HOME

/

FISCO

/

EMERGENZA CORONAVIRUS- GREEN PASS

/

LAVORO STAGIONALE TRASFRONTALIERI E COVID 19: LINEE GUIDA UE

3 minuti, Redazione , 22/07/2020

Lavoro stagionale trasfrontalieri e COVID 19: linee guida UE

Linee guida per garantire la protezione dei lavoratori stagionali trasfrontalieri UE e di paesei terzi contro il Coronavirus

Il 16 luglio 2020 la Commissione europea ha adottato le Linee guida per garantire la protezione dei lavoratori stagionali nell’UE  contro il Coronavirus .

Il documento , che alleghiamo in fondo all'articolo, fornisce  specifiche indicazioni riguardo la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro alle Autorità nazionali, alle parti sociali e ai lavoratori .

Va innazitutto ricordato che solo piu di 17miloni e mezzo i cittadini eruropei che vivono o lavorano in stati diversi da quelli della loro nazionalità e che in particolari settori come agroalimentare e turismo,   è fondamentale l'apporto  dei lavoratori stagionali, che si attestano tra  le ottocentomila e 1 milione di unità.

E' il  regolamento (CE) n. 883/2004  che ha fissato la normativa in materia di sicurezza sociale applicabile ai lavoratori stagionali e stabilisce che i lavoratori dell'UE che esercitano il diritto alla libera circolazione sono soggetti   al sistema di sicurezza sociale di un solo Stato membro alla volta. Lo scopo è evitare casi di doppia copertura o lacune nella copertura di tali lavoratori. Né il lavoratore né il datore di lavoro hanno la possibilità di scegliere in quale Stato membro il lavoratore è assicurato20: la legislazione applicabile risulta oggettivamente dalle disposizioni del regolamento sulla base della situazione personale e professionale del lavoratore. 

 Un punto che viene particolarmente sottolineato  è il fatto che la mancanza di informazioni in merito ai diritti e agli obblighi dei lavoratori stagionali e dei loro datori di lavoro hanno conseguenze dirette sulla protezione di tali lavoratori. La Commissione invita pertanto gli Stati membri a intraprendere ampie campagne di informazione,  sia per i datori di lavoro che i  lavoratori stagionali, sulle norme applicabili e sui diritti dei lavoratori stessi . Si segnala che la  direttiva 91/533/CEE , (superata poi dalla  DIRETTIVA (UE) 2019/1152 del 20 giugno 2019)   definiva già le informazioni essenziali che i lavoratori, devono ricevere dal loro datore di lavoro per iscritto entro due mesi dall'inizio del rapporto di lavoro una informativa contenente:  descrizione del lavoro da svolgere, la data di inizio e  fine del rapporto di lavoro, la durata delle ferie retribuite, il livello e gli elementi costitutivi della retribuzione, la durata normale giornaliera o settimanale del lavoro e gli eventuali contratti collettivi applicabili. Gli Stati membri possono tuttavia escludere alcune categorie di lavoratori  dai requisiti minimi (ad esempio quando la durata complessiva del periodo di occupazione non è superiore a un mese). La Commissione invita gli Stati membri a disporre affinché i datori di lavoro siano tenuti a fornire tali informazioni ai lavoratori stagionali, in una lingua che essi comprendono, indipendentemente dalla durata del periodo di occupazione.

Le autorità nazionali  in particolare sono chiamate ad applicare le regole e le raccomandazoni definite in sede europea  in particolare

  • assicurare condizioni di lavoro e di vita adeguate
  • migiorare la consapevolezza dei datori di lavoro sulla normativa vigente
  • fornire alle aziende di piccole dimensioni guide pratiche di applicazione delle norme in materia di salute e sicurezza
  • rafforzare i controlli ispettivi per l'applicazione delle regole riguardanti i lavoratori stagionali 

Riguardo i prossimi obiettivi la Commissione annuncia una audizione con le parti sociali europee sui lavoratori stagionali , per  riflettere su azioni specifiche relative alla salute e sicurezza sul, nel contesto del prossimo quadro strategico dell'UE in materia di salute e sicurezza sul lavoro

La Commissione continuerà altresì a collaborare con l'Autorità europea del lavoro (ELA)  e  con l'organismo deputato alla  sicurezza nel lavoro in Europa EU -OSHA

Per quanto riguarda più specificamente i lavoratori stagionali cittadini di paesi terzi, la Commissione sta attualmente conducendo la valutazione del recepimento della direttiva 2014/36/UE da parte degli Stati membri.

Allegato

Linee guida UE lavoro stagionale e COVID 19

Tag: EMERGENZA CORONAVIRUS- GREEN PASS EMERGENZA CORONAVIRUS- GREEN PASS LA RUBRICA DEL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

EMERGENZA CORONAVIRUS- GREEN PASS · 08/08/2022 Green pass, assenze e sospensioni: le istruzioni ai datori di lavoro

Mancanza di certificazione verde Inps ha pubblicato le istruzioni operative sui trattamenti retributivi previdenziali e assistenziali. Possibile rimborso dei contributi versati

Green pass, assenze e sospensioni:  le istruzioni ai datori di lavoro

Mancanza di certificazione verde Inps ha pubblicato le istruzioni operative sui trattamenti retributivi previdenziali e assistenziali. Possibile rimborso dei contributi versati

Bonus 200 euro lavoratori autonomi occasionali e co.co.co: guida all’invio della richiesta

Guida alla presentazione dell’istanza di richiesta all’INPS del contributo una tantum di 200 euro per lavoratori autonomi occasionali e collaboratori coordinati e continuativi

Crisi politica: 92 voti di fiducia per Draghi in Senato. L'appello dei professionisti

I consigli nazionali dei professionisti chiedono al governo e alle parti politiche una rapida soluzione della crisi che "ridia stabilità al Paese"

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.