Rassegna stampa Pubblicato il 05/12/2019

Indennità di trasferta e contrattazione applicabile

Tempo di lettura: 1 minuto
trasferta rimborso chilometrico

Indennità di trasferta: va rispettata l'intenzione complessiva delle previsioni contrattuali .Cassazione ordinanza 25 novembre 2019, n. 30664

Nell'ordinanza 25 novembre 2019, n. 30664  in tema di indennità di trasferta e disposizioni contrattuali applicabili  la Corte di cassazione ha  affermato che nell'interpretazione delle norme contrattuali, se contrastanti.   va tenuto conto dell'intenzione complessiva (artt.1362 1363 CC)    e non del dato puramente formale 

Il caso riguardava  una s.p.a.  condannata in appello al pagamento in favore di un dipendente della somma di € 3.250  a titolo di indennità di trasferta e rimborso chilometrico di cui agli artt. 99 e 100 del CCNL di categoria ed all'art. 21 del contratto integrativo regionale del Piemonte.

L'art. 21 del c.i r.  prevede che l'indennità chilometrica e l'indennità di trasferta "sono corrisposte in tutte le ipotesi in cui il lavoratore sia assegnato, anche temporaneamente, ad una sede diversa, a condizione che la sede di nuova assegnazione disti più di venti chilometri da quella abituale.

  Secondo la società ricorrente, però,  l'indennità non era dovuta in quanto l'  art. 21 afferma anche  le indennità spettano in relazione «al maggior percorso effettuato rispetto alla sede abituale di lavoro». Per il lavoratore invece in una delle trasferte lo spostamento comportava un avvicinamento alla sede abituale. 

Per la corte di merito la circostanza che la sede di destinazione temporanea fosse più vicina di quella di aziendale all'abitazione del lavoratore  non costituisce giustificazione per il diniego in quanto  l'art. 21 comma 4 deroga in melius alla previsione contenuta nell'art. 100 del c.c.n.l.  (per il quale in caso di avvicinamento, pari o inferiore a 20 Km, nulla è dovuto al lavoratore). 

La Cassazione respinge il ricorso della società datrice di lavoro osservando  come «la ricostruzione operata dalla Corte di appello della volontà delle parti collettive passa attraverso una interpretazione della disposizione che tiene conto di tutto il complesso in cui la norma collettiva si inserisce e valorizza l'intenzione delle parti di apprestare un trattamento di favore»   alla luce dei criteri degli articoli 1362 e 1363 del Codice civile, come affermato dalla Corte di appello . 


 

Un utile guida su come compilare la busta paga, e lettura di tutti gli elementi da indicare sul cedolino è l'e-book Come compilare la busta paga di Prudente Dott.ssa Maria Cristina.
In tema di LAVORO DOMESTICO disponibile il pacchetto completo Colf e Badanti 2019 composto da un Foglio excel per il calcolo del prospetto paga + Guida in pdf sul rapporto di lavoro.

Per il settore edile è disponibile anche lo specifico " La busta paga in edilizia" di M.C. Prudente

 

Fonte: Corte di Cassazione





Prodotti consigliati per te

67,51 € + IVA
46,47 € + IVA
32,00 € + IVA
27,20 € + IVA

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)