HOME

/

PMI

/

AGEVOLAZIONI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

/

CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO NEGOZI CENTRI STORICI: CAMBIA LA PLATEA DEI BENEFICIARI

Contributo a fondo perduto negozi centri storici: cambia la platea dei beneficiari

Il DL Sostegni ridisegna l'ambito degli aventi diritto. Vediamo i dettagli

Il DL Sostegni restringe la platea dei comuni beneficiari del contributo a fondo perduto centri storici, di cui all’articolo 59, comma 1, lettera a), del decreto-legge 14 agosto 2020, n. 104, destinato ai comuni con popolazione superiore a diecimila abitanti ove sono situati santuari religiosi che avessero registrato presenze turistiche di cittadini residenti in paesi esteri in numero almeno tre volte superiore a quello dei residenti nei comuni stessi. 

Chi sono i soggetti beneficiari

Secondo quanto riporta la relazione illustrativa al DL Sostegni si circoscrive il contributo a fondo perduto per le attività economiche e commerciali nei centri storici di cui all’articolo 59, comma 1, lettera a), del decreto-legge 14 agosto 2020, n. 104 , ai comuni con popolazione superiore a diecimila abitanti ove sono situati santuari religiosi che, in base all’ultima rilevazione resa disponibile da parte delle amministrazioni pubbliche competenti per la raccolta e l’elaborazione di dati statistici, abbiano registrato presenze turistiche di cittadini residenti in paesi esteri in numero almeno tre volte superiore a quello dei residenti nei comuni stessi.

Il nuovo art. 59 del Decreto Agosto n. 104, così come modificato dal DL Sostegni, recita testualmente: 

E' riconosciuto un contributo a fondo perduto ai soggetti esercenti attivita' di impresa di vendita di beni o servizi al pubblico, svolte nelle zone A o equipollenti dei comuni capoluogo di provincia o di citta' metropolitana e dei comuni ove sono situati santuari religiosi che, in base all'ultima rilevazione resa disponibile da parte delle amministrazioni pubbliche competenti per la raccolta e l'elaborazione di dati statistici, abbiano registrato presenze turistiche di cittadini residenti in paesi esteri:

  1. per i comuni con popolazione superiore a diecimila abitanti capoluogo di provincia e per i comuni con popolazione superiore a diecimila abitanti ove sono situati santuari religiosi, in numero almeno tre volte superiore a quello dei residenti negli stessi comuni;
  2. per i comuni capoluogo di citta' metropolitana, in numero pari o superiore a quello dei residenti negli stessi comuni.

Sulla base dei citati dati statistici relativi all’anno 2019, la platea dei comuni interessati dalla presente misura ammonta a 55, di cui 15 capoluoghi di provincia, in quanto tali già destinatari del contributo a fondo perduto di cui alla medesima lettera a). Pertanto, i comuni con popolazione superiore a diecimila abitanti ove sono situati santuari religiosi che abbiano registrato presenze turistiche di cittadini residenti in paesi esteri in numero almeno tre volte superiore a quello dei residenti nei comuni stessi e che non costituiscono capoluogo di provincia sono quantificabili in numero pari a 40.

Ricordiamo inoltre che a partire dal giorno 18 novembre e fino al 14 gennaio 2021 era possibile richiedere il contributo a fondo perduto per gli esercenti dei centri storici dei grandi centri urbani colpiti dal calo dei turisti stranieri causato dell’emergenza “Covid 19”, previsto dal Dl n. 104/2020.

Con il provvedimento del 12 novembre, l'Agenzia delle Entrate ha approvato il modello di domanda da inviare tramite i servizi telematici delle Entrate ossia un servizio web disponibile nel portale “Fatture e Corrispettivi” del sito dell’Agenzia.

ATTENZIONE Questa la tabella allegata al provvedimento di cui sopra che ora dovrebbe essere aggiornata in base alle novità del DL Sostegni

ELENCO COMUNI 
CODICE CATASTALE COMUNE PROVINCIA RAPPORTO PRESENZE TURISTICHE STRANIERI/RESIDENTI 
L736VeneziaVENEZIA42,6
L746VerbaniaVERBANO-CUSIO-OSSOLA26,0
D612FirenzeFIRENZE21,5
H294RiminiRIMINI15,3
I726SienaSIENA11,6
G702PisaPISA9,9
H501RomaROMA7,6
C933ComoCOMO7,2
L781VeronaVERONA6,4
F205MilanoMILANO5,8
L500UrbinoPESARO E URBINO5,7
A944BolognaBOLOGNA4,2
E463La SpeziaLA SPEZIA4,2
H199RavennaRAVENNA4,2
A952BolzanoBOLZANO-BOZEN4,1
A794BergamoBERGAMO3,8
E715LuccaLUCCA3,7
F052MateraMATERA3,4
G224PadovaPADOVA3,3
A089AgrigentoAGRIGENTO3,3
I754SiracusaSIRACUSA3,0
H163RagusaRAGUSA3,0
F839NapoliNAPOLI2,2
B354CagliariCAGLIARI1,8
C351CataniaCATANIA1,7
D969GenovaGENOVA1,6
G273PalermoPALERMO1,3
L219TorinoTORINO1,3
A662BariBARI1,3

Il contributo spetta a condizione che l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi riferito al mese di giugno 2020 realizzati nelle zone A dei comuni sia inferiore ai 2/3 dell'ammontare del fatturato e dei corrispettivi realizzati nel corrispondente mese del 2019.

L’ammontare del contributo è determinato applicando alla differenza tra l'ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di giugno 2020 e l'ammontare del fatturato e dei corrispettivi del corrispondente mese del 2019, una delle seguenti percentuali:

  • 15% per i soggetti con ricavi o compensi non superiori a euro 400.000 nel periodo d'imposta precedente a quello in corso alla data di entrata in vigore del decreto;
  • 10% per i soggetti con ricavi o compensi superiori a euro 400.000 e fino a euro 1.000.000 nel periodo d'imposta precedente a quello in corso alla data di entrata in vigore del decreto;  
  • 5% per i soggetti con ricavi o compensi superiori a euro 1.000.000 nel periodo d'imposta precedente a quello in corso alla data di entrata in vigore del decreto. L’ammontare dei ricavi/compensi non deve essere ragguagliato ad anno. 

L'ammontare del contributo è riconosciuto, comunque, ai soggetti beneficiari per un importo non inferiore a euro 1.000 per le persone fisiche e a euro 2.000 per i soggetti diversi dalle persone fisiche.

Per il calcolo dell'importo spettante del contributo a fondo perduto per attività economiche nei centri storici (DL Agosto), e la verifica dei requisiti di accesso ti segnaliamo il foglio di calcolo Contributo a fondo perduto centri storici (Excel)

Tag: DECRETI RISTORI - EMERGENZA CORONAVIRUS DECRETI RISTORI - EMERGENZA CORONAVIRUS AGEVOLAZIONI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE AGEVOLAZIONI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

AGEVOLAZIONI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE · 30/07/2021 Credito imposta beni strumentali: utilizzo oltre il terzo anno

La ripartizione in quote annuali serve per porre un limite annuo all’utilizzo del credito d’imposta, se la quota annuale non è utilizzata potrà essere riportata ad anni successivi

Credito imposta beni strumentali: utilizzo oltre il terzo anno

La ripartizione in quote annuali serve per porre un limite annuo all’utilizzo del credito d’imposta, se la quota annuale non è utilizzata potrà essere riportata ad anni successivi

Il credito di imposta sanificazione e DPI 2021: cosa c’è da sapere

Breve guida al credito di imposta per le spese di sanificazione e l’acquisto di DPI, che copre il 30% dei costi sostenuti durante i mesi di giugno, luglio e agosto 2021

Nuova Sabatini beni strumentali: erogazione unica del contributo e rifinanziamento

Erogazione in unica soluzione delle quote del contributo agli investimenti produttivi "Nuova Sabatini" delle micro, piccole e medie imprese, successive alla prima e spettanti

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.