HOME

/

FISCO

/

EMERGENZA CORONAVIRUS

/

ESONERO CONTRIBUTI AUTONOMI: NUOVE PRECISAZIONI SULLE DOMANDE

6 minuti, Redazione , 10/09/2021

Esonero contributi autonomi: nuove precisazioni sulle domande

I requisiti e le istruzioni sull'esonero contributivo per gli autonomi. Scadenza per gli iscritti INPS 30 settembre, per gli altri enti previdenziali 31 ottobre 2021

Dal 25 agosto  sono disponibili la piattaforma e i modelli  per l'invio delle domande  per l'esonero parziale del pagamento dei contributi previsto per lavoratori autonomi e professionisti iscritti alle gestioni previdenziali dell'INPS. La scadenza è fissata al 30 settembre 2021 

 Ricordiamo che l'esonero riguarda anche i professionisti iscritti agli enti privati gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza  e che il termine per  questi ultimi è issato invece al 31 ottobre 2021 . 

Nei giorni scorsi l'inps ha diffuso un vademecum con alcune utili precisazioni che si aggiungono alle istruzioni già fornite , riguardanti le domande degli iscritti alle proprie Gestioni. Vedi paragrafo sotto

Riepiloghiamo  in dettaglio le categorie interessate :

  • lavoratori autonomi iscritti alla Gestione artigiani ed esercenti attività commerciali e alla Gestione dei coltivatori diretti, coloni e mezzadri, 
  • nonché dei professionisti iscritti alla Gestione separata INPS (compresi i lavoratori soci di società e i professionisti componenti di studio associato) e dei professionisti iscritti agli enti gestori di forme obbligatorie di previdenza e assistenza quali commercialisti, consulenti del lavoro, avvocati, ecc. ( di cui ai DLgs 509/94 e DLgs 103/96)
  • i medici, gli infermieri e gli altri professionisti e operatori (di cui Legge 3/2018) già collocati in quiescenza e a cui sono stati conferiti incarichi di lavoro autonomo o di collaborazione coordinata e continuativa per far fronte all’emergenza COVID-19

E' previsto che 

  • l’esonero è parziale per i contributi previdenziali complessivi dovuti per l’anno 2021, con esclusione dei contributi integrativi e dei premi e contributi dovuti all'Istituto nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (INAIL), 
  • nel limite massimo individuale di 3.000 euro su base annua, riparametrato e applicato su base mensile per ciascun lavoratore autonomo o professionista 

Le domande di accesso devono essere presentate ad un solo ente previdenziale entro termini diversi e in particolare:

  • entro il 30 settembre  2021 (inizialmente 31 luglio ) per i lavoratori autonomi e professionisti iscritti all’INPS (nonché per i professionisti e operatori ex Legge 3/2018) obbligati al pagamento dei contributi alla Gestione separata INPS
  • entro il 31 ottobre 2021 per i professionisti iscritti agli enti di previdenza e assistenza ex DLgs. 509/94 e DLgs. 103/96.

Riepiloghiamo di seguito di cosa si tratta e a chi è indirizzato lo stop ai contributi 2021 per gli autonomi e le modalità previste per fare domanda. 

Le istruzioni complete sono state fornite dall'INPS nella Circolare 124 del 6 agosto 2021: Qui una sintesi.

Ti potrebbe interessare anche  il  Foglio di calcolo per Calcolo esonero contributi autonomi (Excel)

Esonero contributivo 2021 professionisti e autonomi: risorse 

La legge di bilancio 2021 ha previsto l’istituzione di un Fondo per l'esonero dai contributi previdenziali  per il 2021 

Il fondo aveva una dotazione finanziaria iniziale di 1 miliardo di euro. Successivamente il Decreto Sostegni ha aumentato le risorse a disposizione portandole a 2,5 miliardi di euro .  Il decreto 17.5.2021 le suddivide in: 1,5 miliardi all'esonero per gli iscritti a gestioni INPS, 1 miliardo per  gli sconti alle Casse ordinistiche.

Ti potrebbe interessare il  Foglio di calcolo per Calcolo esonero contributi autonomi (Excel)

Esonero contributivo professionisti: i requisiti e le scadenze

Più in particolare, l'articolo della legge prevede un esonero dai contributi assistenziali e previdenziali, con esclusione i premi INAIL per:

1 - Lavoratori autonomi e professionisti iscritti alle gestioni previdenziali dell’INPS e professionisti iscritti alle casse di previdenza private con i seguenti requisiti:

  • reddito complessivo 2019 non superiore a 50.000 euro 
  • che abbiano subito un calo di fatturato o dei corrispettivi nell’anno 2020 non inferiore al 33 per cento,
  • essere in regola con la contribuzione obbligatoria

2 - medici, infermieri e altri professionisti ed operatori di cui alla L. 3/2018 assunti temporaneamente per l’emergenza Covid 19 e già in quiescenza. 

Il monitoraggio dei limiti di spesa sarà affidato agli enti previdenziali che ne comunicheranno i risultati al Ministero del lavoro e delle politiche sociali e al Ministero dell'economia e e nel caso emergano possibili scostamenti, anche in via prospettica, le ulteriori domande saranno respinte.

Le domande per l'esonero contributivo andranno inviate:

  • all'Inps entro il 31 luglio 2021 (prorogato al 30 settembre) da parte degli iscritti alla Gestione separata 
  • entro il 31 ottobre alle Casse private da parte dei professionisti iscritti agli Ordini 
  • entro il 30 novembre per la richiesta di rimborsi eventualmente già versati.

Domanda di esonero contributivo autonomi all'INPS: come fare

Per la presentazione delle domande degli iscritti INPS dovranno essere utilizzati i seguenti percorsi differenziati : 

a) Gestione speciale artigiani e commercianti: “Cassetto previdenziale per Artigiani e Commercianti” > “Esonero contributivo art.1, co 20-22 bis L.178/2020”;

 b) Lavoratori iscritti alla Gestione speciale autonoma dei coltivatori diretti, coloni e mezzadri: “Cassetto lavoratori autonomi Agricoli” > “Comunicazione bidirezionale”;

 c) Per i professionisti iscritti alla Gestione separata: “Cassetto Previdenziale Liberi Professionisti” > “Domande Telematiche” > “Esonero contributivo L. 178/2020”. 

Il messaggio 2909  precisa che, nel caso di lavoratore autonomo iscritto alle Gestioni speciali degli artigiani e degli esercenti attività commerciali che abbia, nel corso dell’anno 2021, cambiato numero di posizione aziendale all’interno della medesima Gestione previdenziale, con continuità dell’attività economica, per mutamento della provincia nello svolgimento della medesima attività aziendale, lo stesso dovrà presentare l’istanza per ogni posizione aziendale. 

Gli iscritti alle casse previdenziali ordinistiche devono invece fare riferimento alle istruzioni di ciascun Ente.

Le credenziali di accesso  ai servizi INPS  online attualmente sono le seguenti:

 - PIN rilasciato dall’INPS, sia ordinario sia dispositivo (prima del 1° ottobre 2020); 

- SPID di livello 2 o superiore;

 - Carta di

 identità elettronica 3.0 (CIE); 

- Carta nazionale dei servizi (CNS).

 Il possesso dei requisiti, come illustrato nella circolare n. 124/2021, sarà dichiarato dal richiedente, sotto la propria responsabilità, nel modulo di presentazione della domanda. Nella stessa, il richiedente dovrà dichiarare :

  1. il posssesso dei requisiti e l'assenza di incompatibilità,
  2. di essere in regola con il versamento della contribuzione previdenziale obbligatoria 
  3. di non avere superato l'importo individuale di aiuti concedibili indicati dalla sezione 3.1 del "Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell'economia nell'attuale emergenza del COVID-19".

Nuove precisazioni INPS sull'esonero degli autonomi INPS

In un documento interno inviato alle sedi territoriali  il 3 settembre 2021 vengono ribaditi i seguenti aspetti:

  • Le domande inviate non sono modificabili , per fare rettifiche è necessario cancellarle e reinserirle
  •  il titolare della posizione assicurativa, non deve essere titolare di pensione diretta, diversa dall'assegno ordinario di invalidità di cui alla legge 222/1984, o da qualsiasi altro emolumento corrisposto dagli enti di diritto privato di previdenza obbligatoria, di cui ai decreti legislativi n. 509/1994 e n. 103/1996, a integrazione del reddito a titolo di invalidità,
  •  Non si ha diritto all'esonero nei mesi di coincidenza  con periodi di prestazione pensionistica; quindi, nel modello di domanda tale dichiarazione di assenza di titolarità di pensione è riferita al periodo esonerabile, almeno un mese nel corso dell'anno 2021
  •  il richiedente non deve essere titolare di contratto di lavoro subordinato, con esclusione del contratto di lavoro intermittente senza diritto all'indennità di disponibilità ai sensi dell'art.13, c. 4, del D lgs 81/2015, ma il requisito è riferito ai periodi di attivita di lavoro autonomo . 
  •  le ditte individuali, nel campo "Codice Fiscale dell'impresa o della società" devono indicare  il codice fiscale e non il numero della partita IVA; 
  •  per le attività individuale  con partecipazione in società, il requisito è verificato sulla sola attività individuale quindi, andrà indicato il codice fiscaleo del titolare. 
  • Se il beneficiario  svolge l'attività in più società, il requisito  va verificato nella  società nella quale è esercitata in modo prevalente
  •   la domanda presentata con riferimento al titolare della posizione previdenziale vale come richiesta anche per gli stessi collaboratori presenti all'interno del nucleo aziendale; ne deriva che, per i collaboratori non va presentata alcuna altra domanda aggiuntiva o separata.

Allegato

Decreto Esonero Contributivo

Tag: LA RUBRICA DEL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO CONTRIBUTI PREVIDENZIALI CONTRIBUTI PREVIDENZIALI EMERGENZA CORONAVIRUS EMERGENZA CORONAVIRUS

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

EMERGENZA CORONAVIRUS · 17/09/2021 Green Pass obbligatorio nei posti di lavoro dal 15 ottobre: la bozza del decreto

Dal 15 ottobre Green Pass obbligatorio nei luoghi di lavoro pubblici e privati, dove si applica e sanzioni: ecco la bozza del testo del decreto presentato al Consiglio dei Ministri

Green Pass obbligatorio nei posti di lavoro dal 15 ottobre: la bozza del decreto

Dal 15 ottobre Green Pass obbligatorio nei luoghi di lavoro pubblici e privati, dove si applica e sanzioni: ecco la bozza del testo del decreto presentato al Consiglio dei Ministri

Quarantena per contatto con positivi: fondi in arrivo per il 2021

Chi è interessato, a chi spetta pagare , la durata della quarantena per contatto con positivi. La mancanza di fondi per il 2021 dovrebbe essere sanata a breve

Green pass: inserita la categoria dei vaccinati guariti dal covid

Guida completa alla certificazione verde covid 19 o Green pass. Gli obblighi per bar, ristoranti, musei, piscine, scuola, trasporti ecc. Novità per la durata del certificato

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.