HOME

/

LAVORO

/

PROFESSIONE AVVOCATO

/

AVVOCATI: PER OTTENERE IL COMPENSO È NECESSARIO UN PATTO IN FORMA SCRITTA

Avvocati: per ottenere il compenso è necessario un patto in forma scritta

Il patto, tra cliente e avvocato, che stabilisce il compenso deve essere redatto in forma scritta, pena la sua nullità, al momento del conferimento dell’incarico

Disciplinato dal Codice civile nel contesto generale del lavoro autonomo e in quello specifico delle professioni intellettuali, il compenso dell’avvocato è oggetto di particolare attenzione da parte del legislatore: al comma 3 dell’articolo 2233 del Codice civile, si stabilisce infatti che “sono nulli, se non redatti in forma scritta, i patti conclusi tra gli avvocati e i praticanti abilitati con i loro clienti che stabiliscono i compensi professionali”.

Sul tema, però, il legislatore non si è limitato a sancire ciò, ma, con il comma 2 dell’articolo 13 della Legge 247/2012 (la “Nuova disciplina dell'ordinamento della professione forense”), stabilisce anche che “il compenso spettante al professionista è pattuito di regola per iscritto all'atto del conferimento dell'incarico professionale”.

Ti potrebbero interessare i Libri:

In discussione è come si relazionano tra loro le due norme, in quanto, secondo una linea di pensiero, la seconda norma dovrebbe implicitamente abrogare la prima, in quando l’espressione “di regola” indicherebbe una preferibilità e non un obbligo.

Di diverso avviso è la Corte di Cassazione che, con l’ordinanza numero 24213 del 08 settembre 2021, appronta la corretta interpretazione sul come le due norme si debbano relazionare, osservando che “se il legislatore avesse avesse realmente voluto far venir meno il requisito della forma scritta per simili pattuizioni, è ragionevole ritenere che avrebbe provveduto ad abrogare esplicitamente la previsione contenuta nel terzo comma dell'articolo 2233 Codice civile, il quale commina espressamente la sanzione della nullità per quei patti che siano privi del requisito formale ivi prescritto”.

Quindi, in base a quanto enunciato dalla Corte, è convivendo che le due norme, insieme, delineano i principi che gli avvocati devono seguire per tutelare il loro diritto alla percezione del compenso professionale, in quanto le due disposizioni non sono incompatibili.

A questo scopo, infatti, il comma 2 dell’articolo 13 della Legge 247/2012 stabilisce quando deve essere stipulato il patto tra cliente e legale, e il comma 3 dell’articolo 2233 del Codice civile stabilisce la forma in cui deve essere redatto. Quindi: il patto che stabilisce il compenso professionale tra cliente e avvocato deve essere redatto per iscritto al momento di conferimento dell’incarico.

Poiché dalla mancanza della forma scritta discende la nullità del patto stesso, la Corte di Cassazione, precisa anche che:

  • la scrittura non può essere sostituita da mezzi probatori diversi […] neanche la confessione”;
  • la prova testimoniale è ammissibile nella sola ipotesi […] di perdita incolpevole del documento”.

Tag: PROFESSIONE AVVOCATO PROFESSIONE AVVOCATO

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

CONCORSI E OFFERTE DI LAVORO · 21/10/2021 Concorso magistratura 2022: bando da 500 posti in arrivo

Annunciato un nuovo concorso magistratura entro 6 mesi dalla conversione del DL 118 2021 . Vediamo le modalità e le prove previste

Concorso magistratura 2022: bando da  500 posti in arrivo

Annunciato un nuovo concorso magistratura entro 6 mesi dalla conversione del DL 118 2021 . Vediamo le modalità e le prove previste

Esami di stato professionisti: date e modalità

Riconfermate le modalità semplificate per gli esami di accesso agli ordini professionali. Le date previste . Vantaggi e svantaggi

Professionisti: approvato l’equo compenso

Il Disegno di Legge è stato approvato dalla Camera con alcune (criticate) modifiche, adesso passa in Senato per l’approvazione definitiva

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.