IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 13/05/2020

Dichiarazioni 2020:la documentazione da conservare per detrarre le spese mediche

Tempo di lettura: 4 minuti
168x126 spese mediche

Documentazione da conservare per detrarre le spese mediche nella dichiarazione dei redditi 730/2020 e RedditiPF2020 (anno di imposta 2019). Ecco quando tradurre le spese sostenute all'estero

Commenta Stampa

Le spese mediche sostenute nel 2019 sono detraibili nella dichiarazione dei redditi 730/2020 e RedditiPF2020. Com'è noto è possibile fruire della detrazione al 19% delle spese sostenute per prestazioni chirurgiche, analisi, indagini radioscopiche, ricerche e applicazioni, prestazioni specialistiche, acquisto o affitto di proresi sanitarie, prestazioni rese da un medico, ricoveri, acquisto di medicinali, noleggio di dispositivi medici ecc.

In linea generale, i dati delle spese mediche sono fornite all'Agenzia delle Entrate dagli operatori e dalle strutture sanitarie, e il contribuente li ritroverà presenti nella dichiarazione dei redditi precompilata. Il dato preimpostato potrà poi essere modificato dal contribuente.

In ogni caso, la documentazione che il contribuente deve conservare per

  1. Spese sanitarie (indicate nei righi E1 del modello 730/2020 e RP1 del modello RedditiPF2020)
  2. Spese sanitarie per familiari non a carico affetti da patologie esenti (indicate nei righi E2 del modello 730/2020 e RP2 del modello RedditiPF2020)
  3. Spese sanitarie per persone con disabilità (indicate nei righi E3 del modello 730/2020 e RP3 del modello RedditiPF2020)
  4. Spese mediche e di assistenza specifica per le persone con disabilità (indicate nei righi E25 del modello 730/2020 e RP 25 del modello RedditiPF2020)

sono:

  • per le spese mediche generiche e acquisto di farmaci anche omeopatici relative all’acquisto di medicinali, gli scontrini fiscali parlanti in cui sono indicati
    • la natura e quantità dei medicinali acquistati,
    • il codice alfanumerico posto sulla confezione di ogni medicinale
    • il codice fiscale del destinatario dei medicinali;
  • per le spese mediche generiche e acquisto di farmaci relative ai certificati medici per usi sportivi, per la patente, per l’apertura e chiusura di malattie o infortuni, per pratiche assicurative e legali occorre conservare la ricevuta fiscale o la fattura rilasciata dal medico;
  • per i sussidi tecnici e informatici, oltre alle relative fatture, ricevute o quietanze,  intestate alla persona con disabilità o al familiare, di cui il disabile risulta
    a carico fiscalmente, che ha sostenuto l’onere, occorre conservare anche
    • una certificazione del medico curante che attesti che quel sussidio tecnico e informatico è volto a facilitare l’autosufficienza e la possibilità di integrazione del soggetto riconosciuto portatore di handicap ai sensi dell’art. 3 della L. n. 104 del 1992
    • oppure specifica prescrizione autorizzativa rilasciata dal medico specialista della azienda sanitaria locale di appartenenza dalla quale risulti il collegamento funzionale tra il sussidio tecnico ed informatico e la menomazione di cui è affetto il soggetto, richiesta dal D.M. 14 marzo 1998 per l’aliquota IVA agevolata.
    • una certificazione attestante la minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva rilasciata dalla Commissione di cui all’art. 4 della legge n. 104 del 1992 o da Commissioni mediche pubbliche incaricate ai fini del riconoscimento dell’invalidità di guerra e per i soggetti ad essi equiparati, è sufficiente presentare il provvedimento definitivo (decreto) di concessione della pensione privilegiata. È possibile autocertificare il possesso della documentazione attestante il riconoscimento della sussistenza delle condizioni personali di disabilità
  • per le spese sanitarie per familiari non a carico affetti da patologie esenti serve:
    • la certificazione rilasciata dalla ASL che attesti la patologia con l’indicazione dell’eventuale codice numerico identificativo,
    • il certificato medico che attesti il collegamento tra le spese e la patologia esente, ovvero autocertificazione che attesti il possesso di tale certificazione,
    • il modello 730-3 o REDDITI dal quale si evinca la parte di spesa che non ha trovato capienza nell’Irpef del soggetto affetto dalla malattia,
    • le fatture, le ricevute fiscali ed eventuali scontrini dai quali risulti che le spese sono state sostenute dal familiare che intende beneficiare della detrazione, anche con apposita annotazione del soggetto affetto dalla patologia per i documenti a questo intestati, l’annotazione dovrà riportare anche la misura delle spese attribuibili al familiare. Se il soggetto non ha presentato alcuna dichiarazione non essendovi tenuto, conserva l’autocertificazione del soggetto affetto da patologia che attesti di non essere tenuto a presentare la dichiarazione.

Spese mediche all’estero

Per quanto riguarda le spese mediche sostenute all’estero, queste sono soggette allo stesso regime di quelle analoghe sostenute in Italia e pertanto deve essere conservata a cura del dichiarante la documentazione debitamente quietanzata. In generale se la documentazione sanitaria è in lingua originale, va corredata da una traduzione in italiano:

  • se la documentazione è redatta in inglese, francese, tedesco o spagnolo, la traduzione può essere eseguita a cura del contribuente e da lui sottoscritta;
  • se la documentazione è redatta in una lingua diversa da quelle indicate va corredata da una traduzione giurata.

Per i contribuenti aventi domicilio fiscale in Valle d’Aosta e nella provincia di Bolzano non è necessaria la traduzione se la documentazione è scritta, rispettivamente, in francese o in tedesco. La documentazione sanitaria straniera eventualmente redatta in sloveno può essere corredata da una traduzione italiana non giurata, se il contribuente, residente nella Regione Friuli Venezia Giulia, appartiene alla minoranza slovena.

Attenzione: si ricorda che le spese relative al trasferimento e al soggiorno all’estero sia pure per motivi di salute non possono essere computate tra quelle che danno diritto alla detrazione in quanto non sono spese sanitarie.

Fonte: Fisco e Tasse


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Elementi contabili ISA 2020 (Excel)
In PROMOZIONE a 16,90 € + IVA invece di 19,90 € + IVA fino al 2020-09-15
Calcolo IRES e IRAP 2020 - Redditi Società di Capitali
In PROMOZIONE a 89,90 € + IVA invece di 99,90 € + IVA fino al 2020-09-15
Analisi di Bilancio - Pacchetto completo (pdf + excel)
In PROMOZIONE a 82,70 € + IVA invece di 116,89 € + IVA fino al 2022-12-31
Affrancamento partecipazioni 2020 (excel)
In PROMOZIONE a 34,90 € + IVA invece di 39,90 € + IVA fino al 2020-07-15

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE