HOME

/

LAVORO

/

LA RUBRICA DEL LAVORO

/

COORDINATORE LAVORI IN EDILIZIA: NON HA OBBLIGO DI PRESENZA CONTINUATIVA

2 minuti, Redazione , 06/07/2021

Coordinatore lavori in edilizia: non ha obbligo di presenza continuativa

La Cassazione riepiloga gli obblighi a carico del coordinatore per la sicurezza nel caso di cantieri edili . Sentenza penale n 21915 2021

ll coordinatore per l'esecuzione dei lavori, ha una funzione di vigilanza  sull'organizzazione dei lavori edili se sono  presenti più imprese esecutrici  ma non è tenuto anche a verificare le modalità di esecuzione delle singole attività. Per questo non è richiesta una presenza continuativa in cantiere.

 Questa la conclusione della Cassazione penale nella sentenza 21915 del 1 luglio 2021, che ribalta la sentenza di merito.

La questione riguardava il decesso di un lavoratore per il crollo di un sottotetto, per il quale erano stati imputati  il proprietario e committente dei lavori ,  il direttore di lavori, e appunto  il coordinatore per la progettazione ed esecuzione,  condannato alla pena di  8 mesi di reclusione, condizionaimente sospesa. 

Il coordinatore, che presentava ricorso in Cassazione, secondo la sentenza  di merito  aveva violato gli artt. 91 co. 1 lett. a) e 92 comma 2 lett b) D. L.vo 81/2008, non  valutando correttamente nel PSC (piano di sicurezza e coordinamento) i rischi per la sicurezza delle lavorazioni previste in cantiere, le relative misure di prevenzione e non verificando il POS (piano operativo di sicurezra s.r.l. - piano complementare e di dettaglio del PSC; 

Il ricorso  evidenziava che l'intera motivazione della sentenza impugnata (e della sentenza di primo grado)  non aveva fatto  riferimento al c.d. rischio interferenziale, nonostante la specifica censura sul punto articolata dalla difesa ed il richiamo costante a tale elemento, presente nella recente giurisprudenza di questa Corte di legittimità. Veniva  richiamata in particolare la sentenza n. 27165/2016 in cui la Suprema corte afferma che "il coordinatore per l'esecuzione non è il controllore del datore di lavoro, ma il gestore del rischio interferenziale"definito in giurisprudenza come "rischio derivante dalla convergenza di articolazioni di aziende diverse verso il compimento di un'opera unitaria(sentenza n. 14167/2015) che ricorre nel caso si riscontri la "presenza di lavoratori appartenenti a più aziende, autonome tra loro, ma che operano nell'ambito di un medesimo rapporto contrattuale" Si tratta quindi di un  rischio ulteriore e diverso rispetto a quello "specifico proprio" che è il rischio tipico connesso alla singola lavorazione svolta da ciascuna impresa.

Esula, invece, dall'operato del coordinatore il rischio specifico, che attiene strettamente alla singola lavorazione ed è responsbailità  del committente, del datore di lavoro e del preposto.

La Cassazione accoglie il ricorso, riconoscendo l'errore di valutazione  presente nella Sentenza di Appello che viene cassata.

Tag: LAVORO DIPENDENTE LAVORO DIPENDENTE LA RUBRICA DEL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO IMPRESE EDILI IMPRESE EDILI

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

CONCORSI E OFFERTE DI LAVORO · 21/10/2021 Concorso magistratura 2022: bando da 500 posti in arrivo

Annunciato un nuovo concorso magistratura entro 6 mesi dalla conversione del DL 118 2021 . Vediamo le modalità e le prove previste

Concorso magistratura 2022: bando da  500 posti in arrivo

Annunciato un nuovo concorso magistratura entro 6 mesi dalla conversione del DL 118 2021 . Vediamo le modalità e le prove previste

Green pass: ecco il servizio INPS  di verifica per aziende oltre i 50 dipendenti

Greenpass 50+ il servizio telematico per la verifica delle certificazioni verdi tramite INPS e piattaforma DGC. Vediamo come funziona

Modello SR41  per la CIG prorogato fino a fine anno

Proroga del periodo transitorio di convivenza tra vecchie e nuove modalità di comunicazione dei dati per il pagamento diretto della cassa integrazione. Nuovi controlli

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.