HOME

/

FISCO

/

RIFORMA GIUSTIZIA TRIBUTARIA E PROCESSO TELEMATICO 2022

/

RATEIZZAZIONE CARTELLE DI PAGAMENTO: SCELTA TRA NORMATIVA VIGENTE E PREVISIONI ELETTORALI

Rateizzazione cartelle di pagamento: scelta tra normativa vigente e previsioni elettorali

Aumento soglia a 120 mila euro senza documentare la situazione di temporanea difficoltà. Decadenza con il mancato pagamento di otto rate invece che cinque

Il cosiddetto “Decreto Aiuti”, (DL n. 50/2022 convertito in Legge n. 91/2022) al fine di consentire a imprese, professionisti e altri contribuenti di sopperire a esigenze di liquidità anche temporanee, ha semplificato notevolmente l’iter per le richieste di rateizzazione delle cartelle esattoriali, presentate a far data dal 16 Luglio 2022.

In particolare, l’art. 15-bis, in modifica dell’art. 19 D.P.R. 602/1973, ha previsto l’innalzamento da 60  a 120 mila Euro, della soglia del debito per ottenere la dilazione cosiddetta “semplificata”, senza necessità di dover documentare la temporanea situazione di difficoltà economica (presentazione ISEE in caso di persone fisiche e/o ditte individuali, bilancio o relazione infrannuale in caso di società).

Ma la novità più rilevante per i soggetti che ne fanno richiesta, è che la soglia dei 120.000 è da intendersi per singola rateizzazione presentata, in luogo del precedente limite stabilito in Euro 60.000 per debito complessivo iscritto a ruolo !!!

Ed ancora, un ulteriore novità, riguarda invece, la verifica della decadenza, che ora si concretizza al mancato pagamento di otto rate, anche non consecutive, invece delle cinque precedentemente previste. 

Ti potrebbe interessare il foglio di calcolo 

Attenzione però!

- In caso di decadenza tali carichi non potranno essere nuovamente rateizzati;

- Tuttavia, però è possibile richiedere la dilazione di pagamento per carichi diversi da quelli per i quali è intervenuta la decadenza.

La ristrutturazione dell’art. 19 D.P.R. 602/1973 porta con sé alcune riflessioni, circa i risvolti pratici di tali novità, in conseguenza soprattutto della situazione politica generatasi dopo le dimissione del Governo Draghi, ed in previsione delle elezioni che si terranno il prossimo 25 Settembre.

I contribuenti, infatti, influenzati dalla scia di promesse di propaganda politica fin ora divulgate, potrebbero decidere di non usufruire delle “semplificazioni” previste nel Decreto Aiuti, “paralizzando” di fatto la propria situazione debitoria, seppur consapevoli dei rischi connessi al mancato pagamento di cartelle esattoriali notificate e per le quali si è verificata la scadenza del termine di pagamento, in vista di una futura quanto probabile rottamazione-quater, che darebbe modo di usufruire di vantaggi economici in termini di sanzioni ed interessi, attualmente  ‘congelata’ dalla repentina crisi di governo.

Tag: RIFORMA GIUSTIZIA TRIBUTARIA E PROCESSO TELEMATICO 2022 RIFORMA GIUSTIZIA TRIBUTARIA E PROCESSO TELEMATICO 2022

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

IDENTITÀ DIGITALE · 04/10/2022 Corte di Giustizia Tributaria: gli indirizzi per comunicare con gli uffici dal 3 ottobre

Il MEF comunica il cambio di indirizzi PEC e posta elettronica delle Corti di Giustizia Tributaria

Corte di Giustizia Tributaria: gli indirizzi per comunicare con gli uffici dal 3 ottobre

Il MEF comunica il cambio di indirizzi PEC e posta elettronica delle Corti di Giustizia Tributaria

L’accertamento con adesione post accertamento non sana la violazione del contraddittorio

la violazione del diritto al contraddittorio endoprocedimentale e il diritto di difesa del contribuente nella normativa unionale alla luce di una recente sentenza della Cassazione

L’indebita compensazione dei contributi previdenziali e assistenziali

La giurisprudenza di legittimità si è consolidata nel considerare rientranti nel perimetro dell’indebita compensazione anche i contributi previdenziali e assistenziali

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.