IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 07/05/2021

Pensione part time verticale: istruzioni e modelli

Tempo di lettura: 3 minuti
Part time verticale orologio  scadenza

Le indicazioni per le domande e Uniemens per il conteggio pieno dei periodi di part time verticale o ciclico, parificato al part time orizzontale dalla Legge di bilancio 2021.

Commenta Stampa

I periodi di lavoro in part time verticale o ciclico vanno conteggiati per intero ai fini del diritto a pensione. La novità è stata sancita dalla Corte Europea  e recepita nell'ordinamento italiano con la recente legge di bilancio 2021, che ora  consente di accreditare  i contributi per tutte le  settimane coperte dal contratto di lavoro,  malgrado non sempre siano operative  a causa della ciclicità della prestazione.

 Il 4 maggio è giunta finalmente la circolare  INPS 74/2021 , con la quale l'istituto si adegua e fornisce le istruzioni  operative  e i modelli  per le richieste e per gli Uniemens integrativi da parte dei datori di lavoro.

L'INPS ricorda che la valutabilità del periodo “non lavorato”, è utile per maturare il diritto al raggiungimento della pensione mentre  non assume rilievo ai fini del versamento contributivo, che corrisponde sempre  alla  retribuzione della prestazione lavorativa. 

Viene anche precisato che: 

  • per il riconoscimento del periodo annuale è necessario che venga accreditata la retribuzione minima  previsto per l'anno di riferimento; diversamente, il numero di contributi riconosciuti sarà pari al rapporto tra l'imponibile retributivo annuo e il minimale settimanale pensionistico in vigore 
  • la nuova norma è applicabile  per i periodi di lavoro  a partire dal 30 ottobre 1984.
  • Non riguarda il pubblico impiego, già destinatario di una norma per cui  gli anni di servizio ad orario ridotto sono considerati comunque utili per intero ai fini della pensione (articolo 8, comma 2, della L. 29 dicembre 1988, n. 554 )

Vengono fornite poi le istruzioni differenziate per i contratti in essere al 1.1.2021 e per quelli già conclusi  a quella data :

Contratti di lavoro part-time di tipo verticale o ciclico in corso alla data del 1.1.2021

Dato che  periodi non lavorati e non retribuiti non sono presenti negli archivi dell’Istituto, sarà necessario che l’assicurato presenti domanda alla Struttura territoriale competente per residenza, in fase di prima applicazione, tramite PEC ovvero attraverso il servizio on-line di segnalazione contributiva (c.d. FASE), 

La domanda dovrà essere corredata dall’attestazione del datore di lavoro compilata secondo il modello allegato (Allegato n. 1), oppure da una autocertificazione  (Allegato n. 2), sottoscritta dall’interessato, con l’indicazione degli eventuali periodi di sospensione del rapporto di lavoro senza retribuzione, completa della copia del contratto di lavoro

Contratti di lavoro part-time di tipo verticale o ciclico esauriti  alla data del 31.12.2020

Anche in questo caso  il riconoscimento dei periodi non interamente lavorati è subordinato alla presentazione di apposita domanda. 

Va ricordato che per “contratti di lavoro a tempo parziale esauriti” si intendono non solo i contratti conclusi con cessazione del rapporto, ma anche quelli per i quali , a quella data, il rapporto di lavoro sia stato trasformato a tempo pieno.

In questo caso opera la disciplina della prescrizione decennale per l’esercizio del relativo diritto, il cui termine iniziale decorre dall’entrata in vigore della legge n. 178/2020, ossia dal 1° gennaio 2021.

Nel caso l’azienda sia definitivamente cessata, il lavoratore produrrà un’autocertificazione  (corredata dal contratto a tempo parziale stipulato tra le parti), da cui risulti l’articolazione della prestazione lavorativa. Anche in tal caso dovranno essere resi noti eventuali eventi sospensivi del rapporto di lavoro.

In caso di piu   rapporti di lavoro l'interessato potrà presentare un’unica domanda  allegando  un modello di certificazione (con il relativo contratto di lavoro) per ogni datore di lavoro coinvolto.

Per i periodi successivi al 1996 è anche possibile  adeguare la contribuzione mediante riscatto o versamenti volontari,così da poter essere valorizzati  come rapporti a tempo pieno ai fini dell'importo della pensione.

La circolare poi specifica le istruzioni per la compilazione degli uniemens integrativi  obbligatori per i datori di lavoro a partire dal 1.1.2021

 anche per i periodi in cui non esiste prestazione lavorativa in ragione dell’articolazione dell’orario concordata nel rapporto di lavoro a tempo parziale. L’obbligo di trasmissione discenderà dalla presenza del rapporto di lavoro, non dalla presenza di <Imponibile>.

Leggi anche Part time verticale la legge di bilancio riconosce l'anzianità per la pensione.

Sei un consulente? ti puo interessare l'aggiornatissimo manuale di carta "Il contenzioso contributivo con l'INPS"

Fonte: Inps


Fonte immagine: Foto di Kerstin Herrmann da Pixabay

Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

La Circolare Del Giorno

ACE innovativa 2021
Scaricalo a 4,71 € + IVA
Bonus vacanze nel mod. Redditi e 730
Scaricalo a 4,71 € + IVA
Tassazione redditi esteri lavoro dipendente
Scaricalo a 4,71 € + IVA
Scopri le Circolari del Giorno!

Tools Fiscali

Il Metodo dei Multipli 2021 - CINA
Scaricalo a 15,90 € + IVA
Il Metodo dei Multipli 2021 - GIAPPONE
Scaricalo a 15,90 € + IVA
Il Metodo dei Multipli 2021 - USA
Scaricalo a 15,90 € + IVA

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE