HOME

/

FISCO

/

BONUS FISCALI E CREDITO D'IMPOSTA

/

CREDITO DI IMPOSTA BENI STRUMENTALI: RIEPILOGO E CHIARIMENTI NELLA NOTA DI ASSONIME

Credito di imposta beni strumentali: riepilogo e chiarimenti nella nota di Assonime

Chiarimenti da Assonime sul credito di imposta in beni strumentali dopo la circolare delle entrate del 17 maggio: le aliquote del credito e l'arco temporale

Con una Circolare del 20 maggio Assonime fornisce orientamento sul credito d’imposta per gli investimenti in beni strumentali.

In particolare, si ricorda che con la Circolare n 14/E del 17 maggio 2022  l'Agenzia delle entrate ha illustrato le novità apportate dalla l. n. 234/2021 (legge di bilancio 2022) al credito d'imposta per gli investimenti in beni strumentali di cui all'art. 1, commi 1051 e ss. della l. 178/2020.

In estrema sintesi è stata prorogata l'efficacia temporale di questa agevolazione per quanto concerne gli investimenti in beni strumentali materiali e immateriali funzionali all'attuazione del modello "industria 4.0" con esclusione dunque degli investimenti in beni strumentali "ordinari" e rimodulata l'entità del relativo beneficio.

Alla luce anche dell'ulteriore novità prevista per i beni strumentali immateriali 4.0 dal decreto legge 17 maggio 2022, n. 50 di cui la circolare dell'Agenzia delle entrate non ha potuto tenere conto in quanto è stata pubblicata lo stesso giorno del decreto Assonime ha fornito un utile riepilogo.

Viene ricordato che il credito d'imposta per gli investimenti in beni strumentali materiali e immateriali 4.0 era in scadenza il 31/12/2022 (o il 30/6/2023 per la c.d. coda dell'agevolazione relativa agli ordini e al pagamento degli acconti nella misura almeno del 20% avvenuti entro il 31/12/2022), ed in questa versione la misura del credito d'imposta è pari per i beni materiali 4.0 a:

  • 40% fino a 2,5 mln;
  • 20% da 2,5 a 10 mln;
  • 10% da 10  a 20 mln (lim. max).

Per i beni immateriali 4.0, invece, il credito d'imposta  è pari al 20% nel limite di 1 milione.

Durante il medesimo ambito temporale risultano agevolati anche gli investimenti in beni strumentali materiali e immateriali ordinari (rectius diversi da quelli 4.0) con un credito d'imposta pari al 6%.

Ciò posto, la legge di bilancio 2022 (art. 1, comma 44, della legge bilancio 2022) ha prorogato (solo) il credito d'imposta  per gli investimenti in beni strumentali materiali e immateriali 4.0 fino al 31/12/2025 (ovvero il 30 giugno 2026  per la c.d. coda dell'agevolazione i cui presupposti si siano  realizzati al 31/12/2025) ed è pari per i beni materiali 4.0 a:

  • 20% fino a 2,5 mln;
  • 10% da 2,5 a 10 mln;
  • 5% da 10 a 20 mln (lim. max).

L'art. 10 della l. n. 4/2022 è ulteriormente intervenuto prevedendo che gli investimenti inclusi nel PNNR che eccedono i 10 milioni godono del credito del 5%  entro il limite massimo di 50 milioni (in luogo di 20 milioni) 

Per i beni immateriali 4.0, invece, la proroga prevista dalla legge di bilancio 2022 è accompagnata da una diminuzione graduata della misura del credito d'imposta:

  • Fino al 31/12/2023 (ovvero per la c.d. coda fino al 30/6/2024), l'incentivo rimane invariato: il credito d'imposta è pari al 20% con il limite di 1 milione;
  • Per il 2024 (ovvero per la c.d. coda fino al 30/6/2025) il credito d'imposta è pari al 15% con il limite di 1 milione;
  • Per il 2025 (ovvero per la c.d. coda fino al 30/6/2026) il credito d'imposta è pari al 10% con il limite di 1 milione.

Viene sottolineato come per i beni immateriali si considerano sempre agevolabili anche le spese per servizi sostenute in relazione all'utilizzo dei beni di cui al predetto allegato B mediante soluzioni con risorse di calcolo condivise e connesse (cosiddette soluzioni "cloud computing"), per la quota imputabile per competenza.

Secondo le novità introdotte dal decreto legge 17 maggio 2022, n. 50, per gli investimenti in beni immateriali effettuati dal 1/1/2022 e fino al 31/12/2022 (ovvero entro il 30/6/2023 per la c.d. coda dell'agevolazione con presupposti verificatisi al 31/12/2022) la misura del credito è elevata dal 20 al 50%. 

La misura del 20% si rende applicabile dunque per gli investimenti effettuati nel 2022 che non ricadono nel PNNR e per gli investimenti effettuati dal 1/1/2023 al 31/12/2023 (ovvero 30/6/2024) (salvo ricadere, per gli investimenti effettuati nel periodo 1/1/2023-30/6/2023, nella c.d. coda dell'agevolazione prevista dal d.l. 50/2022).

L'Agenzia delle entrate conferma quanto già si evinceva dalla relazione tecnica e, cioè, che il "limite massimo di costi complessivamente ammissibili pari a 20 milioni di euro" previsto dal comma 1057-bis dell'art.1 della l. 178/2020 per l'investimento nei beni materiali 4.0 deve "intendersi riferito alla singola annualità e non all'intero triennio".

A questa stessa conclusione si dovrebbe giungere spiega Assonime anche per quanto concerne il nuovo limite di 50 milioni (in luogo dell'ordinario limite di 20 milioni) previsto dall'art. 10 della l. n. 4/2022 per gli investimenti inclusi nel PNNR che eccedono i 10 milioni, tenuto conto che è stata utilizzata la medesima locuzione prevista dal citato comma 1057-bis dell'art.1 della l. 178/2020 ("fino al limite massimo di costi complessivamente ammissibili pari a 50 milioni di euro").

Sugli investimenti in beni strumentali ti consigliamo:

Tag: BONUS FISCALI E CREDITO D'IMPOSTA BONUS FISCALI E CREDITO D'IMPOSTA

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

BONUS FISCALI E CREDITO D'IMPOSTA · 04/08/2022 730/2022: detraibilità al 19% del servizio di interpretariato per sordi

Dichiarazioni dei redditi 2022: detrazione al 19% del servizio di interpretariato per persone sorde. Ecco come funziona

730/2022: detraibilità al 19% del servizio di interpretariato per sordi

Dichiarazioni dei redditi 2022: detrazione al 19% del servizio di interpretariato per persone sorde. Ecco come funziona

Credito di imposta ricerca e sviluppo: chiarimenti Entrate/MISE su design e estetica

Attività di design e ideazione estetica: chiarimenti su ciò che è agevolabile con il credito di imposta ricerca e sviluppo

Decreto aiuti: aumento dei crediti d'imposta per l'energia

La legge di conversione del DL Aiuti prevede novità per i bonus rivolti alle imprese energivore. Introdotta una comunicazione che semplifica il calcolo della detrazione

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.