HOME

/

FISCO

/

VERIFICHE FISCALI GUARDIA DI FINANZA

/

NOTIFICHE “DIFFERITE” DEGLI ACCERTAMENTI CAUSA COVID-19

Notifiche “differite” degli accertamenti causa Covid-19

Per gli atti che avrebbero dovuto essere notificati nel 2020 ma che arriveranno nel 2021 importante verificare la data della protocollazione

L'Agenzia delle Entrate nel preventivo 2021 parrebbe puntare a perseguire gli stessi obiettivi dell’anno 2019, benché in mezza parte del tempo a disposizione, addizionando gli accertamenti 2020 (rinviati causa Covid) con quelli 2021.

Ozioso immaginare allora per il contribuente, una ripresa economica caratterizzata da un’amministrazione finanziaria indaffarata a notificare atti impositivi nel bel mezzo di una ripartenza; ne discende di importanza fondamentale avere cortezza di queste particolari notifiche rinviate causa emergenza sanitaria.

Si legga la norma che, sebbene prolissa, è punto di partenza.

Il D.L. 34/2020 all’art.157 recita:

Proroga dei termini al fine di favorire la graduale ripresa delle attività economiche e sociali

1. In deroga a quanto previsto dall'articolo 3 della legge 27 luglio 2000, n. 212, gli atti di accertamento, di contestazione, di irrogazione delle sanzioni, di recupero dei crediti d'imposta, di liquidazione e di rettifica e liquidazione, per i quali i termini di decadenza, calcolati senza tener conto del periodo di sospensione di cui all'articolo 67, comma 1, del decreto-legge 17 marzo 2020, n. 18, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 aprile 2020, n. 27, scadono tra l'8 marzo 2020 e il 31 dicembre 2020, sono emessi entro il 31 dicembre 2020 e sono notificati nel periodo compreso tra il 1° marzo 2021 e il 28 febbraio 2022, salvi casi di indifferibilità e urgenza, o al fine del perfezionamento degli adempimenti fiscali che richiedono il contestuale versamento di tributi.

L’accorto lettore noterà per la prima volta in materia Tributaria, una rottura tra genesi dell’atto impositivo e notifica del medesimo, ovverosia “atto emesso” entro il 2020 e atto notificato entro il 28/02/2022.

Si badi bene, “entro il 31/12/2020” indica che se l’accertamento viene emesso oltre tale termine, benché notificato tra 1/03/2021 e il 28/02/2022, è nullo.

Sorge quindi spontanea la domanda: cosa si intende per atto emesso?

Per “emesso” si intende atto prodotto in formato digitale, sottoscritto dal responsabile o da un suo delegato con firma digitale e registrato in uscita nel sistema di gestione documentale (registro di protocollo).

Nei casi di impossibilità di procedere con la firma digitale, il documento analogico può sempre essere sottoscritto con firma autografa e protocollato.

La protocollazione diviene allora l’elemento fondamentale la cui funzione è garantire la provenienza del documento e l’attribuire certezza alla data, inoltre il registro protocollo nasce come elemento di trasparenza dell’attività amministrativa e quindi consultabile dal pubblico.

Tralasciando la querela del falso del registro protocollo (strada impervia), il contribuente allora per gli atti che avrebbero dovuto essere notificati nel 2020 ma che arriveranno nel 2021, non tralasci di verificarne la genesi ovverosia la protocollazione.

Per approfondire ti potrebbe interessare l'e-book Sanzioni tributarie penali e amministrative

Segui gratuitamente il dossier Verifiche Fiscali Guardia di Finanza: Manuale operativo 

Tag: VERIFICHE FISCALI GUARDIA DI FINANZA VERIFICHE FISCALI GUARDIA DI FINANZA

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

VERIFICHE FISCALI GUARDIA DI FINANZA · 13/07/2022 Esproprio stipendio: il limite non vale per gli amministratori

Pronuncia della Cassazione SU 26252 -2022 sul limite all'espropriabilità dei crediti da lavoro dipendente: non applicabile ai compensi degli amministratori di SRL e SPA

Esproprio stipendio: il limite non vale per gli amministratori

Pronuncia della Cassazione SU 26252 -2022 sul limite all'espropriabilità dei crediti da lavoro dipendente: non applicabile ai compensi degli amministratori di SRL e SPA

Il concorso del commercialista nel reato di dichiarazione fraudolenta

I reati di concorso in dichiarazione fraudolenta e in emissione di fatture per operazioni inesistenti possono essere contestati anche senza partecipazione una attiva

Acquisizione di dati informatici dai server aziendali da parte della Guardia di Finanza

Acquisizione dei dati dal server aziendale: se fatta dalla GdF durante una verifica fiscale non configura la commissione di un reato a dirlo la Cassazione

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.