HOME

/

FISCO

/

REDDITI SOCIETA' DI CAPITALI 2022

/

OMESSO VERSAMENTO MAGGIORAZIONE DELLO 0,40% SULLE IMPOSTE: VALIDO MA INSUFFICIENTE

2 minuti, Redazione , 06/08/2020

Omesso versamento maggiorazione dello 0,40% sulle imposte: valido ma insufficiente

Sanzione solo per l’importo omesso, applicabile quindi sulla maggiorazione non versata, se il versamento delle imposte è avvenuto entro il termine differito di 30 giorni

In sede di dichiarazione dei redditi, i contribuenti possono avvalersi, per il versamento delle imposte, del maggior termine previsto dal comma 2 art. 17 DPR 435/2001, ovvero possono effettuare il versamento entro il trentesimo giorno successivo ai termini ivi previsti, maggiorando le somme da versare dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo

L'omesso versamento della sola maggiorazione dello 0,40% non pregiudica per il contribuente il versamento nel lungo periodo delle imposte da Dichiarazione dei redditi, pertanto il pagamento effettuato nei 30 giorni successivi alla prima scadenza è da considerarsi, in ogni caso, tempestivo, mentre l’omesso versamento della maggiorazione si considera un mero pagamento insufficiente

Lo ha stabilito la Cassazione con Sentenza n. 16645 depositata il 4 agosto 2020, che qui alleghiamo, affermando così il principio di diritto secondo il quale "la maggiorazione di cui all'art. 17, comma 2, d.P.R. n. 435 del 2001, ratione temporis applicabile, ha natura di interessi corrispettivi dell'imposta dovuta a favore dell'erario a fronte del maggior periodo di giorni 30 concesso al contribuente per il pagamento, sicché l'omesso versamento della sola maggiorazione nel più lungo termine costituisce pagamento parziale ma non determina la decadenza dal termine prorogato".

Ne deriva che il pagamento operato nei trenta giorni successivi alla prima scadenza è, in ogni caso, tempestivo, integrando l'omesso versamento della maggiorazione solo un'ipotesi di pagamento parziale. Tale esito influisce sulla determinazione della sanzione che, pertanto, in forza dell'art. 13, comma 1, d.lgs. n. 471 del 1997 (per cui «chi non esegue, in tutto o in parte, alle prescritte scadenze, i versamenti ... è soggetto a sanzione amministrativa pari al 30% di ogni importo non versato») deve essere calcolata sulla sola differenza tra quanto versato (nella specie, l'importo originario dell'imposta) nel termine differito e quanto dovuto (l'importo dell'imposta più la maggiorazione).

La Cassazione osserva che sul piano letterale, quanto disposto dall'art. 17, commi 1 e 2, d.P.R. n. 435 del 2001, si riferisce allo stesso tributo, rispetto al quale sono contemplati due distinti termini per l'adempimento, che si differenziano solo per il riconoscimento a favore dell'Ufficio degli interessi maturati, determinati in via forfettaria. Conseguentemente il riconoscimento degli interessi non rappresenta una "condizione" per accedere al secondo termine, ma solo il "corrispettivo" riconosciuto all'Ufficio a fronte del "vantaggio" per il contribuente individuato nel maggiore periodo concesso per il pagamento (nonché, correlativamente, della più lunga disponibilità di una somma spettante all'erario).

Allegato

Cassazione Sentenza n. 16645 depositata il 04.08.2020

Tag: REDDITI PERSONE FISICHE 2022 REDDITI PERSONE FISICHE 2022 REDDITI SOCIETA' DI CAPITALI 2022 REDDITI SOCIETA' DI CAPITALI 2022 REDDITI SOCIETÀ DI PERSONE 2022 REDDITI SOCIETÀ DI PERSONE 2022

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

REDDITI SOCIETA' DI CAPITALI 2022 · 22/06/2022 Dichiarazioni integrativa: non è possibile per le ravvedute

Dichiarazione fiscale integrativa: quando è possibile secondo le Entrate. I chiarimenti in Telefisco 2022 del 15 giugno

Dichiarazioni integrativa: non è possibile per le ravvedute

Dichiarazione fiscale integrativa: quando è possibile secondo le Entrate. I chiarimenti in Telefisco 2022 del 15 giugno

Gli effetti della cessione dei beni rivalutati nel 2021 e i risvolti dichiarativi

Cessione beni rivalutati nel 2021: guida alla compilazione della dichiarazione dei redditi

Bonus facciate nel modello Redditi 2022

Dichiarazione dei redditi 2022: guida alla compilazione per beneficiare del bonus facciate per Redditi Società di persone e Redditi società di capitali e ENC

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.