HOME

/

FISCO

/

IPOTECARIA E CATASTALI

/

RAMO D’AZIENDA: TRATTAMENTO FISCALE PER SENTENZA DI REVOCATORIA FALLIMENTARE O TRANSAZIONE

4 minuti, Redazione , 23/09/2020

Ramo d’azienda: trattamento fiscale per sentenza di revocatoria fallimentare o transazione

Revocatoria fallimentare e accordo transattivo durante il giudizio: come si applicano le imposte al ramo di azienda ceduto

L'Agenzia delle Entrate con Risposta a interpello n 380 del 18 settembre 2020 tratta un caso di tassazione della sentenza di revocatoria fallimentare e di accordo transattivo.

Essa chiarisce che ogni sentenza andrebbe valutata di caso in caso studiandone il contenuto puntuale precisando quanto segue:

  • in tema di azione revocatoria la sentenza a favore dell’istante comporta l’inefficacia relativa dell’atto rispetto alla massa dei creditori rendendo il bene trasferito assoggettabile all’esecuzione concorsuale. In proposito essa cita diverse sentenze della Cassazione secondo le quali non riconducendosi alla sentenza che accoglie la revocatoria effetti traslativi o restitutori dei beni alla stessa si applica l’imposta di registro in misura fissa
  • in tema di accordo transattivo invece l’agenza cita l’art 1965 del cod civ che richiama appunto la definizione di contratto transattivo e fa riferimento anche all’art 29 del DPR 131/86 secondo il quale “Per le transazioni che non importano trasferimento di proprietà o trasferimento o costituzione di diritti reali l'imposta si applica in relazione agli obblighi di pagamento che ne derivano senza tenere conto degli obblighi di restituzione né di quelli estinti per effetto della transazione; se dalla transazione non derivano obblighi di pagamento l'imposta è dovuta in misura fissa”.

Perciò, nel caso di transazioni l’imposta si applica in relazione alle disposizioni negoziali contenute nell’atto di transazione e nel caso di specie l’effetto giuridico prodotto dalla transazione da assoggettare a tassazione è il trasferimento del diritto di proprietà dei beni aziendali trasferiti all’epoca.

Ma riepiloghiamo il contenuto dell'interpello.

Il Curatore Fallimentare istante rappresenta di aver promosso una azione giudiziale di revocatoria ordinaria ai sensi dell’art 66 del Regio Decreto del 1942 n 267 e dell’art 2901 del codice civile verso una società in quanto conferitaria del ramo d’azienda della azienda fallita.

Il ramo d’azienda ha come oggetto l’attività di estrazione e comprende:

  • beni mobili
  • terreni

descritti nella relazione di stima allegata all’atto di conferimento

Durante la revocatoria la società conferitaria ha proposto una soluzione transattiva secondo la quale le parti concordano di risolvere con efficacia retroattiva l’operazione di conferimento e la retrocessione del ramo d’azienda alla curatela.

La procedura del fallimento prima di poter accettare la transazione deve sottoporre al comitato dei creditori e al giudice delegato del fallimento le conseguenze fiscali delle due soluzioni ossia le conseguenze di:

  • accettazione della transazione
  • sentenza di accoglimento della revocatoria

Il Curatore istante domanda se:

  • in caso di sentenza di accoglimento della domanda di revocatoria è applicabile l'imposta di registro in misura fissa;
  • in caso di stipula dell'atto negoziale chiarimenti in merito alla tassazione ai fini dell'imposta di registro, e in particolare se:
  1. l'atto transattivo sia soggetto a tassa di registro in misura proporzionale con riferimento agli immobili, ovvero si applichi, nel caso si tratti di un trasferimento di compendio aziendale, l'articolo 51 comma 4 del d.P.R. n. 131 del 1986, quindi al netto delle passività aziendali;
  2. nel caso di tassazione in misura proporzionale del valore dei terreni sia corretto il riferimento all'articolo 28 del d.P.R. n. 131 del 1986;
  3. il valore dei terreni risultante dalla perizia di stima asseverata escluda una rettifica degli stessi, tenuto conto che nell'atto di provenienza il valore dei terreni era indicato per un importo molto più alto;
  4. trova applicazione l'articolo 52, comma 4 del d.P.R. n. 131 del 1986, ai sensi del quale non si procede a rettificare il valore dei terreni se dichiarato in misura superiore a moltiplicatore della rendita catastale.

La soluzione interpretativa proposta dal Curatore Istante è la seguente:

  • in caso di sentenza di accoglimento della revocatoria l’imposta di registro è stabilita in misura fissa ai sensi dell’art 8 comma 1 lett. e) della Tariffa allegata al DPR 131/86
  • nel caso di stipula di atto transattivo che regoli la risoluzione con efficacia retroattiva del conferimento del ramo d’azienda troverebbero applicazione le imposte ipotecarie, catastali e di registro in misura proporzionale sul valore dei beni oggetto della retrocessione.

Dato che il complesso dei beni oggetto del ramo di azienda ha smesso di svolgere la propria attività di impresa, secondo l’agenzia nel caso di specie si applicherà l’imposta relativa al trasferimento di terreni agricoli e di macchinari ovvero rispettivamente:

  • il trasferimento dei terreni agricoli è soggetto alla aliquota del 15% per l'imposta di registro, per le impsote ipocatastali a del 2% e dell'1%  
  • il trasferimento dei macchinari all'aliquota del 3% per l'imposta di registro

Per quanto concerne invece il valore dei terreni l’agenzia risponde che non si applica il regime di valutazione catastale (ai sensi dell’art 52 comma 4 del TUIR) perché gli uffici non possono rettificare il valore o il corrispettivo degli immobili nei casi in cui il valore sia dichiarato in misura non inferiore a quello catastale, moltiplicato per i coefficienti previsti dalla norma.

Ai sensi del DL 223/2006 (che ha modificato il comma 5-bis dello stesso arti 52 su citato) il limite al potere di accertamento di valore trova applicazione solo nelle cessioni di immobili ad uso abitativo e relative pertinenza che si realizzano tra privati

In conclusione per gli atti che hanno ad oggetto beni immobili e diritti reali immobiliari la base imponibile è costituita dal valore venale in comune commercio alla data dell’atto o se superiore dal corrispettivo pattuito.

 

Allegato

Risposta a interpello del 18.09.2020 n. 380

Tag: IMPOSTA DI REGISTRO IMPOSTA DI REGISTRO IPOTECARIA E CATASTALI IPOTECARIA E CATASTALI

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

CODICE DELLA CRISI D'IMPRESA E DELL'INSOLVENZA 2022 · 10/08/2022 Vendita diretta immobili privi di rendita catastale: novità nel Semplificazioni

Conversione decreto semplificazioni: ecco cosa cambia in caso di vendita diretta immobili privi di rendita catastale su proposta del debitore

Vendita diretta immobili privi di rendita catastale: novità nel Semplificazioni

Conversione decreto semplificazioni: ecco cosa cambia in caso di vendita diretta immobili privi di rendita catastale su proposta del debitore

Trasferimenti fabbricati imprese: i requisiti per avere le imposte in misura fissa

La perdita della agevolazione su imposta ipotecaria e catastale nei trasferimenti di fabbricati da parte di imprese di costruzione acquistati fino al 31.12.2021

Planimetrie catastali: la consultazione degli agenti immobiliari tramite delega

Le Entrate con provvedimento definiscono le modalità di consultazione telematica delle planimetrie: i dettagli sulla delega

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.