e senza conto corrente. Comunque è solo questione di tempo, forse decine di anni, ma i soldi fisici sono inevitabilmente destinati a sparire. Quando succederà anche chi vorrà prostituirsi pagherà giustamente le imposte, ma ancor meglio in molti non saranno costretti a farlo.

2017/10/18 09:30:51 AMRispondi
Il regime speciale IVA per l'agricolturaSereno Menghi

B.Giorno, OK regime agevolato, ma se l'az. agricola commercializza un'infinità di prodotti da orto-giardino-strutture per giardion e fatturerà oltre i 7000 €. ma mensili, cosa avviene? Non è un caso inventato... Saluti. S. M.

2017/10/17 06:48:48 PMRispondi
Spesometro 2017: aggiornate dal Fisco le FAQ per la trasmissionedawnraptor

Poi il primo hacker che passa ti prosciuga il conto senza lasciare traccia... ma almeno hai comunicato tutte le tue spese! Beh, occhio a questa deriva di controllo da parte del Grande Fratello telematico. Io vorrei che rimanesse un brandello della mia privacy. Non è necessario né auspicabile che qualcuno sia in grado di monitorare la mia intera giornata in base ai miei acquisti, dal bar al supermercato al banchetto del mercato, al parrucchiere. Andare verso un sistema di questo tipo ci ingabbia irrimediabilmente, tornare indietro sarebbe difficile. I soldi materiali hanno un costo di gestione, ma la moneta virtuale, con la sua completa tracciabilità, ci espone su maxischermo. Un po' di tempo fa si era fatto gran clamore intorno ad una spedizione su è giù per l'Italia di un gruppo di persone che tentava di viaggiare/vivere senza contanti, pagando con pos qualsiasi cosa. Tutti a salutare come una liberazione dal peso dei soldi, come antidoto all'evasione fiscale, come una conquista della civiltà. Io inorridisco. I soldi sono miei, come li spendo sono affar mio.

2017/10/17 04:50:31 PMRispondi