HOME

/

LAVORO

/

LA RUBRICA DEL LAVORO

/

LICENZIAMENTO DISCIPLINARE: SE SPROPORZIONATO SPETTA IL RISARCIMENTO

2 minuti, Redazione , 29/11/2021

Licenziamento disciplinare: se sproporzionato spetta il risarcimento

La Cassazione precisa i criteri per valutare la proporzionalità del licenziamento disciplinare nella sentenza n. 34422/2021 e il conseguente possibile risarcimento

Nella sentenza n. 34422 del 15 novembre 2021 la Cassazione torna a ribadire che per valutare la proporzionalità della massima sanzione disciplinare ovvero il licenziamento per giusta causa o giustificato motivo,   non si deve fare riferimento unicamente  alle  specificazioni del CCNL applicabile . Il giudice deve invece richiamarsi  ai principi dettati dalle norme, analizzando in concreto il comportamento del dipendente.  Da tale valutazione discende  poi l'applicabilità o meno  dell'indennità risarcitoria prevista per il lavoratore in luogo della reintegra nel posto di lavoro,  prevista dall' art 18 comma 5 legge 300 1970 come modificata

Vediamo di seguito piu in dettaglio il caso specifico 

Una Societa cooperativa di servizi   aveva licenziato per giustificato motivo soggettivo,  con preavviso una dipendente  operaia di II livello del CCNL imprese di pulizia e servizi integrativi/multiservizi e con mansioni di portiera  "ai sensi e per gli effetti dell'art. 48 lett. A comma d) del CCNL di categoria in adozione". La donna era infatti stata sorpresa dal suo referente di cantiere mentre  durante il suo turno di lavoro dormiva all'interno della sua autovettura parcheggiata  all'interno del cortile aziendale dove era assolutamente vietato il transito per motivi di sicurezza.

Il Tribunale di Bari aveva rigettato l'istanza di impugnazione della lavoratrice  mentre la corte di appello di Bari accoglieva il reclamo  e  dichiarava risolto il rapporto di lavoro condannando però il datore di lavoro al pagamento, in favore della lavoratrice, di una indennità risarcitoria pari a 12 mensilità dell'ultima retribuzione  a norma dell'art .18 comma 5 legge n. 300/1970.

La sentenza di appello  valutava infatti che, nonostante il fatto disciplinare contestato  fosse sussistente  (documentato da un video di sorveglianza ) la condotta fosse  connotata dai requisiti di coscienza e volontarietà ,   non vi era, però, proporzione tra fatto e sanzione.

La società di servizi  nel ricorso in cassazione afferma che il giudizio di adeguatezza della misura sanzionatoria era  contrario al principio di proporzionalità di cui all'art. 2106 cc e non collimante con l'ipotesi prevista  contrattazione collettiva (art. 48 lett. A comma d)  Si evidenziava  che era  errato richiamare la nozione di giusta causa di recesso di un licenziamento che, invece era stato irrogato per giustificato motivo soggettivo. 

Nel rigettare il ricorso della socièta la Suprema corte afferma che giustamente la Corte territoriale si è attenuta al principio, secondo cui, " in tema di licenziamento per giusta causa e per giustificato motivo soggettivo, non è vincolante la tipizzazione contenuta nella contrattazione collettiva, rientrando il giudizio di gravità e proporzionalità della condotta nella attività valutativa del giudice, avuto riguardo agli elementi concreti, di natura oggettiva e soggettiva,  anche se ma la scala valoriale formulata dalle parti sociali costituisce uno dei parametri cui occorre fare riferimento ". Dello stesso orientamento vengono ricordate Cass. n. 17321/2020; Cass n. 3283/2020; Cass. n. 13865/2019).

Viene soTtolineata  quindi la necessità che il giudice  non si limiti a a verificare se il fatto addebitato sia riconducibile ad una previsione contrattuale, ma valuti  in concreto la condotta e, quindi, la proporzionalità della sanzione.  

Si sottolinea inoltre che sia la giusta causa  che il giustificato motivo soggettivo,  come causali legali  del recesso  del datore di lavoro  qualificano  comportamenti ugualmente idonei a legittimare la cessazione del rapporto di lavoro,  anche se uno con effetto immediato e l'altro con preavviso.


Tag: LA RUBRICA DEL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO LAVORO DIPENDENTE LAVORO DIPENDENTE

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LE RIFORME DEL GOVERNO CONTE · 20/01/2022 Ape Sociale: cos'è, come funziona?

Requisiti, beneficiari, tabella lavori gravosi, modalità per le domande per l'APE sociale, l'anticipo pensionistico con indennità- ponte INPS, prorogato anche per il 2022.

Ape Sociale: cos'è, come funziona?

Requisiti, beneficiari, tabella lavori gravosi, modalità per le domande per l'APE sociale, l'anticipo pensionistico con indennità- ponte INPS, prorogato anche per il 2022.

Cassa integrazione 2022: tornano procedure e scadenze ordinarie

Esaurita la Cassa COVID 2021 dal 1 gennaio 2022 per gli ammortizzatori tornano le tempistiche ordinarie. Vediamo un riepilogo delle scadenze

Assegni familiari e maggiorazione pensioni 2022

Importi e limiti di reddito per il diritto agli assegni familiari e quote di maggiorazione pensioni artigiani e commercianti. Le tabelle nella circolare INPS n. 9 2022

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.