HOME

/

FISCO

/

AGEVOLAZIONI COVID-19

/

CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO COVID-19: RESTITUZIONE PER IL SOGGETTO DICHIARATO FALLITO

Contributo a fondo perduto COVID-19: restituzione per il soggetto dichiarato fallito

Il contributo a fondo perduto COVID-19 erogato ad un soggetto dichiarato fallito deve essere restituito in quanto non spettante. A dirlo le Entrate

L'articolo 1 del Decreto Sostegni (decreto legge 22 marzo 2021, n. 41) prevede il riconoscimento di un contributo a fondo perduto a favore dei soggetti titolari di partita IVA, residenti o stabiliti nel territorio dello Stato, che svolgono attività d'impresa, arte o professione o producono reddito agrario. La norma prevede che il contributo a fondo perduto non spetta, in ogni caso, ai soggetti la cui attività risulti cessata alla data di entrata in vigore del decreto. In vari documenti di prassi l'Agenzia delle Entrate ha chiarito che gli aiuti possono essere concessi alle microimprese o alle piccole imprese che risultavano già in difficoltà al 31 dicembre 2019, purché non siano soggette a procedure concorsuali per insolvenza ai sensi del diritto nazionale e non abbiano ricevuto aiuti per il salvataggio (che non abbiano rimborsato) o aiuti per la ristrutturazione (e siano ancora oggetto di un piano di ristrutturazione). Queste stesse indicazioni valgono per il «CFP COVID-19 decreto sostegni» e nella risposta all'interpello 414 del 8 agosto 2022

L'articolo 1, comma 1 del decreto 25 maggio 2021, n. 73, c.d. Decreto Sostegni bis dispone che «Al fine di sostenere gli operatori economici colpiti dall'emergenza epidemiologica «Covid-19», è riconosciuto un ulteriore contributo a fondo perduto a favore di tutti i soggetti che hanno la partita IVA attiva alla data di entrata in vigore del presente decreto e, inoltre, presentano istanza e ottengono il riconoscimento del contributo a fondo perduto di cui all'articolo 1 del decreto-legge 22 marzo 2021, n. 41, convertito, con modificazioni, dalla legge 21 maggio 2021, n. 69, e che non abbiano indebitamente percepito o che non abbiano restituito tale contributo.» Il successivo comma 2, ha previsto che «Il nuovo contributo a fondo perduto spetta nella misura del cento per cento del contributo già riconosciuto ai sensi dell'articolo 1 del decreto legge 22 marzo 2021, n. 41, ed è corrisposto dall'Agenzia delle entrate mediante accreditamento diretto sul conto corrente bancario o postale sul quale è stato erogato il precedente contributo, ovvero è riconosciuto sotto forma di credito d'imposta, qualora il richiedente abbia effettuato tale scelta per il precedente contributo».

Contributi a fondo perduto e fallimento

Nel caso in esame l'istante dichiara di aver ricevuto il contributo, dopo aver presentato apposita istanza nel presupposto di possedere i requisiti e, di aver ottenuto successivamente, in data 19 luglio 2021, anche il contributo di cui al Decreto Sostegni bis, nonostante fosse stata dichiarata fallita in data 24 maggio 2021, ovvero, in data antecedente al decreto-legge 25 maggio 2021 n. 73 (cosiddetto decreto "Sostegni bis"), entrato in vigore il 26 maggio 2021. Al riguardo si osserva che sono compatibili ai sensi dell'articolo 107, paragrafo 3, lettera b), del TFUE aiuti temporanei di importo limitato alle imprese che si trovano di fronte a un'improvvisa carenza o addirittura indisponibilità di liquidità purché siano soddisfatte tutte le condizioni specificatamente indicate.

Alla luce del fatto che il soggetto che ha presentato istanza di interpello è stato dichiarato fallito in data ... 2021, non può fruire del contributo di cui all'articolo 1, comma 1 del decreto Sostegni bis, poiché già alla data di entrata in vigore della disposizione appena menzionata risultava «oggetto di procedura concorsuale per insolvenza». Va da sé che si determina la medesima conclusione anche in relazione al contributo di cui al "decreto sostegni".

Attenzione va prestata al fatto che il soggetto che ha percepito il contributo in tutto o in parte non spettante, anche a seguito di presentazione di istanza di rinuncia, può regolarizzare l'indebita percezione, restituendo spontaneamente il contributo, i relativi interessi e versando la sanzione con applicazione delle riduzioni previste per il ravvedimento operoso (articolo 13 del decreto legislativo n. 472/1997).

Allegato

Risposta interpello al 414 del 5.8.2022

Tag: AGEVOLAZIONI COVID-19 AGEVOLAZIONI COVID-19

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

ISEE - INDICATORE SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE · 23/09/2022 Bonus psicologico 2022: le domande entro il 24 ottobre

Il bonus psicologico può essere richiesto telematicamente accedendo al servizio "Contributi sessioni psicoterapia". La conversione del DL Aiuti bis aumenta a 25 ML le risorse

Bonus psicologico 2022: le domande entro il 24 ottobre

Il bonus psicologico può essere richiesto telematicamente accedendo al servizio "Contributi sessioni psicoterapia". La conversione del DL Aiuti bis aumenta a 25 ML le risorse

Bonus trasporti 60 euro: tutte le regole

Come funziona, a chi spetta il "Bonus trasporti" previsto dal Decreto Aiuti n. 50 2022 . Il rimborso ai gestori. Nuovi fondi in arrivo.

Bonus chef professionisti: credito di imposta fino a 6.000 euro

Credito d'imposta per cuochi professionisti per l'acquisto beni strumentali durevoli e corsi aggiornamento: tutte le regole nel decreto in GU. Valido per spese fino al 31.12-2022

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.