HOME

/

PMI

/

LA TASSAZIONE DELLE PMI

/

AIUTI COVID DA INDICARE SUL PROSPETTO AIUTI DI STATO MA SENZA IMPORTO

Aiuti Covid da indicare sul prospetto Aiuti di Stato ma senza importo

Gli aiuti di Stato pandemici dovranno essere indicati in modo analitico sul quadro RS dei modelli Redditi e Irap 2021, ma senza indicare l’importo

Fin da quando ha fatto il suo ingresso in dichiarazione il prospetto Aiuti di Stato, che si concretizza nella compilazione dei righi RS401 e RS402 del modello Redditi e degli analoghi righi del modello Irap, non è mai stato di semplice gestione, ma mai come nel 2021, in conseguenza dell’eccezionale anno 2020, le sua compilazione ha presentato tante difficoltà e perplessità.

Nel prospetto confluiscono tutti gli aiuti di Stato che possono essere considerati automatici, insieme a quelli soggetti a procedura di concessione ma con un importo indeterminato; ciò perché, in conseguenza della dichiarazione del contribuente, questi aiuti saranno poi iscritti al Registro Nazionale degli Aiuti di Stato (RNA).

Diversamente, gli aiuti soggetti a concessione per un importo determinato non dovranno essere riportati in dichiarazione, in quanto provvederà direttamente l’ente condente ad effettuare l’iscrizione sul RNA.

Il proliferare degli aiuti di Stato nel 2020, inseriti nel contesto del Temporary Framework for State aid measures to support the economy in the current Covid-19 outbreak (per un approfondimento sul tema si legga l’articolo Temporary Framework: gli aiuti di Stato nel contesto pandemico), ha richiesto l’istituzione di nuovi codici specifici per gli aiuti elargiti in conseguenza della pandemia.

Quando sono state pubblicate le istruzioni dei modelli Redditi, appariva evidentemente deducibile che tutti questi aiuti di Stato dovessero essere singolarmente indicati sul prospetto Aiuti di Stato, restando soltanto una speranza infranta la possibilità che, per quanto riguardasse almeno i sostegni elargiti dall’Agenzia delle Entrate, questo adempimento non fosse necessario.

Successivamente, per effetto dell’abrogazione del comma 2 dell’articolo 10-bis del DL 137/2020, operata dalla Legge 106/2021 di conversione del DL cosiddetto Sostegni-bis, gli aiuti corrisposti in via eccezionale in conseguenza dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, oltre a non concorrere alla formazione del reddito, non sono più soggetti ai limiti e alle condizioni previste dalla Commissione Europea nel contesto del Quadro temporaneo.

I più ottimisti hanno ritenuto che in conseguenza di ciò questi aiuti potessero essere dispensati dall’obbligo di indicazione analitica sul prospetto Aiuti di Stato, ma l’Agenzia delle Entrate, il 28 luglio 2021, con la pubblicazione delle Faq sulla compilazione proprio del prospetto in esame, ha precisato che, in presenza di codici riferiti a contributi a fondo perduto erogati dall’Agenzia nel contesto dell’emergenza sanitaria, non deve essere riportato l’importo accreditato, ma ciò non ha come naturale conseguenza l’esenzione della compilazione del prospetto.

In definitiva quindi, gli aiuti di Stato riconducibili all’emergenza sanitaria ricevuti nell’anno fiscale 2020 dovranno essere indicati in modo analitico sui righi RS401 e RS402 ma senza l’indicazione dell’importo.

Ti potrebbe interessare l'ebook:  Aiuti Covid-19 nei modelli Redditi 2021 (eBook)

Non è facile comprende l’utilità di un tale adempimento, con queste modalità, se questi aiuti non sono soggetti ai limiti stabiliti dal perimetro quantitativo del Temporary Framework, ma le logiche sottostati agli obblighi dichiarativi previsti dai modelli non sono indicate sulle istruzioni.

Ancora utilizzando come fonte le Faq pubblicate dall’Agenzia delle Entrate sul tema, è possibile evidenziare due questioni da non sottovalutare da coloro che redigono i modelli dichiarativi: 

  • il principale è costituito dal fatto che, nei limiti della specifica tipologia di aiuti in esame, il corretto anno fiscale di riferimento per il loro inserimento sul modello Redditi o Irap dovrà essere rintracciato in base alla data di erogazione; 
  • inoltre l’Agenzia precisa che il contributo una tantum di 600 euro erogato ad inizio del lockdown dall’Inps non costituisce un aiuto di Stato automatico, motivo per cui non dovrà essere esposto in dichiarazione.

Per un approfondimento sul prospetto Aiuti di Stato e sulle sue modalità di compilazione è possibile leggere gli articoli: 

Ti potrebbe interessare l'ebook:  Aiuti Covid-19 nei modelli Redditi 2021 (eBook)

Tag: REDDITI PERSONE FISICHE 2022 REDDITI PERSONE FISICHE 2022 REDDITI SOCIETÀ DI PERSONE 2022 REDDITI SOCIETÀ DI PERSONE 2022 REDDITI SOCIETA' DI CAPITALI 2022 REDDITI SOCIETA' DI CAPITALI 2022 AGEVOLAZIONI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE AGEVOLAZIONI PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE LA TASSAZIONE DELLE PMI LA TASSAZIONE DELLE PMI

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LA TASSAZIONE DELLE PMI · 03/02/2022 Perdite su crediti: deduzione subordinata all’inerenza quantitativa

Ai fini della deducibilità di una perdita su crediti assume rilevanza la differenza tra valore di realizzo del credito e il relativo corrispettivo di cessione dello stesso

Perdite su crediti: deduzione subordinata all’inerenza quantitativa

Ai fini della deducibilità di una perdita su crediti assume rilevanza la differenza tra valore di realizzo del credito e il relativo corrispettivo di cessione dello stesso

La detraibilità dell’IVA prima dell’inizio dell’attività in assenza di operazioni attive

È detraibile l’IVA sugli acquisti del periodo preparatorio all’inizio dell’attività, anche in assenza di ricavi, al realizzarsi di alcuni requisiti e in assenza di finalità abusive

Partite IVA: abolizione dell’Irap dal 2022 in Legge di Bilancio

Definitiva l’abolizione dell’Irap per ditte individuali, lavoratori autonomi e professionisti a partire dal 2022

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.