IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 01/10/2020

Welfare premiale sulla base dello stipendio: ok per l'Agenzia

Tempo di lettura: 3 minuti
Welfare premiale incremento impresa

Ammissibile il piano welfare che premia i lavoratori per l'incremento del fatturato aziendale con benefit graduali in base alla RAL. Altri criteri non ammessi

Commenta Stampa

L  ’Agenzia delle entrate, con risoluzione n. 55/E del 25 settembre 2020, ha offerto alcune valutazioni in tema di criteri per l'erogazione di piani di welfare aziendali  e sul loro trattamento fiscale (art. 51  comma 2 e art 95 comma1 del TUIR )    In particolare, l’Agenzia ha affermato che :

  1. è ammissibile per l'agevolazione fiscale un  piano welfare che premia i lavoratori per l'incremento del  fatturato aziendale con benefit graduali in base alla RAL retribuzione annuale lorda  mentre
  2. non è ammissibile una erogazione basata sui dati di  presenze/assenze dei lavoratori in azienda  e 
  3. non è ammissibile un’erogazione in sostituzione di somme costituenti retribuzione fissa o variabile dei lavoratori.

 La Società ALFA aveva presentato  il proprio caso precisando l' intenzione di adottare un piano welfare a carattere premiale ed incentivante per l’accrescimento della motivazione dei propri dipendenti  appartenenti all’area aziendali“Service” e “Headquarter”, con almeno 2 anni di anzianità di servizio in azienda,  e con un orario di lavoro giornaliero di almeno 6 ore. Il Piano welfare, attivato con due distinti regolamenti aziendali  prevedeva , al raggiungimento di un obiettivo minimo di fatturato ,  un credito welfare graduato per livello di inquadramento e anzianità di servizio, e riparametrato in caso di fatturato inferiore all’obiettivo prestabilito. Il contenuto del Piano è obbligatorio ed immodificabile per tutta la sua durata e prevede l’accesso ad un medesimo paniere di benefit per entrambe le categorie di lavoratori. 

La Società  chiedeva conferma che  ai benefit compresi nel Piano welfare di entrambi i regolamenti  possono godere il regime di esclusione da imposizione sul reddito di lavoro dipendente previsto dall’articolo 51, comma 2, lettere f) e f-bis), del Testo unico delle imposte sui redditi  e  se sia interamente deducibile, ai fini IRES, ai sensi dell’articolo 95, comma 1, del Tuir, il costo sostenuto senza la limitazione della deducibilità del solo 5 per mille prevista dall’articolo 100 del medesimo Testo Unico in quanto tali regolamenti configurano l’adempimento di un obbligo negoziale.

La risposta dell'Agenzia è solo parzialmente positiva.

Innanzitutto ricorda in senso generale che se  le erogazioni dei benefit a favore dei destinatari (siano «generalità dei dipendenti» sia come categoria omogenea») sono modulate in base alla performance del lavoratore o di ben individuati gruppi di lavoratori, le finalità retributive prevalgono rispetto a quelle premiali/di fidelizzazione. Per questa ragione, «il regime di totale o parziale esenzione non può trovare applicazione». 

In secondo luogo nell'analizzare i due regolamenti    concorda sul fatto che il premio in welfare erogato   in base alla retribuzione annuale lorda (Ral) è  in linea con la normativa di favore e, pertanto, tali importi sono agevolabili. Invece la ripartizione effettuata in base alle presenze/assenze dei lavoratori in azienda non sarebbe conforme alla ratio della disposizione.

Infine l'Agenzia elenca i beni e servizi di welfare presenti nel piano su cui riconferma, come già affermato in precedenti documenti, che il valore è fiscalmente irrilevante per il lavoratore:

  •  rimborso delle spese sostenute dal lavoratore per l’acquisto di abbonamenti di trasporto pubblico, anche per  familiari fiscalmente a carico;
     servizi  di intrattenimento o benesse  che i lavoratori possono scegliere sulla piattaforma web, ( ad es. Cinema», «Soluzioni viaggio e cofanetti», «Benessere», «Musei», «Palestre», «Parchi divertimento», «Abbonamenti a riviste», «Corsi di formazione» e «Cura della persona»); 
  •     servizi sanitari per i dipendenti e i loro familiari, (risoluzione  26/E/10 e circolare  28/E/16,);
  • rimborso delle spese di istruzione relative ai familiari ex lettera f-bis), comma 2, dell’articolo 51 Tuir; al rimborso delle spese assistenziali per i familiari anziani o non autosufficienti ex lettera f-ter), comma 2, dell’articolo 51 Tuir; 
  • contribuzione aggiuntiva, anche in favore dei familiari fiscalmente a carico, al Fondo pensione contrattuale e a Fondi aperti ex lettera h), comma 2 dell’articolo 51 Tuir; 
  • voucher del valore massimo di euro 258,23 ex comma 3, ultimo periodo, dell’articolo 51 Tuir resi disponibili dalla piattaforma web nell’ambito di specifiche categorie merceologiche;
  • contributi per il pagamento degli interessi su finanziamenti nei limiti e alle condizioni di cui alla lettera b), comma 4, dell’articolo 51 Tuir. 

Per approfondire ti puo interessare l'e-book Il welfare aziendale di P. Stern e M. Matteucci

Fonte: Agenzia delle Entrate



Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Check list rilascio visto conformità superbonus 110%
In PROMOZIONE a 29,90 € + IVA invece di 39,90 € + IVA fino al 2020-11-15
Rivalutazione beni ammortizzabili DL 104/2020 (Excel)
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,00 € + IVA fino al 2020-12-31
Valutazione d'azienda e Affrancamento: Pacchetto
In PROMOZIONE a 119,90 € + IVA invece di 159,96 € + IVA fino al 2030-12-31
Affrancamento terreni 2020 (excel)
Scaricalo a 39,90 € + IVA

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE