HOME

/

FISCO

/

ADEMPIMENTI IVA 2021

/

IVA DIFFERITA: ADEMPIMENTI PER LA SOCIETÀ IN LIQUIDAZIONE

IVA differita: adempimenti per la società in liquidazione

L'IVA differita va computata nella dichiarazione annuale da presentare in riferimento all'ultimo periodo di imposta prima della chiusura della attività

La società istante è stata posta in liquidazione volontaria dall'azionista unico e la procedura dovrebbe concludersi tra la fine del 2021 e l'inizio del 2022, con assegnazione delle residue posizioni attive e passive al socio unico. 

L'istante chiede chiarimenti in merito

  • agli adempimenti IVA in relazione ai crediti maturati, considerato che il pagamento delle fatture potrebbe aver luogo solo dopo la liquidazione dell'istante e la chiusura della partita IVA.

Le Entrate con Risposta a interpello n. 666 del 6 ottobre 2021 specificano che nel caso in cui l'istante ha reso delle prestazioni nei confronti di un ente locale, documentate con fattura con IVA ad esigibilità differita, ove l'istante:

  • intenda chiudere in anticipo la partita IVA 
  • e cancellare l'attività dal Registro delle imprese, con conseguente estinzione della società,

è tenuto a computare l'IVA differita nella dichiarazione annuale da presentare con riferimento all'ultimo periodo d'imposta prima della chiusura dell'attività. 

Nel dettaglio l'agenzia ricorda che ai sensi dell'articolo 6, comma 3 del decreto IVA «le prestazioni di servizi si considerano effettuate all'atto del pagamento del corrispettivo».

Quando, tuttavia, il cedente/prestatore cessa l'attività, occorre fare riferimento all'articolo 35, comma 4, del decreto IVA, secondo cui «In caso di cessazione dell'attività il termine per la presentazione della dichiarazione di cui al comma 3 decorre dalla data di ultimazione delle operazioni relative alla liquidazione dell'azienda, per le quali rimangono ferme le disposizioni relative al versamento dell'imposta, alla fatturazione, registrazione, liquidazione e dichiarazione. Nell'ultima dichiarazione annuale deve tenersi conto anche dell'imposta dovuta ai sensi del n. 5) dell'articolo 2, da determinare computando anche le operazioni indicate nel quinto comma dell'articolo 6, per le quali non si è ancora verificata l'esigibilità dell'imposta.»

Con specifico riferimento all'attività professionale con diversi documenti di prassi è stato affermato che «[...] l'attività del professionista non si può considerare cessata fino all'esaurimento di tutte le operazioni, ulteriori rispetto all'interruzione delle prestazioni professionali, dirette alla definizione dei rapporti giuridici pendenti, ed, in particolare, di quelli aventi ad oggetto crediti strettamente connessi alla fase di svolgimento dell'attività professionale» 

Inoltre è stato ulteriormente specificato che 

«La cessazione dell'attività per il professionista non coincide, pertanto, con il momento in cui egli si astiene dal porre in essere le prestazioni professionali, bensì con quello, successivo, in cui chiude i rapporti professionali, fatturando tutte le prestazioni svolte e dismettendo i beni strumentali. Fino al momento in cui il professionista, che non intenda anticipare la fatturazione rispetto al momento di incasso del corrispettivo, non realizza la riscossione dei crediti, la cui esazione sia ritenuta ragionevolmente possibile (perché, ad esempio, non è decorso il termine di prescrizione di cui all'art. 2956, comma 1, n. 2 del codice civile) l'attività professionale non può ritenersi cessata».

L'agenzia richiama anche la giurisprudenza e in particolare la sentenza n. 8059 del 21 aprile 2016 delle sezioni unite della Corte di cassazione, nonché l'ordinanza n. 22517, del 16 ottobre 2020 con la quale si precisa che «Il D.P.R. n. 633 del 1972, art. 6 ("decreto IVA") prevede che nelle prestazioni di servizi, come nelle prestazioni professionali, l'imposta è dovuta solo al momento dell'incasso.

Il principio sopra richiamato è applicabile anche al caso prospettato, in cui l'istante ha reso delle prestazioni nei confronti di un ente locale, documentate con fattura con IVA ad esigibilità differita, con la conseguenza che, ove l'istante intenda chiudere in anticipo la partita IVA e cancellare l'attività dal Registro delle imprese, con conseguente estinzione della società, lo stesso è tenuto a computare l'IVA differita nella dichiarazione annuale da presentare con riferimento all'ultimo periodo d'imposta prima della chiusura dell'attività. 

Allegato

Risposta a interpello del 06.10.2021 n. 666

Tag: ADEMPIMENTI IVA 2021 ADEMPIMENTI IVA 2021

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

ADEMPIMENTI IVA 2021 · 01/12/2021 Esenzione IVA per le scuole ed i corsi di lingua: come ottenerla

Per usufruire dell’esenzione dall’imposta, i corsi di lingua devono essere svolti da un soggetto riconosciuto dalla Pubblica Amministrazione

Esenzione IVA per le scuole ed i corsi di lingua: come ottenerla

Per usufruire dell’esenzione dall’imposta, i corsi di lingua devono essere svolti da un soggetto riconosciuto dalla Pubblica Amministrazione

Decesso del professionista e riapertura PIVA per versamento imposta

Vediamo cosa accade se dopo la morte del professionista emergono fatture attive da incassare e IVA da versare. La risposta delle Entrate con interpello

Biblioteche: il trattamento IVA dei servizi offerti nel caso di appalto a terzi

L'esenzione IVA spetta per le attività proprie della biblioteca. Le Entrate chiariscono cosa si intende per attività proprie di una biblioteca e servizi diversi.

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.